Luglio è il mese perfetto per piantare i semi di Ciclamino con questo metodo semplice

Il ciclamino è una pianta fiorita molto comune che puoi provare a moltiplicare per ottenere più piantine.

Con il metodo della talea puoi ottenere solo una pianta, ma se pianti i semi potrai riempire un’intera aiuola la stagione successiva.

Piantare semi di ciclamino è relativamente facile, anche se richiede un po’ di pazienza e bisogna seguire alcuni passaggi per una corretta germinazione.

Vediamo insieme come moltiplicare il ciclamino a partire dai semi!

Maturazione dei baccelli del ciclamino

Puoi coltivare il ciclamino dai semi? Sì, puoi, ma devi sapere che i semi di ciclamino hanno un periodo di maturazione.

Dopo che la maggior parte dei fiori è sfiorita, la pianta inizia a produrre i baccelli che hanno una forma sferica.

Ma non possono essere raccolti subito, si aspetta che giungano a completa maturazione e ciò avviene all’inizio dell’estate, in genere a luglio.

Se invece vuoi procurarti direttamente i semi essiccati da un vivaio, allora potrai immergerli in acqua 24 ore prima di piantarli per aumentare la probabilità di germinazione.

Come raccogliere i semi dal ciclamino

Come abbiamo già visto nel paragrafo precedente, bisogna lasciare i baccelli sulle piante di ciclamino finché non arriva il momento giusto.

Prima di poter raccogliere semi da qualsiasi pianta, è necessario aspettare che passi l’intero ciclo di fioritura, sviluppo del seme e maturazione.

In tutti i casi, tutti i semi prodotti si svilupperanno in prossimità del punto in cui originariamente crescevano i fiori.

È meglio lasciare che i semi maturino sulle piante finché non sono quasi pronti a disperdersi da soli (poiché è questo che fanno in natura, i baccelli maturano, si aprono e i semi cadono sul terreno).

I semi raccolti troppo presto non saranno vitali. Una volta che i semi hanno finito di crescere, generalmente cambiano colore (da biancastro o verde a marrone chiaro, marrone o nero) e iniziano a seccarsi.

I baccelli inizieranno a spaccarsi, le bacche oi frutti si restringeranno e raggrinziranno, oppure i capolini inizieranno a cadere a pezzi, facendo cadere i semi all’interno.

Su molte piante i semi non maturano tutti in una volta (controlla ogni giorno), e può essere utile legare un piccolo sacchetto di carta o la punta tagliata da un collant sopra le teste dei semi per evitare la dispersione prima di poterli raccogliere.

Se questo metodo non è pratico, raccogli le teste o i baccelli dei semi prima che siano completamente secchi e mettili da parte a seccare in casa.

Quando piantare i semi di ciclamino

Il periodo ideale per piantare e dunque far germogliare i semi di ciclamino è intorno a luglio-agosto.

Potrebbero volerci 1-2 mesi prima che germoglino e per farlo dovranno essere posizionati in un luogo buio e fresco.

Piantare semi di ciclamino richiede vasi da 5 a 8 cm riempiti con del terriccio drenante e ricco.

Pianta circa 15 semi in ogni vaso e coprili con uno strato sottile di altro terriccio.

In natura, i semi di ciclamino germinano in autunno e in inverno, il che significa che amano il freddo e il buio.

Metti i vasi in un luogo fresco, idealmente a circa 15°C, e coprili in modo da bloccare la luce.

Una volta che i semi germogliano, rimuovi il coperchio e posiziona i vasi in un posto luminoso.

Mantieni le piante al fresco: il ciclamino completa la crescita in inverno. Man mano che diventano più grandi, trapiantali in vasi più grandi secondo necessità.

Quando arriva l’estate, andranno in riposo, ma se riesci a mantenerli freschi per tutto il tempo, cresceranno durante l’estate e diventeranno grandi più velocemente.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.