L’albero di Giada farà i Fiori se segui queste indicazioni

L’albero di Giada è una pianta grassa famosa soprattutto per la sua proverbiale resistenza e per essere adatta anche a coloro che non hanno il proverbiale pollice verde.

Oltre alle sue splendide foglie carnose, lucide, dal colore verde smeraldo intenso, l’albero di Giada produce, favorita da particolari condizioni climatiche e in specifici periodi dell’anno, dei piccoli fiorellini che vanno dal bianco al rosa, simili a piccole stelle sulla sommità degli steli.

Al contrario di quanto si possa pensare, per incentivare la fioritura ci sono alcuni accorgimenti che puoi apportare alla cura che dai all’albero di Giada per fare in modo che fiorisca.

Vediamo insieme cosa puoi fare per incentivare la fioritura dell’albero di Giada.

Quando fiorisce?

Il tipico fiore a forma di stella dell’albero di Giada spunta nei casi più fortunati in due momenti specifici dell’anno. Il periodo più comune di fioritura alla nostra latitudine è quello estivo, durante il quale la pianta gode della temperatura giusta per la fioritura.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Parliamo di latitudine perché in base a questa il periodo di fioritura cambia, anche di molti mesi. Essendo una pianta originaria dell’emisfero australe, il suo periodo di fioritura naturale è quello che coincide col nostro periodo invernale. Dunque, potrebbe capitare di vederla piena di fiori anche d’inverno.

3 condizioni ideali per la fioritura

Anche se si tratta di una pianta molto comune e particolarmente apprezzata, potrebbe non essere molto facile vederla in fiore. Occorrono tre condizioni imprescindibili per ammirare la fioritura dell’Albero di Giada.

Età matura

Non puoi aspettarti che il tuo albero di Giada fiorisca se si tratta di un bonsai ricavato da una giovane talea di pochi anni o se la pianta, anche se grande, è particolarmente giovane.

Le dimensioni della pianta non denotano un’età adulta. Solo una pianta adulta di almeno tre anni può cominciare a produrre fiori.

Terriccio secco

Tra le condizioni ideali, quella dell’aridità è una di queste. Quando parliamo di aridità non intendiamo indurre in sofferenza la pianta, ma siamo abituati ad innaffiare le piante grasse come piante comuni che hanno bisogno di costanti innaffiature.

Al contrario, l’albero di Giada, soprattutto nei mesi freddi, richiede che vi siano lunghe pause tra un’innaffiatura e l’altra, tanto da riprodurre le condizioni del suo habitat naturale, ma non troppo da rendere le foglie rinsecchite.

Ambiente fresco e asciutto

Se coltivata in casa, l’albero di Giada potrebbe godere di un ambiente troppo umido per i suoi gusti e questo non favorisce di certo la produzione di fiori.

Affinché fiorisca, l’ambiente nel quale si trova deve essere secco ma allo stesso tempo fresco, tipico in alcune zone in cui le notti non vanno al di sotto dei 12 gradi e l’umidità è particolarmente bassa.

Come stimolare la fioritura

È essenziale che durante il periodo invernale vengano ridotte drasticamente le innaffiature al fine di mantenere il terriccio secco. Innaffia il tuo albero di Giada una volta al mese così da mantenere le foglie idratate e gonfie ma il terriccio non umido costantemente.

Assicurati che durante la notte le temperature non scendano sotto i 12 gradi o potrebbero gelare fogliame o l’apparato radicale; in questo caso provvedi a spostare al riparo la pianta addossandola ad una parete o ricoprendola con dei teli durante la notte.

La luce deve essere brillante e in inverno può essere anche diretta poiché non abbastanza violenta da bruciare le foglie.

Durante il periodo primaverile potresti concimare, almeno una volta al mese, l’albero di Giada con del fertilizzante liquido così da fornire al terriccio i giusti nutrienti per la fioritura.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.