Perché la tua Campanula non fiorisce

La campanula è una pianta erbacea perenne che ha un aspetto cespuglioso.

Viene spesso coltivata per le sue fioriture viola e quando sono in fiore sono un’esplosione di colore grazie ai numerosi fiorellini.

Proprio per questo, quando non fiorisce potrebbe essere un problema, dato che viene coltivata proprio per la sua abbondante fioritura.

È probabile che ci sia qualcosa di errato nella tua coltivazione ma potrebbe dipendere anche dal tipo di varietà che stai coltivando.

Scopriamo insieme perché la tua campanula non fiorisce!

Fioritura in base alla varietà

Quando coltivi la campanula, assicurati anche della sua varietà.

Questo perché, a seconda della specie, hanno periodi di fioritura diversi e se può sembrarti strano che abbia già smesso di fiorire, magari è solo perché la varietà che stai coltivando ha tempi diversi.

Ad esempio, la Campanula portenschlagiana, che cresce molto bassa (chiamata per questo campanula nana), fiorisce abbondantemente da maggio a settembre.

Mentre la Campanula platycodon o grandiflora, inizia a fiorire da giugno e la fioritura si protrae per tutta l’estate.

Poca luce

Uno dei motivi di mancata fioritura della tua campanula è che non sta ricevendo la luce di cui ha bisogno per fiorire.

Le campanule hanno bisogno di un’ottima esposizione alla luce del sole, possono crescere anche a mezz’ombra ma le fioriture saranno più ricche se esposte al sole.

Nel particolare, se vivi in una zona molto calda è preferibile che nelle ore più calde la pianta sia esposta alla mezz’ombra.

Se invece la coltivi in una zona in cui le temperature sono fresche, allora va bene il pieno sole per garantire una buona crescita e una fioritura ricca.

Concime errato

Se la tua campanula fa crescere molte foglie e pochi fiori allora potrebbe trattarsi di un problema di concimazione.

Se sulla tua pianta ci sono un sacco di foglie a scapito dei fiori è solitamente dovuto all’abbondanza di azoto. Se hai concimato con un prodotto a base di azoto, allora è questo il problema.

In termini generali, l’azoto produce una crescita verde rigogliosa, il fosforo aiuta a rafforzare gli steli e a produrre fiori e il potassio mantiene sano l’apparato radicale.

Usa un concime con basso contenuto di azoto e ad alto contenuto di fosforo. Puoi capirlo dalle 3 cifre presenti sull’etichetta: la prima cifra è quella relativa alla percentuale di azoto (che deve essere più bassa per le campanule), la seconda è relativa al fosforo e la terza al potassio.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.