Come coltivare la menta a casa?

Foglie profumate e sapore inconfondibile: avere una piantina di menta a casa fa davvero comodo.

La menta è una pianta che può decorare i vostri balconi o davanzali e allo stesso tempo offrirvi il prezioso dono delle sue foglie che potete utilizzare in cucina.

Amatissima dai salutisti in quanto le foglie contengono il mentolo, una sostanza dalle proprietà diuretichecalmanti e disinfettanti per il nostro organismo.

Ma, soprattutto, la menta è facilissima da coltivare. Basta seguire pochi ma importanti consigli per vederla prosperare.

Siete pronti per imparare i segreti per una piantina di menta sempre perfetta?

Scopriamoli insieme.

Attenzione: se avete qualche dubbio o perplessità, potete chiedere consiglio al vostro fioraio o giardiniere di fiducia che sicuramente sapranno offrirvi suggerimenti utilissimi.

Scegliete il posto giusto

Coltivare la menta in vaso non è difficile ma bisogna scegliere con cura il luogo giusto dove la vostra piantina può prosperare.

Se avete un balcone, è sempre meglio tenerla lì. La menta ama sia la luce sia la mezz’ombra, ma non esponetela troppo alla luce diretta.

Se volete, invece, tenere la menta in casa, mettete il vasetto sul davanzale di una finestra.

Innaffiate con regolarità

Acqua? Sì, grazie!

La menta ha bisogno di acqua per crescere e restare sana, ma ovviamente non dovrete esagerare.

Controllate regolarmente il terreno che deve rimanere sempre umido: quando appare più secco, è il momento di innaffiare.

N.B: quando innaffiate, versate l’acqua direttamente sul terreno senza bagnare anche le foglie.

La menta, infatti, non ama gli ambienti umidi.

Eliminate le foglie secche

Se la vostra piantina mostra foglie secche, niente paura.

Importante, però, è eliminarle per evitare che marciscano andando a danneggiare il resto della pianta.

Se a seccarsi sono tante foglie insieme, significa che la vostra piantina è in sofferenza: magari non la state innaffiando abbastanza.

Proteggete la pianta

La menta è sicuramente una pianta aromatica molto resistente, ma non indistruttibile!

Se la tenete sul balcone, proteggetela con un telo o portandola dentro in caso di piogge.

La pianta va portata in casa anche quando le temperature sono particolarmente rigide.

Concimate

La vostra piantina appare piccola e secca? Potete rinforzarla tramite la concimazione.

Il momento migliore per concimare la piantina di menta è la primavera, in prossimità del periodo più caldo.

Scegliete sempre concimi ad alto contenuto di potassioazoto e fosforo.

Un consiglio naturale? Le bucce di banana tagliate in piccoli pezzettini sono un concime straordinario.

Raccogliete le foglie in estate

Se avete bisogno urgentemente di qualche foglia di menta, potete tranquillamente staccarla dalla pianta in qualsiasi momento.

Tuttavia, se volete effettuare una vera e propria raccolta delle foglie della vostra piantina, il momento migliore è l’estate.

Si tratta, infatti, del periodo in cui le foglie sono più mature e ricche di mentolo.

Cambiate il terreno

All’incirca ogni due anni è consigliato cambiare il terreno così che la vostra piantina di menta si trovi sempre in un terriccio mai saturo d’acqua e con alte proprietà nutritive.

In questo modo, la vostra piantina di menta non tenderà a deteriorarsi.

Potatela

La menta è una piantina che tende a espandersi e crescere molto.

Per evitare che si espanda così tanto da entrare in sofferenza, potatela di tanto in tanto eliminando i rami secchi.

Attenti a lumache e funghi

Fate sempre attenzione a tenere la vostra piantina lontana dalle lumache: queste, infatti, sono ghiotte delle sue foglie.

Se tenete la piantina in un luogo dove, solitamente, ci sono delle lumache, spargete dei pezzetti di guscio d’uovo intorno alla piantina: in questo modo, le lumache non potranno attraversare questa barriera naturale e non attaccheranno la pianta.

Le foglie di menta sono inoltre particolarmente soggette alla Puccinia Menthae, un fungo che si manifesta con macchioline color ruggine.

Questo fungo causa un deperimento delle foglie e può portare alla morta l’intera pianta.

La soluzione consiste nel prevenire la malattia tenendo bassa l’umidità dell’ambiente e nel rimuovere in tempo le foglioline già malate.

Come riprodurre la menta

Volete più di una sola piantina di menta?

Potete coltivarne una nuova piantando dei semi oppure con riproduzione per talea.

In caso di talea, dovete semplicemente tagliare dalla vostra piantina una talea di circa 20 cm e piantarla in un nuovo vaso.

Gianluca Grimaldi
Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".