Come coltivare l’Origano la Spezia dal Sapore Orientale

Il genere Oreganum contiene molte erbe aromatiche e sottoarbusti perenni originari dell’Asia occidentale e della regione mediterranea, anche se alcuni si sono naturalizzati in Nord America.

Le specie più comuni sono le erbe culinarie, tra cui Origanum vulgare e Origanum majorana. 

Ma sai come coltivarlo al meglio per avere questa spezia preziosa e fresca direttamente a casa tua?

Segui questa guida per coltivare l’origano.

Caratteristiche

Le foglie di origano sono generalmente ovali, verde scuro e posizionate in coppie opposte lungo gli steli.

Le foglie hanno spesso un aspetto minuto, sono piccole ma il loro profumo si sprigiona al tocco.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli posso inviarteli ogni giorno direttamente su WHATSAPP! Contattami qui e salva il mio numero in rubrica! Ti aspetto!

Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Varietà

  • Origanum vulgare (origano comune): Questa specie è l’origano che molte persone usano per cucinare;
  • Origanum vulgare ‘Aureum‘ (origano dorato): Questa cultivar ha foglie più chiare e un sapore più delicato rispetto alla pianta principale della specie. È più popolare come pianta ornamentale che come erba da cucina;
  • Origanum heracleoticum (origano greco): Questa specie è anche comunemente usata per cucinare e ha un sapore abbastanza forte.

Esposizione

La maggior parte delle varietà di origano ha bisogno di pieno sole, il che significa almeno sei ore di luce solare diretta nella maggior parte dei giorni.

Tuttavia, alcune varietà, tra cui l’origano dorato, preferiscono un po’ di ombra dalla forte luce solare per evitare che le loro foglie si rovinino.

Coltivazione e cura

L’origano è tra le aromatiche che si coltiva con maggiore facilità per la sua richiesta di un terriccio non molto ricco.

Potrà dare grandi soddisfazioni sia fresco che essiccato, come siamo abituati di solito ad acquistarlo.

Innaffiature

L’origano ha bisogno di poca acqua e un’unica innaffiatura settimanale che inumidisce il terriccio può andar bene.

Lascia asciugare il terreno tra le annaffiature. L’irrigazione eccessiva può causare marciume radicale e altri problemi.

Terreno

Un terriccio sabbioso è ideale per la coltivazione dell‘origano.

Se il terreno è umido con molta materia organica, l’origano non crescerà bene come in un terreno ben drenato, leggero e asciutto.

Inoltre, un pH del suolo leggermente acido è preferibile.

Fertilizzante

L’origano in genere non ha bisogno di fertilizzazione, in quanto può prosperare in terreni poveri.

Infatti, grandi quantità di sostanze nutritive, come l’azoto, possono cambiare il sapore della spezia.

Moltiplicazione

L’origano va propagato per divisione.

Il momento migliore per dividere una pianta è all’inizio della primavera o in autunno.

Tira fuori dalla terra delicatamente una pianta di origano maturo, mantenendo intatto il suo apparato radicale.

Con le mani dividi l’apparato radicale, cercando di districare ciascun cespo senza tagliare le radici.

Ripianta ogni segmento in un sito di coltivazione adatto.

Parassiti e malattie

Pochi parassiti e malattie infastidiscono le piante di origano.

Tuttavia, tieni d’occhio gli acari e gli afidi sul fogliame.

Inoltre, fai attenzione al marciume radicale e ad altre malattie fungine che possono insorgere nei terreni umidi.

Come piantare l’origano?

Se vuoi partire proprio dalla semina ti occorre conoscere alcune specifiche esigenze di un aromatica come l’origano che si coltiva in modo semplice e senza pretesa alcuna.

Quando piantarlo?

Pianta l’origano in primavera dopo che la minaccia del gelo è passata.

Inoltre, puoi iniziare semi o talee in casa da 6 a 10 settimane prima del gelo primaverile previsto dalla tua zona.

Dove piantarlo?

L’origano è una di quelle erbe mediterranee che crescono bene in pieno sole e terreno ben drenato.

Quindi l’origano è una buona scelta per quelle zone soleggiate del tuo giardino con terreno povero che non è adatto a molte altre piante.

Assicurati solo che non sia situato troppo vicino a piante più alte che terranno in ombra l’origano.

Come piantarlo?

I semi non vanno messi troppo in profondità, ad alcuni centimetri di distanza gli uni dagli altri.

Le piante da vivaio dovrebbero essere piantate alla stessa profondità in cui stavano crescendo nel loro vaso. Una struttura di supporto non dovrebbe essere necessaria.

Quando e come raccogliere l’origano?

Puoi iniziare a raccogliere le foglie di origano tagliando i rametti con solo le foglie necessarie per cucinare in quel momento, lasciando che il resto della pianta continui a crescere.

Le foglie di origano più saporite sono quelle della cima, da raccoglier prima della fioritura estiva.

I rametti freschi possono essere tenuti in frigo per circa una settimana.

Puoi appendere i rametti a testa in giù in un luogo buio e fresco con una buona circolazione dell’aria per farli seccare.

L’origano secco ha un sapore più forte delle foglie fresche e dovrebbe essere buono per circa due o tre anni.

Quando piantare l’origano?

Pianta l’origano in primavera dopo che la minaccia del gelo è passata.
Inoltre, puoi iniziare semi o talee in casa da sei a 10 settimane prima del gelo primaverile previsto dalla tua zona.

Come raccogliere l’origano?

Puoi iniziare a raccogliere le foglie di origano tagliando i rametti con solo le foglie necessarie per cucinare in quel momento, lasciando che il resto della pianta continui a crescere.
Le foglie di origano più saporite sono quelle della cima, da raccoglier prima della fioritura estiva.

Di che tipo di luce ha bisogno l’origano?

La maggior parte delle varietà di origano ha bisogno di pieno sole, il che significa almeno sei ore di luce solare diretta nella maggior parte dei giorni.

L’origano va innaffiato spesso?

L’origano ha bisogno di poca acqua e un’unica innaffiatura settimanale che inumidisce il terriccio può andar bene.

L’origano richiede fertilizzante?

L’origano in genere non ha bisogno di fertilizzazione, in quanto può prosperare in terreni poveri.
Infatti, grandi quantità di sostanze nutritive, come l’azoto, possono cambiare il sapore della spezia.

Giuseppe Iozzi
Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.