Cipresso

Il Cipresso, noto anche con il suo nome botanico Cupressus sempervirens, è una pianta sempreverde che deriva il suo nome dalla parola greca ‘sempervirens’ che significa ‘sempre verde’. Quest’albero affascinante è spesso associato a paesaggi mediterranei e a storie antiche. La sua forma slanciata e le foglie verde scuro lo rendono un elemento distintivo nei giardini. Il Cipresso è una pianta da esterno e si adatta bene al clima italiano.

Caratteristiche specifiche della pianta

Il Cipresso è noto per la sua longevità e resistenza. Esistono diverse varietà:

Cupressus sempervirens ‘Pyramidalis’

Questa varietà è caratterizzata da una forma piramidale e foglie verde scuro.

Cupressus sempervirens ‘Horizontalis’

Con un portamento più orizzontale, questa varietà si sviluppa in larghezza piuttosto che in altezza.

Esposizione

Il Cipresso preferisce luoghi soleggiati e ben esposti al vento.

Posizione geografica

In Italia, il Cipresso cresce bene sia al nord che al sud, adattandosi a diversi climi.

Morfologia del territorio

Predilige terreni collinari e ben drenati, evitando ristagni d’acqua.

Tipo e periodo di fioritura

Il Cipresso produce fiori di colore giallo-verde tra febbraio e marzo.

Innaffiature

Il Cipresso è una pianta resistente alla siccità e quindi non richiede frequenti innaffiature. Tuttavia, è importante assicurarsi che il terreno sia sempre leggermente umido, soprattutto durante i periodi di siccità prolungata o quando la pianta è giovane e si sta stabilendo.

Frequenza: In generale, un’innaffiatura settimanale dovrebbe essere sufficiente durante i periodi di crescita attiva (primavera e estate). In autunno e inverno, l’innaffiatura può essere ridotta a una volta ogni due settimane, o anche meno, a seconda delle condizioni climatiche locali.

Quantità d’acqua: Quando si innaffia, è importante farlo in modo abbondante, assicurandosi che l’acqua penetri in profondità nel terreno. Ad esempio, un giovane cipresso potrebbe necessitare di circa 10-15 litri d’acqua per ogni innaffiatura.

Momento della giornata: Il momento migliore per innaffiare il Cipresso è la mattina presto o la sera, quando le temperature sono più basse e l’acqua può essere assorbita dal terreno senza evaporare rapidamente.

Esempi: Se il terreno attorno al cipresso appare asciutto e polveroso e le foglie mostrano segni di appassimento, è il momento di innaffiare. In caso di piogge frequenti, è possibile ridurre ulteriormente la frequenza delle innaffiature.

Terreno preferito

Il Cipresso è una pianta che si adatta a diversi tipi di terreno, ma ha delle preferenze che possono contribuire a una crescita ottimale.

Valore del pH: Il terreno ideale per il Cipresso ha un pH che varia da neutro a leggermente acido, ovvero tra 6.0 e 7.5. Un terreno con queste caratteristiche favorisce l’assorbimento di nutrienti essenziali dalla pianta.

Come verificare il terreno: Per determinare il pH del terreno, è possibile utilizzare un kit di analisi del terreno, facilmente reperibile in un garden center. Inserendo un campione di terreno nel kit, si otterrà una lettura che indicherà il valore del pH.

Esempi: Se il terreno è troppo acido (pH inferiore a 6) o troppo alcalino (pH superiore a 7.5), la crescita del Cipresso potrebbe essere compromessa. Segni di un terreno non adatto possono includere crescita stentata, foglie gialle o brunastre e scarsa fioritura.

Come modificare il terreno: Se il terreno è troppo acido, è possibile aumentare il pH aggiungendo calcare dolomitico. Se, invece, il terreno è troppo alcalino, si può abbassare il pH integrando con materiale organico come torba o zolfo. Inoltre, il Cipresso preferisce terreni ben drenati, quindi, in caso di terreno argilloso o con ristagni d’acqua, è opportuno migliorare il drenaggio aggiungendo sabbia o materiale organico al terreno.

Concimazione da utilizzare

La concimazione è un passo fondamentale nella cura del Cipresso per garantire una crescita rigogliosa e una buona salute della pianta. Il periodo ideale per concimare il Cipresso è la primavera, quando la pianta inizia il suo ciclo di crescita attiva.

Periodo dell’anno: La concimazione del Cipresso è consigliata principalmente in primavera e all’inizio dell’estate. Un’alimentazione adeguata in questo periodo aiuterà la pianta a svilupparsi in modo sano e forte durante la stagione di crescita.

Concimi fai da te con rimedi naturali

Esistono diversi modi per nutrire il Cipresso utilizzando materiali facilmente disponibili:

Compost: Il compost domestico, ricco di sostanze nutritive, può essere sparguto intorno alla base della pianta, fornendo un apporto costante di nutrienti essenziali.

Decotto di ortica: Un’ottima soluzione ricca di azoto, che stimola la crescita delle foglie e rafforza la pianta.

Concimi specifici da acquistare

Esistono concimi commerciali specifici per conferire al Cipresso tutti i nutrienti di cui ha bisogno:

Concime granulare a lenta cessione: Questo tipo di concime viene rilasciato gradualmente nel terreno, fornendo un apporto costante di nutrienti. È sufficiente seguire le istruzioni sulla confezione per la quantità e la frequenza di applicazione.

Concime liquido per conifere: Facile da dosare e da applicare, questo concime è specifico per le esigenze delle piante come il Cipresso.

Potatura

La potatura è una pratica essenziale per mantenere il Cipresso in salute, stimolare una crescita equilibrata e preservare la forma desiderata della pianta. Vediamo quali sono le raccomandazioni generali e gli step da seguire per eseguirla correttamente.

Periodo dell’anno: Il momento migliore per potare il Cipresso è la fine dell’inverno o l’inizio della primavera, prima che inizi la nuova crescita. Evitare di potare durante periodi di freddo intenso o caldo estremo.

Guida passo dopo passo alla potatura per inesperti

1. Preparazione: Assicurati di avere gli attrezzi giusti, come forbici da potatura ben affilate e pulite, e guanti da giardinaggio per proteggere le mani.

2. Osservazione: Prima di iniziare, osserva attentamente la pianta e individua i rami da tagliare: quelli danneggiati, secchi, o che crescono in modo disordinato.

3. Tagli leggeri: Inizia con tagli leggeri, rimuovendo prima i rami più piccoli e sottili. È importante non rimuovere più del 20-30% della chioma in una singola sessione di potatura.

4. Tagli puliti: Esegui tagli puliti e netti, inclinati di circa 45 gradi, evitando strappi che potrebbero danneggiare la pianta.

5. Forma: Procedi con la potatura per dare forma alla pianta, tagliando i rami più lunghi e cercando di mantenere una forma conica e ben bilanciata.

6. Controllo finale: Dopo aver terminato, fai un passo indietro e osserva il Cipresso da varie angolazioni, per assicurarti che la forma sia omogenea e che non ci siano rami danneggiati rimasti.

Attrezzi necessari: Per la potatura del Cipresso si consiglia l’utilizzo di forbici da potatura o seghe da giardinaggio per rami più spessi, guanti da giardinaggio e, eventualmente, occhiali protettivi.

Moltiplicazione

Il Cipresso può essere moltiplicato con successo attraverso la tecnica delle talee. Questo metodo consiste nel prelevare un segmento della pianta madre e favorirne l’attecchimento e la crescita in un nuovo ambiente. Ecco una guida passo dopo passo per riprodurre il Cipresso in casa.

Guida step by step alla moltiplicazione del Cipresso

1. Raccolta delle talee: In autunno o all’inizio della primavera, scegli un ramo sano e vigoroso del Cipresso madre. Con l’ausilio di forbici da potatura ben affilate, taglia una talea di circa 10-15 cm di lunghezza, assicurandoti che sia dotata di numerose foglie sane.

2. Preparazione delle talee: Rimuovi con delicatezza le foglie dalla parte inferiore della talea, lasciando soltanto quelle presenti sull’ultimo terzo superiore.

3. Radicamento: Immergi la base della talea in una polvere radicante, che favorirà la formazione delle radici. Anche se non strettamente necessario, questo passaggio può aumentare le probabilità di successo.

4. Piantumazione: Prepara un vaso con del terriccio universale o un mix di torba e sabbia, ben drenante. Inserisci la talea nel terreno fino a coprire circa un terzo della sua lunghezza.

5. Ambiente ideale: Posiziona il vaso in un luogo luminoso ma non esposto alla luce diretta del sole e mantieni il terreno costantemente umido, ma non bagnato.

6. Attesa e controllo: In circa 4-6 settimane, le talee dovrebbero iniziare a produrre radici. Puoi controllare delicatamente tirando leggermente la talea; se senti resistenza, significa che le radici si stanno formando.

7. Trapianto: Una volta che le talee hanno radicato bene, possono essere trapiantate in vasi più grandi o direttamente in giardino.

Attraverso questo metodo di moltiplicazione, anche i giardinieri meno esperti possono contribuire alla crescita di nuovi Cipressi a partire da una pianta madre.

Parassiti e malattie che la affliggono

Il Cipresso è una pianta resistente, ma può essere attaccato da alcuni parassiti e malattie che possono compromettere la sua salute. Di seguito, vedremo i parassiti più comuni e i metodi per controllarli o eliminarli.

Cocciniglia

La Cocciniglia è un piccolo insetto che si nutre della linfa delle piante, provocando ingiallimenti e debolezza. Per controllarla è possibile utilizzare sia rimedi naturali che prodotti specifici:

Rimedi fai da te: Una soluzione di acqua e sapone di Marsiglia (1 litro di acqua e 10 g di sapone) può essere spruzzata sulla pianta per eliminare la cocciniglia.

Prodotti specifici: In commercio esistono antiparassitari specifici per la cocciniglia, come oli bianchi o insetticidi specifici, da utilizzare seguendo attentamente le istruzioni sulla confezione.

Afidi

Gli Afidi, noti anche come pidocchi delle piante, sono piccoli insetti che succhiano la linfa, provocando deformazioni e rallentando la crescita della pianta.

Rimedi fai da te: Un decotto di ortica o una soluzione di acqua e sapone può essere utilizzato per controllare gli afidi.

Prodotti specifici: Insetticidi specifici per afidi sono disponibili in giardinerie e negozi specializzati.

Funghi e muffe

Il Cipresso può essere attaccato anche da funghi e muffe, che si manifestano con macchie sulle foglie o con un aspetto cotonoso.

Rimedi fai da te: Mantenere il terreno pulito e evitare ristagni d’acqua può prevenire la comparsa di funghi. Un’infusione di aglio può essere un buon fungicida naturale.

Prodotti specifici: Fungicidi specifici, disponibili in commercio, possono essere utilizzati seguendo le indicazioni del produttore.

Monitorare regolarmente il Cipresso e intervenire tempestivamente in caso di attacco di parassiti è fondamentale per preservarne la salute e la bellezza.

Cipresso – Dubbi e domande

Il Cipresso è una pianta da interno o da esterno?

Il Cipresso è principalmente una pianta da esterno, ampiamente utilizzato in giardini e parchi per il suo aspetto maestoso e la resistenza agli agenti atmosferici.

Quanto spesso devo innaffiare il Cipresso?

Il Cipresso preferisce un terreno costantemente umido ma senza ristagni d’acqua. L’innaffiatura deve essere regolare ma moderata, adattandola alle condizioni climatiche e al grado di umidità del terreno.

Qual è il periodo di fioritura del Cipresso?

Il Cipresso produce strobili, che sono coni o “pigne”, piuttosto che fiori. Questi generalmente maturano in primavera.

Come potare il Cipresso?

La potatura del Cipresso può essere effettuata in tarda primavera o all’inizio dell’estate, rimuovendo i rami secchi o danneggiati e modellando la pianta secondo le proprie preferenze estetiche.

In che tipo di terreno prospera il Cipresso?

Il Cipresso preferisce terreni ben drenati, leggermente acidi o neutri. Tuttavia, è una pianta molto resistente e può adattarsi a diversi tipi di suolo.

Il Cipresso può essere colpito da parassiti?

Sì, il Cipresso può essere attaccato da vari parassiti come cocciniglie e afidi, oltre a essere suscettibile a funghi e muffe. È importante monitorare la pianta e intervenire tempestivamente.

Come posso moltiplicare il Cipresso?

Il Cipresso può essere moltiplicato attraverso la tecnica delle talee, prelevando un segmento della pianta madre e favorendone l’attecchimento in un nuovo ambiente.

Qual è il periodo migliore per piantare il Cipresso?

Il periodo migliore per piantare il Cipresso è l’autunno o la primavera, quando le temperature sono più miti e le piante hanno tempo di stabilirsi prima delle stagioni estreme.

Il Cipresso ha bisogno di essere concimato?

Sì, il Cipresso beneficia di una concimazione periodica. Si può utilizzare un concime organico o specifici concimi granulari a rilascio lento, particolarmente in primavera e in autunno.

Il Cipresso ha bisogno di molta luce?

Il Cipresso preferisce posizioni soleggiate, ma può tollerare anche la mezz’ombra. Una buona esposizione alla luce favorisce una crescita sana e una forma compatta della pianta.


Photo Credits:

Le immagini presenti in questo articolo sono di proprietà di Meraki s.r.l.s.

Giuliana Mele
Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di giardinaggio, cosmetica bio e rimedi naturali.