Se Hai tagliato uno stelo delle Stella di Natale sai cos’è la sostanza appiccicosa?

Il simbolo floreale per eccellenza delle festività, la stella di Natale (Euphorbia pulcherrima) è un arbusto tropicale originario del Messico.

Come membri della famiglia delle euforbia (Euphorbiaceae), le stelle di Natale hanno una linfa lattiginosa all’interno dei loro steli.

Questo lattice aiuta a conservare l’umidità all’interno della pianta e scoraggia gli animali e gli insetti dal mangiare la pianta, poiché il lattice è amaro e tossico se consumato in grandi dosi.

Ma vediamo meglio di cosa si tratta e quando puoi veder scorrere il lattiche dalla tua stella di Natale!

Si tratta di linfa

È facile individuare la linfa che trasuda da una stella di Natale a causa della composizione lattiginosa e del suo colore biancastro.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Questo candore contrasta con il verde scuro delle foglie, o con i vari colori delle brattee.

Solo su brattee bianche o color crema la linfa sarebbe leggermente mimetizzata. Inizialmente, la linfa bianca scorre rapidamente se la ferita è importante.

Sebbene molti pensino che la stella di Natale sia una pianta d’appartamento molto tossica, questa affermazione potrebbe essere un po’ esagerata.

Ciò che è certo è che nella linfa sono presenti delle tossine che potrebbero provocare delle irritazioni sulla pelle di chi è particolarmente sensibile.

Probabilmente causerà mal di stomaco e nausea se ingerita, ma insomma di certo non capita neanche per errore di fare un’insalata di stella di Natale, ecco.

Tuttavia, non lasciare che i bambini o gli animali domestici mangino parti della pianta, poiché il loro peso corporeo inferiore può causare più reazioni avverse alle tossine nella pianta.

Cause

La linfa è contenuta in tutti i tessuti della Euphorbia pulcherrima. La sostanza lattiginosa trasuda solo quando i tessuti sono danneggiati, come quando tagli di proposito uno stelo o un ramo.

La linfa dunque viene secreta sullo stelo o sulle foglie.

Tuttavia può fuoriuscire anche se accidentalmente la pianta viene danneggiata, quindi spesso dalla ferita si forma un minuscolo punto di linfa bianca.

Quando il lattice si secca

Una volta che la linfa è esposta all’aria, inizia a seccarsi e parzialmente a coagulare.

Molta linfa può trasudare da un grosso gambo spezzato, ma molto meno da una venatura rotta sulla foglia ad esempio.

Per diversi minuti, a seconda della temperatura e dell’umidità ambientale, la linfa di lattice bianco si secca e diventa più chiara.

Alla fine diventa di colore scuro. L’essiccazione della linfa sigilla la ferita della pianta, prevenendo un’ulteriore essiccazione dei tessuti vegetali.

Le ferite chiuse correttamente impediscono inoltre a malattie, funghi o insetti di accedere al sistema vascolare della pianta.

Come pulire la sostanza lattiginosa

Una volta che la linfa si secca sulla stella di Natale, quando diventa chiara e poi annerisce, non cercare di lavarla o strofinarla via.

Rischi di rompere la foglia, la brattea o il gambo o di rompere più vene per causare più secrezioni di linfa.

Per evitare di far scorrere macchie o macchie di linfa secca, puoi appoggiare con cura il bordo di un tovagliolo di carta sulla ferita per assorbire la sostanza quando è fresca, acquosa e bianca.

Questo è il modo più semplice e sicuro per preservare le brattee colorate sulla stella di Natale in fiore senza causare ulteriori danni o vedere successivamente macchie di linfa nera.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.