Componi una fioriera perfetta con l’Albero di Giada e questi fiori

Quando allestisci il tuo balcone, non sempre la scelta ricade sui classici gerani, ma potresti desiderare qualcosa di diverso.

Una fioriera di piante grasse è originale e richiede pochissime cure ma ancora più unica è una fioriera con una composizione di più piante succulente, magari anche fiorite.

L’albero di Giada è la prima scelta per velocità di crescita e semplicità di coltivazione, ma sai quali piante sono più adatte ad essere coltivate con la crassula?

Scopriamolo insieme!

I requisiti di innaffiatura sono importanti

Vai in vivaio o in un supermercato assortito e torni a casa con una fioriera vuota, una piantina di albero di giada e altre piantine fiorite che insieme ti sembravano carine, ma sai se puoi effettivamente coltivarle nello stesso vaso?

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarci il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Questo non sempre è possibile perché dovresti scegliere di coltivare insieme piante che hanno almeno gli stessi requisiti di illuminazione e innaffiatura.

Ad esempio, non puoi piantare nella stessa fioriera una pianta grassa e delle petunie: la prima ha bisogno di innaffiature poco frequenti, la seconda ha bisogno di un terreno costantemente umido.

Se le coltivi insieme o marcisce l’una o si secca l’altra. Ma allora quali sono le piante più adatte da abbinare ad un albero di Giada? Vediamo qualche idea!

Quali piante abbinare alla Giada

Ci sono alcune piante che, sia per necessità di coltivazione, sia perché sono esteticamente adatte, possono essere coltivate in una fioriera comune insieme alla crassula. Di seguito troverai 3 idee.

Kalanchoe

Poiché l’albero di Giada presenta, nella maggior parte dei casi, solo le foglie (i fiori sbocciano solo se viene coltivata in condizioni perfette) è una buona idea piantarlo insieme a delle piantine fiorite.

Un’idea è di sicuro la Kalanchoe, una pianta “semigrassa” che ha requisiti di innaffiatura simili a quelli dell’albero di Giada.

Dunque se le pianti insieme basterà semplicemente aspettare che tutto il terreno si secchi prima di innaffiare nuovamente.

Cactus di Natale

Anche il cactus di Natale teme i ristagni idrici come l’albero di Giada e, del resto, come tutte le piante grasse.

Per questo è un’idea piantarli nella stessa fioriera e innaffiare solo quando le due piante ne hanno bisogno.

Non fare però l’errore di innaffiare con il contagocce o, peggio ancora, con uno spruzzino.

Ciò che differenzia le succulente dalle piante normali in merito all’innaffiatura, non è la quantità d’acqua, ma è la frequenza di innaffiatura a cambiare.

Le piante grasse hanno bisogno di una innaffiatura uniforme proprio come le piante normali, ma deve avvenire meno spesso.

Cotyledon

La pianta di Cotyledon esteticamente somiglia molto alla crassula ovata, ma la differenza è che tende ad avere steli più alti, foglie verde chiaro dai bordi rossi e fiori dai toni pescati.

Dunque è perfetta da abbinare all’albero di Giada. In più ha bisogno delle stesse cure: va tenuta all’esterno, in una zona luminosa e va innaffiata solo quando il terreno si è completamente asciugato.

Se segui questi semplici passaggi non avrai difficoltà a vederla fiorire.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.