Come fare il compost per il giardino a casa tua

Se stai cercando un modo per trasformare gli avanzi di cibo e i rifiuti del giardino in nutrimento per le tue piante, questo è il metodo giusto.

Spesso si pensa che fare il compost da soli per il proprio giardino sia difficile e che sia complicato tollerare l’odore che emana. Questo però succede solo se si fa un compost nel modo sbagliato.

Fortunatamente, fare il compost nel modo giusto è abbastanza semplice: basta sovrapporre materiali organici e un po’ di terra per creare una miscela che si trasforma in humus

Una volta che avrai iniziato scoprirai che è anche un modo semplice per riutilizzare gli scarti di cucina e altri materiali organici per creare qualcosa che può aiutare a mantenere le tue piante sane.

Prima di iniziare

Prima di iniziare con il procedimento vero e proprio per creare il tuo compost a casa per il giardino, è bene fare un elenco dei materiali corretti da utilizzare.

I materiali da usare

Il compost è formato in genere da due tipi di materie: materie verdi e materie marroni. Ma cosa comprendono queste due categorie?

  • Materie verdi: anche chiamato “umido”, sono materiali organici. Tra questi ci sono erbacce giovani, ritagli di erba fresca, ritagli vegetali dal giardino, avanzi di frutta e verdura, fondi di caffè, foglie di tè incluse le bustine e piante in generale.
  • Materie marroni: sono la fibra del tuo compost. Sono composte da foglie autunnali, piante ed erbacce morte, segatura o cartoni da imballaggio, fiori vecchi o secchi, paglia vecchia e fieno.

Altri materiali che puoi utilizzare sono i tovaglioli e fazzoletti di carta, sacchetti di carta ad esempio quelli del pane, indumenti di cotone ridotti in pezzi, gusci d’uovo e peli di animali. Questi materiali vanno usati moderatamente.

Cosa evitare

Bisogna fare attenzione ai materiali che uniamo al nostro compost, perché potrebbero compromettere tutto il processo di compostaggio, per questo è utile fare un elenco con i materiali da evitare assolutamente:

  • carne ed avanzi di carne
  • ossa
  • pesce e avanzi di pesce
  • plastica
  • latticini
  • olio e grassi
  • letame di animali (escluso quello di animali erbivori)
  • erbacce che che hanno prodotto semi
  • piante malate
  • materiali contenenti pesticidi
  • riviste
  • carbone o cenere di carbone

Butta via questi materiali nei normali cassonetti. Non solo questi materiali causeranno problemi nel tuo giardino, ma possono anche rovinare il tuo compost e attirare animali e parassiti.

Procedimento

Ora che sai con precisione quali materiali utilizzare, puoi iniziare a creare il tuo compost a casa, facendo attenzione a seguire tutte le indicazioni che sto per darti.

Vediamo insieme il procedimento.

Step 1: unire i materiali

Per creare il tuo compost, aspetta di avere abbastanza materiali per creare un bel mucchio.  

Ti consiglio di coprire sempre lo strato di materiali verdi con uno strato di materiale marrone per ridurre le mosche e coprire eventuali odori. 

Come ho detto prima, i materiali marroni includono materiali vegetali secchi, i materiali “verdi” includono scarti di cucina e fondi di caffè, insomma, materiale umido.

Per avere un risultato migliore, inizia a creare il tuo compost mescolando tre parti di materiale marrone con una parte di materiali verdi.

Se il tuo compost sembra troppo umido aggiungi più materiali marroni e arieggia più spesso. 

Se invece vedi che il compost sembra troppo asciutto, aggiungi materiali verdi e acqua per renderlo leggermente umido.

Step 2: quanta acqua utilizzare

Devi “innaffiare” regolarmente con dell’acqua la tua miscela: deve avere la consistenza di una spugna.

Non aggiungere troppa acqua, però, altrimenti i microrganismi nel tuo compost saranno impregnati d’acqua e annegheranno.

Se ciò accade, il tuo mucchio di materiali marcirà invece di trasformarsi in compost.

Step 3: mescolare il compost

Ogni tanto dovresti dare ossigeno al mucchio mescolandolo una volta alla settimana con una forchetta da giardino.

Il momento migliore per girare il compost è quando il centro del mucchio è caldo. Mescolare eviterà anche che si sviluppi un cattivo odore.

Ti consiglio, oltre ad areare regolarmente, di tritare e sminuzzare gli scarti di cucina in dimensioni più piccole per velocizzare il processo di compostaggio.

Come utilizzarlo

Quando il compost non emana più calore e diventa secco, marrone e sgretolabile, è completamente decomposto e pronto per essere utilizzato in giardino.

Aggiungi il compost alle aiuole e nei vasi all’inizio di ogni stagione di semina.

Alcuni giardinieri creano il “tè di compost“: lasciano che il compost riposi in acqua per diversi giorni, lo filtrano e lo usano come fertilizzante liquido fatto in casa.

Sta a te decidere quale metodo sia più adatto al tuo giardino. Fortunatamente, indipendentemente dal metodo, il compost è facile da preparare e rispetta l’ambiente.

Inoltre, è un toccasana per il tuo giardino. Con pochi avanzi di cucina e un po’ di pazienza, avrai un giardino sano e rigoglioso.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.