Perché le foglioline dell’Albero di Giada si stanno annerendo

Chi vuole una pianta verde e rigogliosa senza necessità di troppe attenzioni sceglie alcune specie famose per la loro resistenza. Tra queste c’è sicuramente l’Albero di Giada.

Questa pianta grassa, il cui nome botanico è Crassula Ovata, è anche conosciuta come piantina della fortuna in quanto le sue foglie rotonde ricorderebbero la forma delle monete.

Amante delle temperature medio-alte e della luce, la Crassula Ovata è molto resistente ma non per questo esente dai problemi!

A volte, infatti, vediamo le sue foglioline scurirsi o annerire senza capire quale sia la causa di questo problema.

Vediamo insieme quali sono i motivi e come fare per risolvere.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarci il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Eccesso d’acqua

La causa più frequente di questo fenomeno è l’eccesso di innaffiature. Non dobbiamo mai dimenticare, infatti, che questa è una pianta succulenta e, in quanto tale, le sue foglie contengono già una buona riserva d’acqua.

Quando l’acqua è in eccesso, le foglie sviluppano un piccolo edema che si manifesta con macchioline scure o nere.

Di conseguenza, se l’annerimento delle foglie è a macchie, il problema è probabilmente proprio questo.

Alcune volte, le foglie scure sono sintomo di un marciume delle radici, sempre causato da eccessive innaffiature. In questi casi, dovrete provare a salvare la pianta rinvasandola ed eventualmente eliminando le radici ormai completamente marce.

Sapete che potete rendere questa pianta più forte potandola? Ecco come fare.

Basse temperature

Com’è ben noto, l’Albero di Giada ama le alte temperature.

Quando queste scendono sotto i 12 °C, la pianta può risentirne e iniziare a soffrire. Uno dei primi segni di questa sofferenza è proprio lo scurirsi delle foglie.

In tal caso, l’annerimento non è a macchie, ma coinvolge la foglia iniziando dalla sua parte esterna come se si trattasse di un cerchio.

La soluzione? Fate massima attenzione alle temperature cui esponete la vostra pianta e collocatela in un posto più caldo e dove la temperatura si aggiri mediamente intorno ai 20 °C.

Leggete qui per capire come “raddrizzare” questa pianta se ha i rami storti.

Terriccio troppo vecchio

Quando il terreno della pianta non viene cambiato da troppo tempo, può portare a due spiacevoli conseguenze.

La prima è che diventa meno drenante, trattiene di più l’acqua e, quindi, aumenta il rischio di marciume delle radici.

La seconda è che perde la sua concentrazione di sostanze nutritive. L’ideale è cambiare il terreno in occasione del rinvaso ogni anno o, al massimo, ogni 2 anni.

Le foglie sono sottili e poco carnose? Ecco qual è il problema.

Errori di concimazione

Quando le foglie manifestano aloni più scuri, neri o tendenti al rossiccio, il problema può essere relativo a un errore nella concimazione.

Probabilmente avete utilizzato un concime poco adatto, ad esempio uno specifico per piante fiorite e non per piante grasse.

Altro comune errore è quello di aver concimato il vostro albero di giada in un periodo sbagliato. Ricordate che dovete concimare soltanto nei mesi primaverili ed estivi.

N.B: nella concimazione, ricordate di seguire sempre le indicazioni di utilizzo del prodotto e di diluire nella giusta quantità d’acqua per evitare che sia troppo concentrato.

Qui trovate alcuni consigli di concimazione per questa pianta.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".