Come curare la camelia?

La camelia (Camellia) è un genere di piante della famiglia delle Theaceae, originario delle zone tropicali dell’Asia.

Il nome del genere deriva dal nome del missionario Georg Joseph Kamel, botanico, che per primo importò la pianta dal Giappone.

Regine dei fiori invernali, le camelie sono arbusti sempreverdi molto apprezzati per la bellezza delle loro fioriture.

Un mito comune sulle camelie è che sono molto esigenti e difficili da coltivare. Le camelie, invece, sono piante semplici da coltivare se sono posizionate nel luogo giusto e con le dovute cure.

Caratteristiche

Qui troverai le principali caratteristiche che contraddistinguono le camelie, a partire dalle varietà che conosciamo.

Varietà

Da quando sono state importate in Europa, le camelie sono state riprodotte artificialmente attraverso degli incroci, per questo, ne abbiamo di tanti colori diversi.

Ma tra le specie che esistono in natura troviamo:

  • Camellia sasanquas: hanno fiori più piccoli ma di solito hanno più fiori delle Japonicas. Questa varietà preferisce il sole all’ombra parziale. Tendono a crescere più larghe e basse.
  • Camellia japonica: conosciuta anche come camelia giapponese. Queste piante sono sempreverdi e fioriscono all’inizio della primavera.
  • Camellia sinensis: è la camelia del tè. Il tè è stato coltivato per la prima volta in Cina più di duemila anni fa. La storia racconta che un imperatore cinese era stanco e stava scaldando dell’acqua sotto un albero. Alcune delle foglie dell’albero caddero nella sua pentola. Quando lo assaggiò scoprì che era dolce e amaro allo stesso tempo e lo bevve tutto.

C’è una vasta gamma di colori per i fiori di camelia. Molti hanno fiori multicolori, ma i colori più comuni dei fiori di camelia nei giardini sono il rosa, il rosso o il bianco.

Esposizione

La maggior parte delle camelie preferisce una posizione più ombreggiata, ma ci sono molte varietà che andranno bene in un posto più luminoso.

In generale, le camelie crescono e fioriscono meglio in ombra parziale: il sole della mattina e l’ombra del pomeriggio sono le condizioni ideali. Meglio anche se tenute al riparo dal caldo sole del pomeriggio.

Questo vale per le piante giovani, che crescono all’ombra di alberi ad alto fusto o quando vengono coltivate al lato nord di una casa.

Man mano che diventano più grandi e la loro chioma di foglie fa ombra e raffredda le loro radici, accetteranno più sole.

Fioritura

A seconda del clima e della varietà il periodo di fioritura può avere inizio in inverno o in autunno.

Le camelie Sasanquas fioriscono da metà autunno all’inizio dell’inverno, le camelie Japonicas fioriscono da metà inverno a primavera.

Scegli per il tuo giardino varietà con diversi periodi di fioritura per goderti le fioriture per un periodo prolungato.

Coltivazione e cura

Ecco alcune regole di base che devi seguire per goderti i loro splendidi fiori.

Terreno

Nella maggior parte dei giardini le camelie crescono in un terreno leggermente acido.

Il terreno deve avere buon drenaggio e le radici devono essere ben areate. Per un terreno drenante ti consiglio di miscelare il terriccio con inerti come perlite, lapilli, ghiaia o sabbia.

Quando innaffiare

L’acqua è un elemento vitale per il successo o il fallimento della coltivazione della camelia.

Troppa acqua potrebbe sviluppare marciume radicale, soprattutto se la tieni in un terreno che non fa scorrere via bene l’acqua in eccesso.

Poca acqua può causare la disidratazione della la tua pianta.

Questi problemi legati alle annaffiature potrebbero causare la morte delle piante. Assicurati che la tua pianta riceva acqua sufficiente per rimanere umida, ma non al punto da essere zuppa in ogni momento.

Un regolare apporto di acqua serve per lo sviluppo dei fiori. Se interrompi le annaffiature durante la fioritura, ciò può provocare la caduta dei boccioli dei fiori e la mancanza di fioriture in seguito.

Concime

Le camelie amano essere concimate in modo costante.

Scegli un fertilizzante fatto apposta per le camelie, crea un piano di fertilizzazione stagionale e rispettalo.

La scelta di un fertilizzante fatto per camelie e piante acidofile darà loro i giusti nutrienti.

Usare un comune concime liquido per una volta non fa nulla. In questo caso devi usarlo ogni 10 giorni durante la stagione di crescita affinché sia efficace.

Potatura

Puoi potare le tue piante per modellare le camelie come più ti piace, per mantenere la forma naturale delle piante.

La potatura dovrebbe essere eseguita dopo che l’inverno è passato. Le camelie creano boccioli di fiori a fine estate, quindi la potatura nel periodo sbagliato dell’anno ridurrà molto la fioritura.

Attenzione ad usare forbici da potatura pulite e disinfettate: se usi lame sporche le spore penetrano attraverso le ferite della pianta e possono farla morire.

Moltiplicazione

Per la moltiplicazione della camelia si usa il metodo della talea che è quello che dà più soddisfazione.

E’ preferibile aspettare l’estate per questa operazione. Per fare la talea bisogna tagliare un rametto non fiorito e togliere le foglie per 3/4 del ramo tranne le due o tre in cima.

Mettilo in un vasetto con dentro terriccio, torba e sabbia. E’ preferibile mettere sul vaso un sacchetto di plastica trasparente con qualche piccolo foro.

Innaffia e vaporizza tutti i giorni terra e foglie. Dopo circa 3 mesi, dovrebbe radicare.

Il vaso con la tua talea deve stare in casa o in una serretta sul balcone. Quando ha radicato, si mette in vaso con terriccio per acidofile.

Ci vorrà circa un anno per diventare una pianta adulta con fiori meravigliosi.

Malattie e parassiti

Non ce ne sono molti, ma incontrerai alcuni parassiti e malattie con le camelie. La prevenzione è sempre la via migliore.

  • Le cocciniglie sono insetti che possono attaccare le tue camelie. Di solito iniziano ad attaccare la parte inferiore delle foglie. Se non trattata, può diffondersi in tutte le parti della pianta e anche nelle piante vicine.
  • Gli acari vivono e si riproducono sul lato inferiore delle foglie e sono riconoscibili dal loro aspetto debole simile a polvere. Questi insetti possono essere controllati con trattamenti regolari con olio spray (in genere olio di neem) o insetticidi.
  • Gli afidi sono piccoli insetti verdi simili a formiche che di solito sono visibili in primavera quando appare la nuova crescita. Puoi trattare con insetticidi per controllare gli afidi che possono danneggiare il fogliame delle tue camelie. Gli afidi attirano anche le formiche che si nutrono delle loro secrezioni.

Il sintomo più comune degli afidi è la muffa fuligginosa nera che copre la parte superiore delle foglie.

L’unica cura è trattare con insetticida e poi pulire la muffa da ogni foglia. È un lavoro noioso, ma ne vale la pena. Tratta nuovamente con insetticida all’inizio della primavera per evitare una nuova infestazione.

Significato

In Cina, la camelia rappresenta l’unione tra due amanti. I petali stratificati rappresentano la donna, e il calice (la parte verde dello stelo che tiene insieme i petali) rappresenta l’uomo che la protegge.

Le due componenti restano uniti, anche dopo la morte: in genere, quando i petali di un fiore cadono, il calice rimane intatto ma con le camelie il calice e i petali cadono insieme, motivo per cui la camelia rappresenta anche l’amore eterno.

In generale, i fiori di camelia simboleggiano amore, affetto e ammirazione. Ogni colore ha il suo simbolismo:

  • Le camelie bianche simboleggiano adorazione e vengono date a qualcuno a cui vogliamo bene.
  • Le camelie rosa simboleggiano il desiderio di qualcuno e vengono date a qualcuno che ci manca.
  • Le camelie rosse simboleggiano amore, passione e desiderio profondo.
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.