Come prendere i semi di camelia e piantarli

La coltivazione di camelie dai semi è una delle parti più affascinanti della moltiplicazione della camelia.

A differenza delle talee, della stratificazione aerea o dell’innesto, le camelie cresciute dai semi non saranno esattamente come la pianta madre.

Tutte le piantine di camelia saranno leggermente diverse dalle loro piante madre. Ciò significa che ogni piantina ha il potenziale per essere una nuova varietà.

I baccelli che contengono i semi spuntano sulle tue piante dopo la fioritura e basta sapere come estrarli per poi piantare la nuova camelia.

Scopriamolo insieme!

Quando si forma il baccello con i semi

Allevare le camelie dal seme è come allevare dei figli: saranno tutti diversi e alcuni risulteranno migliori di altri.

La stragrande maggioranza delle nuove varietà di camelia proviene da proprio dai semi che creano queste variabili.

I baccelli delle camelie iniziano a svilupparsi al momento della fioritura. Dopo che un fiore è stato impollinato, può iniziare a formarsi un baccello.

All’inizio è piccolo e potrebbe anche non essere notato, ma se sopravvive per un po’ più a lungo, probabilmente noterai i baccelli tra la tarda primavera e l’inizio dell’estate.

Ogni specie di camelia è leggermente diversa dalle altre, per questo anche i baccelli avranno un aspetto diverso da specie a specie e maturerà in momenti diversi.

Come capire che i semi sono maturi

I semi di Camellia japonica tendono a maturare prima di molte altre specie. Di solito inizi a vedere i baccelli dei semi che si aprono tra la metà e la fine dell’estate.

Se vedi alcuni baccelli di semi di Camellia japonica che si aprono, assicurati che i semi all’interno dei baccelli siano neri. Questa è un’indicazione che sono maturi.

Se sono maturi, puoi tranquillamente raccogliere i baccelli rimanenti sulle tue camelie.

Lo stesso si direbbe con il seme della Camellia sasanqua. Se non sei sicuro che il seme sia maturo, puoi prendere un coltello e tagliare un baccello per vedere se il seme è nero e maturo.

Una delle cose più deludenti che può accadere è vedere un baccello che si è aperto prima che tu te ne accorgessi.

In questo caso, il seme potrebbe essere caduto ed essere andato perso. Un metodo per evitare che il seme si perda è legare un piccolo pezzo di una calza di nylon attorno al baccello per evitare che cadano a terra.

Non aspettare che si seccano

I semi di camelia non hanno bisogno di seccarsi.

Questo è molto importante da ricordare. Con il passare del tempo, i semi di camelia si seccano rapidamente, quindi devono essere piantati subito dopo il raccolto o conservati in frigorifero.

Quando vengono raccolti, i baccelli devono essere aperti con un coltello per raggiungere il seme oppure possono essere posti in un luogo asciutto come all’interno della casa per alcuni giorni.

Ciò farà sì che i baccelli si aprano permettendoti di raggiungere facilmente il seme. Una volta ottenuto il seme, dovrai piantarli o conservarli.

Come far germinare i semi

Ci sono molti modi per far germogliare i tuoi semi una volta raccolti. Devi assicurarti che il seme si trovi in ​​un ambiente umido.

In natura, il seme cade dalla pianta quando i baccelli si spezzano. Questi semi finirebbero nel terreno sotto le piante.

Questo è il motivo per cui non è raro che spuntino piccole piantine di camelia sotto quelle grandi da cui è caduto il seme.

Nel piantare il seme, devi imitare queste condizioni naturali. Il compost naturale, i terreni di semina, il muschio di torba e lo sfagno sono solo alcuni dei mezzi che potrebbero essere utilizzati per la germinazione.

Alcuni mettono a bagno i loro semi durante la notte prima di piantarli. L’idea alla base di questo è vedere quale seme affonda e quale seme galleggia.

Se un seme affonda, è molto probabile che germini. Se un seme galleggia, potrebbe rivelarsi un guscio di seme vuoto e probabilmente non germoglierà.

Questo ammollo può aiutare a ottenere l’umidità nel seme e iniziare la fuoriuscita del seme.

Altri invece avvolgono i loro semi in un tovagliolo di carta umido e li mettono in un forno a microonde per alcuni secondi.

Questo dovrebbe accelerare il tempo di germinazione. Se provi questo, fai attenzione a non lasciarli nel microonde per più di 6 secondi. Se li lasci troppo a lungo, potresti danneggiare il seme.

Il metodo classico invece per far germinare i semi è riempire i vasi con del terreno, stendere il seme e coprirlo leggermente.

Mantieni i vasi umidi e quindi separa le piantine dopo che sono germinate. Ogni piantina può essere invasata in contenitori singoli o piantata nel terreno dopo la germinazione.

Questo è il modo più semplice per far germinare i semi.

Conserva i semi se non puoi piantarli

Se non puoi piantare il seme immediatamente, puoi conservare il seme in frigorifero per un massimo di quattro anni.

Molte volte, il seme inizierà effettivamente a germogliare in frigorifero dopo un periodo di tempo.

Se vuoi conservare i semi, puoi anche avvolgerli in un tovagliolo di carta umido ma non zuppo e metterli all’interno di un sacchetto per alimenti. Sigilla il sacchetto e mettilo in frigorifero finché non sei pronto per piantare il seme.

Le piantine richiedono molta pazienza. Potrebbero essere necessari da tre a quattro anni prima che le tue piantine maturino e fioriscano.

Non sai mai esattamente come andrà a finire, ma quando fai fiorire la tua piantina per la prima volta, è una sensazione che non dimenticherai mai.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.