Ecco la verità sulla Stella di Natale e i 9 Miti da sfatare

La stella di Natale è la decorazione natalizia per eccellenza per i suoi colori tipicamente legati al Natale.

Ma proprio il fatto che sia così comune crea intorno a questa pianta dei falsi miti generati solo da credenze popolari, ma non tutti sono totalmente falsi.

Dunque in questo articolo capirai quanto ne sai davvero di questa splendida pianta rossa: tanto per cominciare, non sono tutte rosse le stelle di Natale.

Ma se questo non ti sorprende, scopriamo insieme quali sono gli altri 9 miti da sfatare!

Le stelle di Natale sono velenose

A meno che tu non debba mangiare stelle di Natale a colazione, questa pianta non ti farà ammalare nemmeno lievemente.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

In effetti, un bambino di 20 kg circa dovrebbe mangiare 500 brattee (le foglie rosse) per accumulare livelli di tossine davvero dannose per l’uomo.

Considera però che la stella di Natale è un membro della famiglia delle euforbie (il nome latino è Euphorbia pulcherimma), è caratterizzata quindi da linfa lattiginosa che fuoriesce dagli steli.

Tuttavia devi fare attenzione ai tuoi animali domestici in modo che non ingeriscano il lattice presente nei rami.

Non dura oltre le feste

Questo è falso! Se segui le regole di base per la cura della stella di Natale dureranno tanto quanto le altre piante che hai in casa.

Cerca di annaffiare con parsimonia, mantenendo la tua pianta al riparo dalle correnti d’aria fredda e tienila lontana dal calore dei termosifoni.

Mettila in un posto con molta luce, la tua stella di Natale avrà un aspetto fantastico durante le festività natalizie.

Tutte le stelle di Natale sono rosse

Falso!

Il rosso è legato alla stella di Natale tradizionale, quella più venduta e più ampiamente disponibile.

Tuttavia, negli ultimi decenni gli allevatori specializzati di stelle di Natale hanno lavorato duramente per creare bellissime varietà ibride dalle foglie bianche, crema, variegate, rosa, albicocca e salmone.

Sono note come Stelle di Natale in tutto il mondo

Vero!

Poiché prendono colore nei giorni più profondi dell’inverno con le loro brattee fogliari rosso intenso a forma di stella, le stelle di Natale sono diventate il simbolo delle festività in tutto il mondo.

Ha altri soprannomi oltre a quello a noi famoso: la chiamano Mexican flame leaf -foglia fiamma messicana-, Winter rose -rosa invernale-, Noche Buena -notte serena-.

Ma almeno in italiano, inglese (Christmas star) e tedesco (Weihnachtsstern), è sempre “stella di Natale”.

I fiori sono le piccole bacche gialle

Vero!

Le grandi brattee colorate della stella di Natale vengono spesso scambiate per petali di fiori, ma in realtà sono foglie.

I fiori della stella di Natale sono in realtà le minuscole strutture a forma di bacche gialle al centro di ogni brattea fogliare noti come ciazio.

Puoi usarla per i fiori recisi

Vero!

La stella di Natale produce fiori recisi di lunga durata e sono anche molto decorativi.

Basta tagliare il gambo e immergere immediatamente l’estremità in acqua calda per 20 secondi per sigillare la linfa lattiginosa prima di metterla in acqua fredda.

Il tuo fiore di stella di Natale reciso durerà quindi almeno una settimana in un vaso di vetro, in una composizione mista o in un mazzo da regalare.

Prendono il nome dal signor Poinsett

Il signor Joel Roberts Poinsett era il diplomatico, botanico e medico statunitense che scoprì la stella di Natale durante un incarico diplomatico in Messico e inviò talee a casa nella Carolina del Sud.

La stella di Natale, infatti, in inglese è anche chiamata Poinsettia.

La Giornata Internazionale della Stella di Natale, il 12 dicembre, commemora la data della morte di Mr. Poinsett.

L’associazione con il Natale ha origine in Messico

Vero!

Nel ‘500 nacque la leggenda di una bambina messicana di nome Pepita e del miracolo di Natale.

Troppo povera per comprare un vero regalo la vigilia di Natale, raccolse un ramo di foglie verdi da un arbusto mentre andava in chiesa e le legò in un bouquet.

Mentre deponeva il suo dono ai piedi dell’altare, le foglie diventarono di un magnifico rosso.

La stella di Natale divenne nota come Flores de Noche Buena e divenne il fiore di Natale ufficiale del Messico.

Ha bisogno del buio per cambiare colore

Vero!

Le stelle di Natale hanno bisogno di 12 ore piene di buio pesto al giorno perché le loro foglie cambino dal verde al rosso.

Ciò può avvenire sia naturalmente, cioè quando le notti invernali si avvicinano e le ore di luce diminuiscono, sia artificialmente.

Ciò significa che puoi anche stimolare il processo in anticipo creando condizioni di buio magari in uno stanzino.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.