Cosa faccio ora che la fioritura della mia Ortensia è terminata?

Chi non si è mai fermato, anche solo per qualche secondo, a osservare estasiato i suoi piccoli, delicati ma abbondantissimi fiori? Parliamo dell’Ortensia.

Questa pianta da giardino o balcone ha un aspetto cespuglioso e il colore dei suoi fiori, che possono essere bianchi, rosa e blu, dipende dal pH del terreno. La sua crescita è costante e veloce tanto da poter diventare, in alcune situazioni, quasi infestante.

Di solito, la sua fioritura ha inizio ad aprile, maggio o inizio giugno (a seconda di quanto in anticipo arrivino le alte temperature) e dura circa 8 settimane, raramente qualcosa in più. Questo significa che a fine luglio e soprattutto ad agosto, la fioritura termina e la pianta inizia lentamente a perdere i suoi colori.

Se ti stai chiedendo come trattare l’ortensia proprio adesso che ha smesso di fiorire, sei nel posto giusto! Ecco alcuni suggerimenti.

Pota i fiori secchi

Sicuramente una delle prime cose da fare una volta che la tua ortensia ha smesso di fiorire è controllare la sua chioma alla ricerca di quei fiori secchi che non si sono staccati dalla pianta.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Pur essendo nella maggior parte dei casi innocui, questi fiori a lungo andare potrebbero marcire e favorire lo sviluppo di malattie o infezioni sulla pianta.

Importante, quindi, è staccarli con le mani o con delle cesoie (prima di usarle, puoi pulirle usando questo metodo).

Se noti la presenza di rami totalmente secchi, anche se normalmente la pianta andrebbe potata in maggior misura agli inizi della primavera o dell’autunno, puoi già staccarli.

Per quanto riguarda la potatura autunnale o primaverile, qui trovi tutti i consigli più utili.

Continua a concimare

La fine del periodo di fioritura non coincide, come abbiamo già visto, con il termine dell’estate. Le temperature continuano a essere alte e l’ortensia è ancora in una fase ottimale per la sua crescita.

Ecco perché non dovresti smettere di concimare la pianta. La fase di concimazione inizia a fine marzo/aprile e termina solo a settembre inoltrato.

Puoi concimarla con la cornunghia, un fertilizzante a cessione lenta di origine animale e ricco di azoto oppure chiedere al vivaio un fertilizzante specifico per piante da fiore. Qui puoi trovare alcune alternative di concimazione.

Importante è tener conto che, prima della fioritura, l’ideale è un concime con una minor concentrazione di azoto e una più alta concentrazione di altri elementi (come fosforo e potassio). Dopo la fioritura, invece, la concentrazione di azoto deve essere più elevata.

Attenti al pH: alcuni concimi possono aumentare o diminuire il pH del terreno, cambiando il colore dei fiori per il successivo periodo di fioritura.

Innaffia leggermente di meno

Il caldo estivo e l’afa, nonostante le alte capacità di resistenza di questa pianta, possono davvero debilitarla. Ragion per cui, tra giugno e agosto, le innaffiature devono essere di norma molto abbondanti.

Dopo la fioritura, però, la pianta tende ad assorbire un po’ meno acqua.

Pur dovendo, quindi, innaffiare con regolarità, diminuite leggermente il carico d’acqua da somministrare. Un consiglio è quello di controllare sempre lo stato del terreno e innaffiare solo quando questo risulta non più umido o tendente al secco.

Scopri qui altre caratteristiche e bisogni di questa pianta.

Cosa succede nei prossimi mesi?

Una volta terminata la fase di fioritura, la pianta si prepara a entrare in nuove fasi del suo ciclo biologico.

Agosto – inizio Settembre

La pianta continuerà ad essere in pieno ritmo vegetativo finché le temperature non iniziano ad abbassarsi.

Ad agosto e agli inizi di settembre, quindi, tende ancora a crescere ed è raro ma non impossibile che spunti qualche altro gruppo di fiori colorati.

Fine Settembre – Ottobre

A questo punto, entrerà in una fase di riposo vegetativo che durerà fino alla fioritura successiva.

Seppur manca ancora un po’ di tempo a questa fase, ricorda che a quel punto dovrai smettere di concimarla e ridurre le innaffiature al minimo.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".