Lavanda: 5 trucchetti per farla crescere in vaso in salotto

Per via dei bellissimi fiori e del profumo aromatico con cui molte persone hanno familiarità, non sorprende vedere sempre più persone che coltivano piante di lavanda in casa.

Le piante di lavanda sono generalmente facili da coltivare purché si forniscano loro le condizioni di crescita di cui hanno bisogno.

Posizionata vicino a una finestra che riceve almeno 3-4 ore di luce solare diretta al giorno potrebbe avere una chance di fiorire come fa all’esterno.

Ma ci sono altri fattori che devi conoscere per coltivarla con successo anche in casa.

Scopriamo insieme 5 trucchetti per farla crescere in vaso in salotto!

Condizioni di luce per la lavanda in casa

La luce intensa è essenziale per le piante di lavanda coltivate all’interno.

Fornire alle tue piante di lavanda la luce di cui hanno bisogno è uno degli aspetti più importanti della loro coltivazione in casa.

All’esterno prosperano in condizioni di pieno sole, quindi hanno bisogno di quanta più luce possibile quando vengono coltivate in appartamento.

Indipendentemente da dove metti le tue piante, ruota il vaso settimanalmente per favorire una crescita e una fioritura uniformi.

Per una crescita ottimale, metti dei vasi di lavanda sul davanzale della finestra o in prossimità di una finestra esposta a sud, dove possono ricevere un minimo di 3 o 4 ore di sole diretto ogni giorno.

Se non hai una finestra esposta a sud, la prossima opzione migliore è una finestra a ovest.

Se non hai una finestra a sud o ovest o se le tue finestre sono parzialmente ombreggiate, potrebbe essere necessario fornire un’illuminazione artificiale per evitare che le piante diventino troppo lunghe e con pochi fiori.

Temperatura giusta per la lavanda

Quando vengono coltivate in casa, le piante di lavanda hanno bisogno di temperature leggermente diverse di notte rispetto a quelle di giorno, e hanno bisogno di temperature più fresche in inverno rispetto alla primavera/estate/autunno quando crescono attivamente.

Queste differenze di temperatura incoraggeranno la fioritura e una crescita del fogliame forte e sana.

A differenza delle piante d’appartamento tropicali, la lavanda preferisce un clima a bassa umidità. La maggior parte delle case ha livelli di umidità di circa il 40%, il che è perfetto per coltivare la lavanda.

Innaffiare le piante di lavanda al chiuso

La lavanda è originaria del Mediterraneo e ama rimanere un po’ asciutta, al contrario di alcune piante che preferiscono che le loro radici rimangano umide.

Il terriccio deve asciugarsi leggermente tra un’annaffiatura e l’altra, ma non dovrebbe essere lasciato asciugare completamente o vedrai ingiallire le foglie.

L’eccessiva irrigazione incoraggerà l’incidenza del marciume radicale, mettendo a rischio l’intera pianta.

Usando il dito, controlla l’umidità del terreno e innaffia quando i primi 2 cm di terreno sono asciutti.

In inverno, riduci la frequenza di irrigazione a quando i 4 cm superiori del terreno sono asciutti, a causa della crescita rallentata delle piante.

Evita di bagnare il fogliame, dirigendo l’acqua sul terriccio per prevenire la crescita di funghi e muffe.

Fertilizzare la lavanda al chiuso

Proprio come la lavanda preferisce essere quasi ignorata quando si tratta di annaffiare, lo stesso vale per la fertilizzazione.

In natura, le piante di lavanda prosperano in condizioni di terreno povere in cui molte altre piante avrebbero difficoltà.

Troppo fertilizzante, al contrario di quanto tu possa pensare, inibisce la fioritura, che è in definitiva il tuo obiettivo poiché i fiori sono le parti più aromatiche della pianta.

Per prevenire un’eccessiva fertilizzazione, applica un fertilizzante bilanciato e solubile in acqua a metà della forza raccomandata, concima all’inizio della stagione di crescita e poi di nuovo alla fine dell’estate o all’inizio dell’autunno.

Se stai rinvasando la tua pianta di lavanda, aggiungi una piccola quantità di fertilizzante granulare a lenta cessione al terriccio al posto della fertilizzazione primaverile.

Potatura e raccolta della lavanda

Le piante di lavanda dovrebbero essere potate dopo la prima fioritura e poi di nuovo in autunno prima che la crescita rallenti per l’inverno.

Rimuovi fino a due terzi della pianta fino a circa le due serie di foglie inferiori sugli steli, facendo attenzione a non tagliare la parte legnosa della pianta. Pizzica le cime delle piante secondo necessità durante la stagione di crescita per incoraggiare la crescita cespugliosa.

Per raccogliere i fiori di lavanda, tagliali con un paio di forbici affilate o un potatore all’inizio della primavera subito dopo l’apertura.

In più, ti consiglio per la lavanda i vasi di argilla o terracotta in quanto consentono un buon flusso d’aria attraverso la zona delle radici, consentendo al terreno substrati di coltura di asciugarsi rapidamente.

I vasi di plastica trattengono troppa acqua. Opta per vasi con un diametro di soli 2-3 cm più grande della zolla. Lo spazio in eccesso nel vaso infatti consente al terreno di trattenere troppa acqua.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.