Photinia: cura e coltivazione della pianta da siepe

La photinia è un arbusto sempreverde che prende il nome dal sorprendente colore rosso delle sue foglie giovani, che cambiano in un verde scuro man mano che maturano.

È un eccellente arbusto da siepe molto comune e può essere modellato in un piccolo albero.

Questa pianta cresce velocemente, in particolare può crescere da 30 a 90 centimetri ogni anno e le sue foglie rosse e verdi la rendono molto più decorativa della classica siepe di lauro.

Scopriamo insieme come curare e coltivare la Photinia!

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche della photinia, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Varietà

Tra le varietà più comuni di photinia troviamo:

  • Photinia Red Robin: le foglie mature di questa varietà sono verde scuro e sono un perfetto sfondo per le sue nuove foglie rosso brillante.
  • Photinia glabra Rubens: le sue foglie sono un po’ più piccole della varietà Red Robin, quindi è conosciuta come la Photinia dalle foglie piccole. Le sue foglie sono altrettanto sbalorditive con la sua nuova crescita brillante rosso rubino.
  • Photinia Pink Marble: proprio come suggerisce il nome, le sue foglie sono un rosso rosato e bianco con un effetto marmorizzato.
  • Photinia x fraseri: è un ibrido che non solo ha foglie rosse, ma queste ultime sono anche un po’ increspate.

Esposizione

La photinia ha un’ampia tolleranza all’esposizione alla luce solare diretta.

Può anche tollerare la piena ombra, anche se questo limiterà la fioritura.

Nei climi caldi, questo arbusto dà il meglio di sé quando è in ombra parziale, soprattutto per proteggersi dal caldo sole pomeridiano.

È meglio piantare in posizioni esposte a nord o a est. Nei climi più freschi, predilige il pieno sole.

Fioritura

L’arbusto di photinia ha fiori bianchi o crema che quasi coprono il fogliame al culmine della loro fioritura.

Sfortunatamente, i fiori hanno un odore sgradevole, quindi la maggior parte dei giardinieri preferisce potare i gambi dell’arbusto prima che fioriscano.

Se i fiori vengono lasciati sbocciare, lasciano il posto a piccole pomacee rosse che possono rimanere per tutto l’inverno e nella primavera successiva.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno la photinia per crescere sana e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

La photinia preferisce il terreno argilloso e drenante per evitare che ci sia troppo ristagno d’acqua.

I terreni argillosi molto pesanti dovrebbero essere miscelati con metà parte di compost prima di piantare la photinia.

Quando innaffiare

Innaffia la pianta una volta alla settimana alla base durante i periodi di siccità ed evita che le foglie si bagnino.

Una volta stabilita, la photinia ha una buona tolleranza per brevi periodi di siccità.

Concime

La photinia normalmente non richiede fertilizzazione a meno che il terreno non sia molto povero.

Quando è richiesto il concime (sulla base di un test del terreno, ad esempio), utilizza un fertilizzante a lenta cessione all’inizio della primavera, quando inizia la nuova crescita.

Potatura

Se fai una potatura continua delle punte dei germogli quando le foglie rosso iniziano a diventare man mano verdi, aiuterai un’ulteriore produzione delle belle foglie rossastre.

La potatura costante impedisce anche la produzione di fiori.

Tuttavia, la maggior parte dei giardinieri non si preoccupa di questo perché i fiori hanno un odore sgradevole e di solito vengono potati.

Sfoltisci il tuo arbusto ogni anno in inverno rimuovendo alcuni steli fino a terra per migliorare la circolazione dell’aria.

Ciò contribuirà a prevenire le malattie fungine e assicurerà che la luce possa colpire tutte le parti della pianta.

Se desideri indurre questa pianta a crescere come un albero, scegli un capo centrale e pota i germogli laterali. Questo darà gradualmente alla pianta una forma di albero.

Moltiplicazione

La photinia si può moltiplicare da seme o per talea.

È più difficile propagarla da seme semplicemente perché spesso le fioriture vengono potate subito per mantenere la siepe in ordine e dunque la pianta non ha modo di produrre i semi.

In alternativa puoi moltiplicarla tagliandone una talea.

Anche se non hai mai propagato una pianta da talee prima d’ora, non avrai problemi a radicare le talee di photinia.

Il momento migliore per effettuare le talee è la fine dell’estate. Se le prendi dalla pianta troppo presto, sono troppo tenere e tendono a marcire.

Malattie e parassiti

La photinia è suscettibile alle malattie fungine quando si trova in condizioni di eccessiva umidità.

Il fungo che causa l’entomosporiosi è una minaccia particolare.

Questa malattia appare con macchie rosse sulla superficie delle foglie. Se non è controllato, può far cadere molte foglie, a volte uccidendo la pianta.

Puoi aiutare le piante colpite a riprendersi mantenendo le foglie asciutte e rimuovendo il fogliame malato.

Anche l’oidio è un potenziale problema e il marciume radicale è possibile se il terreno è troppo umido.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.