Piccola guida alla potatura della Photinia

La Photinia viene spesso utilizzata come siepe poiché risulta unica e singolare per le sue foglie rosse in cima.

Una siepe è bella da vedere solo quando appare ordinata ai nostri occhi e perché lo sia davvero deve essere sempre potata e tenuta in ordine.

Ma non preoccuparti, potare la Photinia è estremamente semplice con alcuni dei suggerimenti che sto per darti.

Scopriamo insieme come potare correttamente la tua siepe di photinia!

È necessario potare la Photinia?

Se vuoi una siepe in ordine o se vuoi mantenere le sue dimensioni della proporzione giusta in base al tuo giardino, la Photinia deve essere potata.

La buona notizia è che molto facilmente si mantiene la forma che darai alla siepe e la pianta risponde bene sia a potature drastiche che a potature più leggere.

Tuttavia, se vuoi che cresca in modo naturale, la potatura non è necessaria.

Se ti piace e hai lo spazio necessario, potresti persino piantarli in fila per creare una siepe molto ricca, anche se informale.

Regole base per la potatura perfetta

La potatura della Photinia non richiede né strumenti speciali né tecniche complicate. In pratica, basta potare i rami che non aiutano la tua siepe ad avere la forma che desideri.

Pota una o due volte all’anno per mantenere in ordine la tua Photinia.

Ma se vuoi un risultato migliore, sappi che una potatura più regolare incoraggerà una nuova crescita dalle foglie rosse.

Se decidi di dare alla siepe una forma geometrica, puoi farlo e ciò renderà la pianta più sana perché il taglio della parte superiore della pianta incoraggerà anche la crescita proprio alla sua base.

Quando potare la Photinia

Ma quando è il momento giusto per potare le piante di photinia? Per le piante ormai consolidate di photinia devi sapere che non deve essere potata quando è dormiente.

La prima occasione utile per la potatura è quindi all’inizio della stagione di crescita che significa da fine marzo a inizio aprile.

Attendi fino a quando le prime foglie nuove della stagione sono passate dal rosso al verde. Successivamente, puoi potare con un po’ di vigore ogni volta che il fogliame passa dal rosso al verde e al bronzo opaco.

Per le piante giovani appena piantate o che ancora devono stabilirsi completamente dai alla pianta più tempo per maturare prima di potare in modo drastico.

Pota poco nei primi anni e man mano che matura puoi potare di più e senza pensieri.

Mentre per entrambe le piante di photinia, ovvero sia per quelle mature sia per quelle che sono ancora giovani, vale la regola per cui l’ultima potatura non deve essere troppo a ridosso delle stagioni fredde.

Questo perché devi dare il tempo necessario alla pianta di far maturare i nuovi germogli incoraggiati dalla potatura prima del primo gelo.

La fine di agosto andrà bene, mentre già ad inizio di settembre è un po’ una scommessa, ma se poti molto più tardi, avrai una siepe spoglia fino alla tarda primavera.

Potatura più drastica

Mentre alcuni parlano di potatura precisa, poiché bisogna tagliare accuratamente ogni stelo appena sopra un nodo fogliare, questo non è davvero necessario per la photinia.

Se invece la tua Photinia è proprio fuori controllo puoi potarla fino a 60 cm dal suolo senza effetti negativi.

Il momento migliore per questo tipo di potatura è maggio: crescerà vigorosamente e avrà tutto il tempo per riprendersi e ristabilirsi prima che arrivi l’inverno.

Non sprecare mai il fogliame tagliato: portalo in casa e usalo nelle composizioni floreali oppure aggiungilo al tuo compost fai da te.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.