Come proteggere le piante del balcone dal Freddo di Gennaio con questi Metodi semplici

Gennaio è di sicuro uno dei mesi più freddi dell’anno. Le piante più giovani e fragili che teniamo in balcone o nel nostro giardino risentono particolarmente dei cali di temperatura, soprattutto durante la notte.

È possibile che un sottile strato di ghiaccio si depositi sulle foglie delle piante provocando seri danni così come le temperature più rigide possono far gelare le radici più profonde.

Ti spiego come proteggere le tue piante dal freddo pungente del mese di gennaio in molti modi semplici ed efficaci.

Posso prevedere delle gelate?

Al di là delle previsioni metereologiche a cui fare riferimento nei mesi più freddi, è possibile prestare attenzione ad alcuni indicatori che ci mettono in allerta, prevenendo così danni seri alle nostre piante.

Puoi stare piuttosto tranquillo durante le notti nuvolose: le nuvole isolano la terra trattenendo il calore terrestre, così che questo non si disperda.

Quando il cielo e limpido e non c’è vento puoi aspettarti delle notti con cali di temperatura davvero drastici.

Anche le sere nebbiose preannunciano sottili cristalli di ghiaccio che al mattino puoi ritrovare sulle tue piante all’esterno.

Ripara le tue piante

Le piante in balcone sono maggiormente soggette al freddo poiché non beneficiano di grosse quantità di terra che possa isolare le radici dal freddo.

Provvedi a spostarle all’interno, almeno quelle che è possibile riparare in questo modo, in un luogo che non sia troppo caldo. Improvvisi sbalzi termici potrebbero comunque danneggiare le tue piante nel repentino passaggio da un ambiente molto freddo ad uno troppo caldo.

Ricorda di non posizionarle vicino alle tue piante da interno, almeno non prima di averle controllate per evitare che eventuali parassiti possano infettare le piante in casa.

Effettua una pacciamatura

Una buona pacciamatura può essere un trucco semplice ma efficacie per isolare le tue piante dal freddo.

In questo modo contribuirai ad isolare le radici dal freddo. Applica uno strato di pacciame di almeno 2 cm così da creare un buon isolante.

Lascia qualche centimetro di distanza dal corpo centrale della pianta così che il calore possa circolare nelle ore del giorno meno fredde.

Ricorda di togliere lo strato di pacciame durante i periodi più caldi o quelli più umidi, poiché potrebbe trattenere troppo l’umidità e causare marciume radicale.

Copri le piante con un telo

Per proteggere un gruppo più ampio di piante, è sufficiente coprirle con coperte, lenzuola, asciugamani o panni.

Prima di stendere il tessuto, posiziona diversi paletti intorno alle tue piante in modo che quando le copri crei una struttura simile a una tenda da campeggio.

Puoi anche utilizzare un telo antipioggia, creando una vera e propria serra, stando attento a lasciare lo spazio alle piante per respirare.

Tira giù queste coperture al mattino presto, soprattutto se si tratta di una giornata di sole, lasciando che le tue piante godano della luce e del tepore delle poche ore di sole tiepido di gennaio.

Fornisci alle piante una fonte di calore

Dopo aver costruito intorno alle tue piante una serra di fortuna puoi utilizzare una fonte di luce per produrre calore. Le vecchie lampade a incandescenza, ad esempio, possono surriscaldare l’ambiente poiché producono calore.

Puoi riutilizzare anche delle vecchie luci di Natale, deboli ma efficaci così da non produrre troppo calore ma al tempo stesso mantenere un ambiente mite, con una temperatura leggermente più alta dell’esterno.

Ricorda però di non fornire luce per troppe ore o potresti condizionare le tue piante con un esubero di luce oltre quella diurna e danneggiarle

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.