Banano: coltivazione e cura

Il banano è una delle piante più semplici da coltivare perché richiede poche cure.

Anche se per definizione è un albero da frutto, ultimamente questa pianta viene coltivata anche come pianta d’appartamento, in questo caso è più difficile che fiorisca ma rende comunque l’ambiente di casa tua molto esotico.

Il banano nell’aspetto è molto simile alla strelitzia: entrambe le piante hanno delle foglie lunghe e ampie, di un verde intenso.

Sia che coltivi il tuo banano come albero per ricavarne i frutti, sia che ti serva come semplice pianta ornamentale, la pianta di banane ha comunque bisogno delle giuste cure.

Ecco come curare e coltivare nel modo giusto la tua pianta.

Caratteristiche

Vediamo insieme le principali caratteristiche del banano, a partire dalle varietà conosciute, fino alla sua fioritura.

Varietà

Esistono oltre 400 varietà di banano classificate in tutto il mondo. Tra queste varietà ricordiamo:

  • Musa basjo: sono piante di banane da frutto, Cresce, nelle giuste condizioni climatiche, anche fino a 5 metri di altezza. I suoi frutti sono verde-giallognoli.
  • Musa sikkemensis: la fioritura di questa varietà avviene ad estate inoltrata e produce frutti non commestibili.
  • Musa acuminata x zebrina: comprendono per lo più piante d’appartamento di piccole dimensioni come la Musa beccarii.

Esposizione

Ma di quanta luce ha bisogno il banano? Se coltivi la tua pianta di banano come pianta d’interno, scegli un luogo luminoso al riparo dal vento e dalle correnti d’aria.

Questa pianta preferisce un ambiente umido e durante l’estate potresti pensare di spostarlo all’aperto.

Se coltivi il banano come pianta da giardino, scegli un posto soleggiato e sempre al riparo dal vento forte.

Le giovani piante dovrebbero essere piantate al riparo dalla luce solare diretta troppo forte.

Fioritura

Come tutti i frutti che conosciamo e che siamo abituati a mangiare, anche le banane, prima di essere dei frutti, sono state un fiore.

La fioritura del banano è caratterizzata da un fiore violaceo, che inizialmente può sembrare un incrocio tra una pannocchia e un carciofo.

La fioritura, se le condizioni del clima sono giuste, si sviluppa in circa un anno. Il fiore del banano si sviluppa all’interno de fusto e quando i petali si apriranno, saranno visibili le banane.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quale cure ha bisogno il banano, a partire dal terreno che viene utilizzato per la sua coltivazione.

Terreno

La base per una buona crescita e una buona fioritura di una pianta di banane è il terreno in cui viene coltivata.

Non è raro piantare un albero di banane in un vaso, poiché molte varietà sono coltivate come piante da interno.

In questo caso si dovrebbe utilizzare un terriccio drenante per prevenire un terreno troppo zuppo d’acqua.

L’ideale è un terreno che arricchito con fibre di cocco, che conservano l’umidità ma prevengono il marciume delle radici.

Quando innaffiare

Il banano richiede molta acqua poiché l’intera struttura della pianta è ricca di acqua. Per mantenere questa struttura in modo sano e in salute, è importante innaffiarla regolarmente.

Sia il terreno del giardino che il terriccio in vaso devono essere mantenuti sempre umidi per evitare danni causati da un terreno troppo secco.

Soprattutto per quanto riguarda le piante da interno si consiglia di spruzzare regolarmente con acqua sia le foglie che il “fusto” della pianta.

Concime

Diversamente dalle piante giovani, un albero di banana maturo non richiede quasi alcun fertilizzante.

Inoltre, devi sapere che se metti la tua pianta in un terriccio di buona qualità, i nutrienti o le sostanze minerali verranno ricavati proprio da qui.

Nonostante ciò, due o tre applicazioni di concime all’anno non danneggiano la pianta. Si consiglia di utilizzare fertilizzante liquido all’inizio della primavera e in autunno.

In alternativa, puoi scegliere di utilizzare anche un concime totalmente naturale usando alcuni scarti di cucina.

Potatura

La potatura del banano non è sempre necessaria. Basterebbe rimuovere le foglie secchie e ripulire la pianta dai residui di foglie cadute alla base.

Rimuovi le foglie morte per incoraggiare una nuova crescita.

Ma fai attenzione, se il gambo principale del banano viene danneggiato dal freddo, non tagliarlo. Molto probabilmente si riprenderà e continuerà a produrre frutti l’estate successiva.

Il momento migliore per potare un albero di banane è durante la stagione di crescita attiva e dopo che ha dato i suoi frutti.

Moltiplicazione

Il banano può essere moltiplicato o tramite seme o attraverso delle crescite spontanee alla base della pianta.

La moltiplicazione attraverso i semi della pianta madre matura è possibile, però, solo per le piante coltivate nel loro habitat naturale.

Tuttavia, puoi moltiplicare il banano tramite delle crescite spontanee alla base della pianta che vengono chiamate “polloni” o “propaggini”.

Adatte alla moltiplicazione sono le propaggini che già hanno da tre a quattro foglie. Usa delle cesoie disinfettate e taglia la propaggine alla base separandola dalla pianta madre.

Lascia asciugare il punto tagliato per circa uno o due giorni prima di piantare il germoglio in un vaso nuovo.

Malattie e parassiti

Il banano è generalmente considerato una pianta che non attira parassiti e malattie. Tuttavia, se non ti prendi adeguatamente cura della pianta potrebbe ammalarsi.

Vediamo insieme le malattie e i parassiti più comuni.

Marciume radicale

Anche se la pianta di banane richiede molta acqua, tuttavia se le radici restano zuppe per troppo tempo, possono marcire.

In questo caso le foglie diventano gialle e ciò può portare, a lungo andare, alla morte della pianta. Togli la pianta dal terriccio zuppo, taglia le parti marce della radice e lascia asciugare per uno o due giorni. Solo dopo può essere messa in un vaso con del terriccio fresco.

Cocciniglia

Se il banano viene conservato in un ambiente troppo secco, può essere attaccato da cocciniglie. Rilasciano una sostanza bianca simile al cotone sulla superficie inferiore delle foglie.

Puoi eliminarli vaporizzando le foglie con un sapone diluito in acqua. Di solito vanno via dopo dopo una o due applicazioni. Ma se l’infestazione è grave l’unica soluzione è usare un insetticida chimico.

Acari di ragno

Le prime tracce di piccoli punti bianchi sulle foglie indicano un’infestazione da acari, in questo caso le foglie iniziano a seccarsi.

Si possono formare delle piccole ragnatele possono tra le foglie e sul fusto. Poiché spesso infestano le piante vicine, la pianta colpita dovrebbe essere immediatamente allontanata.

Vaporizza con dell’acqua la pianta di banane infestata, ciò aumenterà l’umidità che a sua volta farà morire gli acari. In alternativa ci sono spray appositi per combattere le infestazioni.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Fermamente convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Di cosa parlo? Delle piante, ovviamente.