Come evitare il marciume delle tue piante?

Se notate delle macchie scure sulle foglie delle vostre piante o foglie che tendono facilmente ad ingiallire, è probabile che siano state attaccate dal marciume radicale.

Il marciume radicale, infatti, è un problema che spesso affligge le radici delle nostre piante e le fa marcire.

Le radici, così, diventano nerastre e la pianta inizia ad afflosciarsi fino a morire.

Se anche voi avete avuto questo problema, sarete felici di sapere che ci sono dei modi naturali per evitare il marciume nelle vostre piante.

Quindi…vediamoli insieme!

Di cosa si tratta

Prima di vedere quali sono i rimedi per evitare il marciume delle piante, vediamo insieme cosa è il marciume e quali sono le cause che determinano questo fastidioso problema.

Il marciume è una malattia delle piante causata da funghi, batteri o nematodi e provocano la disgregazione e l’indebolimento delle radici.

In questo modo, la pianta, ormai indebolita, è predisposta agli attacchi di nuovi agenti e tende, così, a morire.

Tutti gli organi, infatti, che garantiscono alla pianta il giusto nutrimento, smettono di funzionare.

Tra le piante più colpite da questo problema, ci sono le primule, le viole, la bella di notte, la rapunzia, le azalee, le rampicanti e alcuni alberi da frutto come il melo, il pero e il ciliegio.

Inoltre, questa malattia colpisce tutte le piante “giovani” che non hanno ancora una radice ben sviluppata.

Cause

Vediamo, ora, cosa provoca il marciume sulle vostre piante.

La prima causa è l’eccessiva irrigazione o innaffiatura.

Irrigare, infatti, frequentemente le vostre piante tende ad indebolirle e a far sì che vengano colpite da parassiti.

Anche i ristagni idrici nei sottovasi e il contatto con altre piante infette tendono a provocare il marciume sulle vostre piante.

Infine, le piante si ammalano a causa dell’impiego di terricci inquinati da funghi.

Rimedi efficaci per prevenire

Una volta visto insieme cosa provoca il marciume, è il momento di passare a vedere i rimedi efficaci per prevenire questo problema e salvare le vostre piante.

Se avete una pianta malata di marciume radicale, ma ancora a uno stadio iniziale, sappiate che potete ancora salvarla.

Potete, infatti, rimuovere tutti i rami in cui ci sono le foglie ingiallite, così da rimuovere le eventuali parti della pianta attaccate dai parassiti.

Inoltre, potete utilizzare alcuni prodotti antifungini alla comparsa dei primi sintomi.

Attenzione, però, che questo rimedio risulta efficace solo se il marciume è ancora a uno stadio iniziale; purtroppo, però, il marciume spesso è scoperto quando la fase di decomposizione è già iniziata.

Se invece, volete prevenire il problema ed evitare di far morire le vostre piante, è necessario che seguiate alcuni accorgimenti fondamentali per salvarle.

Evitare frequenti irrigazioni

Il primo modo per prevenire l’attacco dei funghi e il conseguente marciume è il drenaggio del suolo.

Abbiamo visto, infatti, che le piante vengono attaccate dai funghi alla radice quando sono irrigate troppo spesso o quando sono esposte al ristagno dell’acqua.

Quindi, è consigliabile, innanzitutto, evitare il ristagno e le irrigazioni troppo frequenti.

Inoltre, attendete sempre che il terreno sia completamente asciutto prima di irrigare le vostre piante di nuovo.

Effettuate il drenaggio del suolo durante la primavera e i mesi estivi, poiché sono i periodi in cui i parassiti sono più attivi.

Questo vi aiuterà, inoltre, a controllare il livello di umidità nel terreno.

Evitare i ristagni

Poiché i ristagni dei vasi possono essere la causa del marciume, è sempre bene evitare i ristagni sia del suolo che quelli più superficiali.

Potete, per esempio, creare delle pendenze così da facilitare lo scorrimento dell’acqua in superficie.

Cercate, in oltre, di evitare il ristagno idrico svuotando il sottovaso dopo 30 minuti dall’irrigazione.

Utilizzare terriccio nuovo

Il terriccio, a volte, potrebbe essere contaminato dalle spore del fungo, per cui è sempre consigliabile cambiarlo e sostituirlo con uno nuovo, così da evitare questa evenienza.

Inoltre, è consigliabile scegliere uno specifico per le vostre piante che sia in grado di drenare velocemente l’acqua.

Eliminare le piante infette

In caso di piante già infette, non più salvabili, il consiglio è quello di isolarle o eliminarle per evitare che infettino le altre vicine.

Inoltre, è necessario buttare direttamente il terriccio ormai infestato e disinfettare i vasi accuratamente e con più lavaggi per essere certe di aver eliminato i parassiti.

Altri consigli utili

Vi consigliamo di non venire a contatto con i parassiti delle vostre piante e di utilizzare sempre guanti quando entrate in contatto con una pianta che presenta marciumi.

Inoltre, lavatevi le mani prima e dopo aver toccato qualsiasi pianta così da non infettarle.

Vi raccomandiamo di irrigare con parsimonia e di non concimare le piante nella stagione estiva con temperature molto elevate.

Maddalena Cimmino
Maddalena Cimmino
Nata a Napoli, sono laureata in Lingue e comunicazione interculturale. Appassionata di lettura, di musica, di serie tv e di tutto ciò che riguarda la bellezza, la cosmesi naturale, e il benessere green.