Dimorfoteca: perché appare appassita?

La dimorfoteca è una pianta dai fiori simili alle margherite che abbellisce cortili e balconi.

Tuttavia può capitare di vederla appassita anche solo dopo qualche giorno che l’hai piantata in giardino dopo averla presa in vivaio.

I motivi possono essere vari e basta osservare la pianta e conoscere le sue esigenze per capire cosa non va e rimediare, se possibile.

Scopriamo insieme perché la tua dimorfoteca appare appassita!

Esposizione sbagliata

La dimorfoteca è una pianta che ha bisogno di pieno sole.

Se l’hai piantata in una zona del giardino dove non viene raggiunta dal pieno sole, il problema potrebbe essere questo.

Prova ad esporla al sole e vedi come reagisce la pianta nei giorni successivi.

Troppa acqua

Spesso, connesso al problema dell’esposizione sbagliata, c’è il problema di annaffiature scorrette.

Ciò accade perché se la dimorfoteca non viene esposta al pieno sole e intanto stai dando alla pianta l’acqua giusta secondo i suoi bisogni, questo potrebbe comunque non andare bene perché senza il sole il terreno non si asciugherà in tempo.

Se il terreno non si asciuga, più facilmente potresti sviluppare marciumi e stressare la pianta e le radici con troppa acqua.

La regola generale (che vale un po’ per tutte le piante) è aspettare che il terreno si asciughi prima di innaffiare di nuovo.

Terreno troppo secco

Se è vero che un motivo di stress per la pianta è la troppa acqua, anche far seccare troppo il terreno potrebbe far appassire la tua dimorfoteca.

Non appena il terreno si asciuga devi dare acqua di nuovo: in questo modo le radici non arriveranno ad asciugarsi troppo.

Un trucco per capire quanto il tuo terreno è ancora umido è usare un bastoncino di legno da inserire in profondità nel terreno avendo cura di non rovinare le radici: se risulta umido anche solo negli ultimi centimetri, puoi aspettare ancora qualche giorno per innaffiare.

Non concimare

La prima cosa che pensiamo quando vediamo una pianta fiorita appassita e morente è che le manchi il cibo utile perché appaia sana.

Niente di più sbagliato è concimare una pianta già stressata di suo.

Il rischio nel dare del concime ad una pianta sofferente è quello di bruciare le radici.

Quindi aspetta che si riprenda e poi potrai riprendere a concimare.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.