Come si ottiene lo Zafferano? Dal fiore alla spezia definita Oro Rosso

Lo Zafferano è la spezia più costosa al mondo e si ricava dallo stimma essiccato del fiore della pianta di Crocus Sativus.

Lo zafferano è popolarmente conosciuto come oro rosso proprio per il suo costo. Lo zafferano può essere coltivato ovunque nel mondo e coltivarlo è comunque molto semplice e accessibile a chiunque.

In generale, il prezzo dello zafferano dipende dall’intenso lavoro necessario per il raccolto e non perché sia ​​difficile da coltivare.

Ma vediamo meglio come si ottiene lo zafferano partendo dal fiore alla spezia!

Usi dello zafferano

Questa pianta è originaria dell’Europa e coltivata nei paesi mediterranei e in India.

Lo zafferano appartiene alla famiglia delle Iridaceae e la parte usata della pianta, o meglio del fiore è lo stigma o stimma.

Lo zafferano viene utilizzato sia in cucina che in medicina, viene utilizzato principalmente nei condimenti in cucina e per ottenere colore e sapore speziato nei risotti.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Lo zafferano è usato anche in profumi e cosmetici. Quando si tratta di uso medicinale, lo zafferano è usato nel trattamento ayurvedico per curare l’artrite, l’impotenza e l’infertilità.

In India, le persone credono che le donne che prendono lo zafferano insieme al latte durante la gravidanza porteranno alla nascita un bambino dal colorito sano.

Requisiti di terreno e clima

Nella coltura dello zafferano, il tipo di terreno è più importante del clima dell’area in cui viene coltivato.

Lo zafferano cresce meglio nel caldo clima subtropicale e ha bisogno di un periodo di 10 ore di luce solare.

La bassa temperatura unita all’elevata umidità durante la stagione della fioritura influisce sulla fioritura del raccolto di zafferano e le piogge primaverili aumentano la produzione di nuovi cormi (una sorta di bulbo).

Quando si tratta di terreno, lo zafferano cresce bene in terreni da acidi a neutri, ghiaiosi, argillosi e sabbiosi.

Richiede terreni drenanti e i terreni argillosi pesanti devono essere evitati poiché non sono adatti.

Quando piantare lo zafferano

Il terreno dovrebbe essere privo di erbacce e arricchito con materia organica.

La stagione migliore per piantare lo zafferano va da giugno a settembre e la fioritura inizia a ottobre dall’anno in cui è piantato.

Generalmente, l’inverno sarà la stagione di crescita vegetativa e le foglie saranno essiccate nel mese di maggio.

I cormi di zafferano dovrebbero essere piantati a una profondità di 12-15 cm mantenendo una distanza tra loro di circa 10 cm.

L’irrigazione non è necessaria, tuttavia in caso di siccità prolungata e stagione calda puoi innaffiare.

Generalmente, i cormi dello zafferano si moltiplicano da un anno all’altro e da un singolo cormo si ottengono 5 cormi dopo 3 anni dalla semina.

Essiccazione dello zafferano

Lo zafferano fiorisce il mese di ottobre e la fioritura dura un mese. La raccolta dovrebbe essere effettuata quando i fiori sono in piena fioritura e viene preferita la raccolta al mattino presto.

Dopo aver raccolto i fiori, si estraggono gli stigmi rossi dai fiori, ogni fiore ha solo 3 stigmi quindi puoi immaginare quanto lavoro sia necessario per prelevare anche solo 1 grammo di questa spezia.

L’Essiccazione avviene mettendo gli stigmi su un setaccio in un luogo ben ventilato tra 45°C e 60° C per 15 minuti (anche in forno con la porta leggermente aperta o al sole all’esterno).

In genere, lo zafferano fresco non ha alcun sapore e si consiglia di riporre lo zafferano essiccato in un contenitore ermetico lontano un mese prima del consumo.

Generalmente, sono necessari circa 150 fiori di zafferano per produrre 1 grammo di zafferano essiccato, ora hai capito da cosa deriva il soprannome oro rosso?

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.