Conosci la Sansevieria a “Ventaglio”?

La Sansevieria cylindrica è una pianta molto conosciuta che però la maggior parte delle volte trovi con le foglie dritte verso l’alto.

Ma se ti dicessi che non è quello che siamo soliti vedere il suo reale aspetto in natura?

In realtà la sua abitudine di crescita è proprio “a ventaglio” con le foglie che si diramano da un solo centro.

Ma allora perché viene venduta con le foglie ritte in verticale?

Scopriamolo insieme!

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Sansevieria cylindrica dalla forma innaturale

Spesso, anzi quasi sempre, ti capita di vedere un vaso di sansevieria cylindrica dalle foglie ritte verso l’alto, ma in natura non si presenta proprio così.

La sansevieria cylindrica fa crescere le sue foglie da un unico centro da cui si diramano a ventaglio le foglie nuove.

E allora perché continui a vedere sansevierie dalle foglie ritte? Questo avviene perché la sansevieria cylindrica che vendono come pianta d’appartamento non è un’unica pianta ma un insieme di talee di foglia.

Sono cioè tante foglie posizionate in quel modo dall’uomo e che hanno radicato come talee, dunque non stai acquistando una singola pianta.

Meglio una sansevieria dalle foglie ritte o a ventaglio?

Ma allora quale delle due bisogna prendere? Beh, dipende!

Se vuoi una pianta decorativa che abbia un aspetto ordinato allora potrai prendere quella composta di talee, ma ad una condizione: saranno più deboli.

Poiché sono talee che hanno radicato da poco le chance che durino a lungo è minore rispetto ad una sansevieria cylindrica dalle foglie a ventaglio che invece è matura ed ha un apparato radicale robusto.

Le sansevierie composte di talee potrebbero ammalarsi più facilmente di una pianta correttamente coltivata.

Cura della sansevieria cylindrica

Avrai in entrambi i casi bisogno di alcuni consigli su come coltivarle in entrambe le forme per mantenerle in salute. Vediamo insieme le condizioni più importanti.

Ogni quanto innaffiare

Innaffia la sansevieria cylindrica solo quando il terreno è completamente asciutto.

Seguire un programma di irrigazione non è appropriato per queste piante in quanto è necessario essere dinamici e adattare le cure alle esigenze della pianta.

Se il cylindrica ha un punto debole è l’eccesso di acqua, molto facilmente un terreno sempre umido porterà al marciume.

Se la base degli steli diventa gialla o gonfia, significa che hai innaffiato troppo. Innaffia abbastanza che il terreno sia tutto umido, ma drena completamente prima della prossima irrigazione.

Luce ottimale

La luce solare indiretta o il pieno sole sono perfetti per queste piante. Ispeziona le foglie di tanto in tanto se la pianta è in pieno sole per lunghi periodi di tempo per verificare la presenza di segni di scottature, scolorimento e danni.

La luce intensa però promuove foglie più robuste e sane.

La somma di queste caratteristiche porta a dedurre che la cylindrica è un’ottima pianta da esterno, ma può tollerare anche la coltivazione in casa.

Terreno adatto

Come per tutte le piante grasse, l’aspetto più importante della cura è un terreno drenante.

È fondamentale che il terreno dreni rapidamente e che il vaso non trattenga l’acqua.

Usa il terriccio specifico per le piante grasse o crea tu la miscela perfetta.

Usa il fertilizzante con parsimonia nel terreno della tua pianta poiché un’eccessiva fertilizzazione può bruciare le sue radici.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.