Se gli Steli del Ciclamino non crescono più ecco cosa stai sbagliando

Il ciclamino è di certo immancabile sui nostri balconi o sui nostri davanzali che sporgono in strada dai quali fare sfoggio dei suoi fiori dai colori brillanti e spesso variegati.

Ti capita mai di attendere la stagione invernale con trepidazione per poi renderti conto che i tuoi ciclamini sono pieni di boccioli ma questi hanno degli steli piccolissimi e restano per molto tempo sotto il fogliame?

Alcuni addirittura restano lì e non fioriscono, ed è chiaro che la delusione è tanta per la mancata fioritura tanto attesa.

Ma vediamo insieme quali possono essere le cause del fatto che gli steli dei fiori non crescono e come intervenire.

Fa troppo freddo

Nonostante il ciclamino sia una pianta che prospera nei mesi freddi, non molti sanno che in realtà questa pianta non ama il freddo, almeno non quello pungente e drastico.

La temperatura ideale affinché il ciclamino prosperi e faccia sfoggio di belle fioriture è quella che va dai 10 ai 18 gradi.

Scendere sotto i 10 gradi vuol dire porre il ciclamino in una condizione di stress, al quale deve necessariamente sopravvivere e così facendo concentra tutte le sue energie a tale scopo, non impegnandole di certo per la fioritura.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Proprio durante i mesi invernali, quando pensiamo che sia il clima giusto per il nostro ciclamino, dobbiamo prestare molta attenzione alle gelate.

Sarebbe il caso di riparare il ciclamino in un luogo in cui possa godere della sua temperatura ideale, spostandolo in casa, in una piccola serra creata appositamente per lui, con un telo in plastica che possa proteggere il nostro ciclamino dal freddo.

Il ciclamino è interrato male

Se abbiamo recentemente rinvasato i nostri ciclamini forse potremmo aver commesso un errore. Probabilmente abbiamo interrato completamente il corpo tuberoso del ciclamino che, essendo completamente sepolto, non ha la possibilità di elevare i suoi steli verso l’alto.

C’è un motivo per cui il ciclamino in vaso ha l’apice del suo grosso tubero fuori dal terriccio: è proprio da lì direttamente che partono foglie e steli, non sviluppa rami su cui crescono foglie o fiori.

Questo può accadere anche se, a seguito di abbondanti innaffiature, il terriccio si è spostato tutto sul corpo tuberoso e lo ha ricoperto completamente.

In questo caso provvedi a tirar fuori dalla terra l’apice o potresti ostacolare la buona crescita degli steli dei fiori.

Provvedi a concimare

Per una fioritura ideale il ciclamino ha bisogno non solo delle condizioni ideali quali temperatura ed esposizione, ma in questo caso anche di tutti i nutrienti di cui necessita per avere le forza necessaria ad allungare tutti gli steli dei suoi splendidi fiori.

A questo proposito hai dato del fertilizzante ai tuoi ciclamini nel periodo precedente la fioritura?

Se non lo hai fatto forse è per questo motivo che nonostante la pianta abbia impiegato tutte le sue energie e nutrienti per poter produrre fiori, non riesce a portare a termine l’obiettivo lasciando i suoi boccioli piccoli su steli corti.

Puoi provare a rimediare nutrendo proprio in questo momento, anche se un po’ in ritardo, il tuo ciclamino, con fertilizzanti ad alto contenuto di fosforo che possano aiutarlo a fiorire ed allungare i suoi fiori verso l’alto.

Fertilizzanti NPK come quelli 4-20-4, sigla che sta ad indicare proprio la maggiore quantità di fosforo, possono essere un valido aiuto, da somministrare ogni 15 giorni, su di un terriccio già umido.

Puoi ricorrere anche a fertilizzanti fai da te a base di fondi di caffè per soddisfare le esigenze di fosforo dei tuoi ciclamini e così facendo incentivarne la fioritura.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.