Come innaffiare i cactus

Le piante di cactus sono piante d’appartamento fantastiche e generalmente sono facili da curare.

L’unica cosa che può essere difficile con la cura dei cactus è sapere quanto spesso innaffiare, poiché è facile esagerare con l’annaffiatoio.

Fattori come la dimensione del cactus, la dimensione del vaso, la temperatura, l’umidità influenzeranno la frequenza con cui annaffiare le piante di cactus.

Capire il bisogno d’acqua del tuo cactus è importante.

I cactus sono piante grasse e sono progettati per immagazzinare l’acqua nelle radici e nella pianta stessa, per aiutarli a sopravvivere a periodi di siccità.

Scopriamo quindi insieme come innaffiare i cactus!

Di quanta acqua hanno bisogno i cactus

La maggior parte delle persone ha l’idea sbagliata che i cactus abbiano bisogno solo di poca acqua qua e là.

Ma i cactus crescono solo quando ricevono la giusta quantità d’acqua, cioè quando vengono annaffiati a fondo e poi lasciati asciugare fino a quando il terriccio non si è seccato completamente per poi essere annaffiati di nuovo.

Ci sono molti fattori che possono influenzare la rapidità con cui il terriccio si asciugherà e, di conseguenza, la frequenza con cui innaffiare le tue piante di cactus.

Uno di questi è la dimensione della pianta di cui ti parlerò nel prossimo paragrafo.

Dimensioni del cactus

Potresti pensare che più grande è un cactus, più spesso avrà bisogno di essere annaffiato.

Tuttavia, i cactus più giovani e più piccoli in genere crescono di più e richiedono e utilizzano più acqua rispetto alle loro dimensioni.

In genere, dovrai fornire più acqua a un cactus più grande quando lo innaffi, ma potresti scoprire che i cactus più piccoli, a crescita più rapida, richiedono in realtà una maggiore attenzione e annaffiature più frequenti.

Dimensione del vaso

I vasi grandi contengono più terreno e ci vuole più tempo perché un cactus assorba l’acqua dal terreno o perché l’acqua scorra via o evapori.

Di conseguenza, un cactus piantato in un vaso grande potrebbe aver bisogno di essere annaffiato solo una volta al mese o una volta ogni due mesi, mentre un cactus piantato in un vaso molto piccolo potrebbe dover essere annaffiato più spesso.

Può essere davvero difficile evitare il marciume delle radici se hai un cactus piantato in un vaso di grandi dimensioni, quindi se hai problemi, rinvasa il tuo cactus in un vaso che è giusto per il cactus e non più grande.

Luce e temperatura

La luce solare diretta aumenterà la velocità con cui il terreno del tuo cactus si asciuga.

Se tenuto vicino una finestra esposta a sud, dovrai innaffiare il tuo cactus molto più frequentemente, rispetto a una stanza più fresca esposta a nord.

Durante i mesi invernali più freddi, quando il tuo cactus non cresce molto, potresti dover annaffiare la pianta ogni due mesi.

Durante i caldi mesi estivi, con la pianta che cresce, potresti dover controllare la secchezza del terreno più spesso.

La cosa grandiosa dei cactus è che tollereranno molto bene la siccità. Quindi, se dimentichi di innaffiare per molto tempo, i cactus non soffriranno troppo, ma dare troppa acqua, al contrario, causa molti problemi.

Come innaffiare i cactus al chiuso

Quando innaffi il tuo cactus, assicurati di dare acqua fino a quando non fuoriesce dai fori di drenaggio.

Quando arriva il periodo di riposo o il periodo di dormienza, puoi aumentare il tempo tra ogni annaffiatura poiché la pianta ha bisogno di meno acqua e sostanze nutritive quando non cresce attivamente.

Durante questo periodo non innaffiare eccessivamente la pianta. Dai alla pianta solo l’acqua che basta per evitare che avvizzisca.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.