Coltivare gli Amaryllis in acqua nel modo giusto

Coltivare l’amaryllis in acqua è divertente e la pianta farà molto effetto in un vaso alto di vetro trasparente.

È facile da fare e puoi creare e decorare il tuo vaso come meglio credi, rispettando sempre i bisogni della pianta.

In questo articolo, ti dirò passo passo come inserire un bulbo di amaryllis in acqua e ti darò anche alcuni semplici consigli per la cura.

Scopriamo insieme come coltivare gli Amaryllis in acqua!

Posso coltivare l’amaryllis in acqua?

Piantare un amaryllis nell’acqua piuttosto che nel terreno è un modo carino per esporli su un tavolo rustico in giardino ed è anche un progetto fai-da-te davvero divertente.

Devi sapere che gli amaryllis non possono essere coltivati ​​in acqua per sempre ma, se fatto correttamente, sopravviveranno abbastanza a lungo da fiorire.

Cosa ti servirà:

  • Vaso per fiori o vaso per bulbi
  • Ciottoli decorativi, biglie di vetro o rocce
  • Bulbo di amaryllis a radice nuda
  • Cesoie da giardinaggio
  • Acqua a temperatura ambiente

Scegli il vaso giusto

Questo è un progetto semplicissimo e richiede solo circa 15 minuti per essere completato una volta raccolti tutti i materiali necessari.

Per prima cosa, scegli il tuo vaso: un vaso di fiori in vetro andrà bene.

Oppure puoi recuperare un vaso creato proprio per coltivare i bulbi in acqua, questi vasi hanno la caratteristica di avere una bocca più stretta che ha la funzione di appoggio per i bulbi.

Non hai bisogno di un vaso di troppo profondo o troppo ampio.

Prendi i sassi

I sassi non servono solo per la decorazione, ma aiutano anche a stabilizzare il bulbo, a tenerlo sollevato e fuori dall’acqua. Potresti usare pietre decorative o biglie di vetro.

Puoi utilizzare anche le rocce di fiume.

Se usi un vaso per bulbi e il bulbo può appoggiarsi sopra il bordo, non avrai bisogno di sassolini, a meno che non ti piacciano per scopi decorativi.

Ripulisci il bulbo

Elimina le radici morte: prima di coltivare l’amaryllis in acqua, dovresti controllare le radici per assicurarti di mettere in acqua solo parti sane.

Usa le tue cesoie per rimuovere le radici che non sono sode e bianche.

Le radici morte o danneggiate marciranno e renderanno l’acqua torbida (e con un cattivo odore) molto rapidamente.

Risciacqua lo sporco dalle radici: se in precedenza il bulbo cresceva nella terra, ti consiglio di risciacquare eventuali detriti e terra residui dalle radici prima di piantare il bulbo in acqua.

Ciò contribuirà a mantenere l’acqua pulita e fresca più a lungo.

Posiziona il bulbo in vaso

Posiziona il bulbo nel vaso al livello desiderato. Se il tuo vaso è poco profondo, puoi tagliare un po’ le radici per poggiare il bulbo più in basso.

Se il tuo bulbo di amaryllis non ha ancora radici, puoi prima riempire il vaso di sassi e posizionare il bulbo (con la punta rivolta verso l’alto) sopra i sassi.

Aggiungi sassi al tuo vaso, se stai lavorando con un vaso di vetro fai attenzione a non farli cadere, o potrebbero rompere il vetro.

Potresti trovare più facile inclinare il vaso lateralmente in modo che le rocce scivolino sul fondo più lentamente.

Ruota il vaso mentre lavori per riempirlo di sassolini in modo che il bulbo rimanga centrato nel vaso e per nascondere il maggior numero di radici possibile.

Riempi il vaso con acqua a temperatura ambiente in modo che la linea di galleggiamento sia sotto la base del bulbo.

Il trucco per coltivare con successo l’amaryllis in acqua è assicurarsi che il bulbo non tocchi mai l’acqua, altrimenti marcirà.

Cura del bulbo in acqua

Una volta che l’amaryllis è stato messo in acqua, spostalo in un luogo caldo e soleggiato e nel giro di poche settimane dovrebbe iniziare a crescere.

A volte le foglie crescono per prime, altre volte compare prima il fiore. Non preoccuparti se le foglie iniziano a crescere per prime, ciò non significa che il tuo amaryllis non fiorirà.

Prendersi cura di un amaryllis che cresce in acqua è un po’ diverso dal coltivarne uno nel terreno.

Tieni d’occhio il livello dell’acqua per assicurarti che non evapori completamente, altrimenti le radici si seccano.

Cerca di mantenere il livello dell’acqua in modo che rimanga sempre appena sotto il fondo del bulbo.

Ricorda, se il bulbo viene lasciato nell’acqua, marcirà. Assicurati di mantenere l’acqua fresca in modo che rimanga pulita.

Cambiala con acqua fresca una volta alla settimana per ottenere risultati migliori.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.