3 Cose da fare oltre alle cure regolari per un Pothos sempre perfetto

Se il pothos è una pianta così comune il motivo risiede sicuramente nella sua estrema adattabilità a svariate condizioni di coltivazione.

Si tratta di una pianta che sopravvive anche con poca luce e se dimentichi di innaffiare per qualche giorno, ma ovviamente per averla sana e folta dovrai garantire le cure di base: una buona esposizione al sole e una innaffiatura costante.

Tuttavia, oltre alle cure di base, ci sono alcuni punti da considerare per ottenere una pianta non solo sana, ma anche rigogliosa.

Vediamo allora insieme cosa dovresti fare col tuo pothos per averlo pieno e folto oltre alle cure che già gli dedichi!

Ruota la pianta

Per avere un pothos ricco di foglie e nuovi germogli non basta rispettare i requisiti di base, ma dovrai offrire alla pianta qualche attenzione in più.

Tra le premure che puoi dedicare al pothos, ma anche a tutte le altre tue piante d’appartamento, c’è sicuramente quella di ruotare la pianta ogni tanto di 180°.

Ruotare la pianta permette a tutta la chioma di ricevere la stessa quantità di luce.

Infatti se non lo fai, puoi notare che il pothos crescerà mostrando le foglie solo da un lato: ovviamente quello esposto alla luce.

Spolvera le foglie

La polvere che si accumula sulle foglie del pothos può ostacolare la traspirazione della pianta.

Spesso sottovalutiamo la buona abitudine di spolverare regolarmente anche le foglie delle piante, ma può aiutarci a mantenerle in salute.

Soprattutto se hai un pothos maturo con foglie grandi, dovrai usare un panno morbido di microfibra per rimuovere regolarmente la polvere che si accumula sulla pagina superiore della foglia.

Ecco un video in cui ti mostro come elimino la polvere dalle foglie delle piante senza danneggiarle:

Pota regolarmente

La chiave per avere una pianta cespugliosa, oltre al fatto che serve garantire luce, acqua e nutrienti in modo regolare, è sicuramente anche la potatura.

Anche se per il pothos non è necessaria una potatura regolare, se vuoi una pianta folta e soprattutto, se vuoi stimolare nuovi germogli, allora dovrai tagliare e accorciare gli steli.

Inoltre, devi sapere che ciò che viene tagliato dalla pianta madre può essere utilizzato come talea per infoltire lo stesso vaso della pianta madre.

Dovrai piantare gli steli ricavati interrando almeno un nodo per ciascuno di essi e vedrai che la pianta apparirà subito più rigogliosa e piena.


Photo Credits:

Le immagini presenti in questo articolo sono di proprietà di Meraki s.r.l.s.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.