5 Concimi facilissimi che renderanno bellissimo il tuo albero di Giada

La pianta di Giada (Crassula ovata) è una pianta succulenta di colore verde intenso, ma a volte perde il colore verde delle foglie che appaiono pallide e sbiadite.

Ciò avviene spesso perché la pianta mostra la necessità di un’aggiunta extra di fertilizzante.

Se i fertilizzanti commerciali possono bruciare la pianta se troppo aggressivi, puoi optare per un fertilizzante fatto in casa, è anche il modo più economico per rendere le piante sane.

Vediamo insieme 5 concimi facilissimi e casalinghi per il tuo albero di Giada!

Concime a base di banana

Per preparare un fertilizzante con la buccia di banana per la pianta di giada, taglia semplicemente le bucce a pezzetti e mettile in una ciotola poco profonda.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Aggiungi l’acqua nella ciotola e mettila in un luogo all’ombra per 3 o 4 giorni.

Il quarto giorno, il colore dell’acqua sarà diventato marrone. A questo punto filtra le bucce dall’acqua e usa l’acqua per la tua pianta 1 volta alla settimana.

Concime a base si sale di Epsom

Preparare un fertilizzante ai sali Epsom è la cosa più semplice che si possa fare.

Procurati i seguenti materiali e segui i passaggi per preparare fertilizzanti fatti in casa per la pianta di giada:

  • 1 cucchiaio di sali di Epsom
  • 1,5 l d’acqua

A seconda della tua preferenza, puoi usare acqua del rubinetto o acqua filtrata e mescolare 2 cucchiai di sale Epsom nell’acqua.

Il sale è facile da sciogliere e otterrai un fertilizzante al sale Epsom in pochi minuti.

L’uso non necessario di sale Epsom non si tradurrà in una migliore crescita delle piante, ma può peggiorarne la crescita. Usa la miscela di sale Epsom 1 volta al mese al posto dell’irrigazione regolare.

Fertilizzante a base di caffè

Esistono 2 modi per utilizzare i fondi di caffè come fertilizzante per una pianta di giada.

Il primo metodo consiste nello stendere i fondi di caffè usati sul giornale per farli asciugare completamente, poi cospargili intorno alla base della tua pianta.

Il secondo metodo consiste nel preparare un fertilizzante liquido usando i fondi di caffè. Se sei interessato alla seconda opzione, prepara una miscela liquida a base di caffè.

Prendi una quantità uguale di caffè e acqua per fare il fertilizzante liquido.

Ad esempio, se hai 100 grammi di caffè, assicurati di aggiungere 100 ml di acqua. Mantieni un rapporto uno a uno e mescola delicatamente.

Il tuo fertilizzante fatto in casa macinato di caffè per la pianta di giada è pronto.

Concime al tè verde

Prendi 2 bustine di tè verde e dell’acqua per preparare un fertilizzante fatto in casa a base di tè verde per la pianta di giada.

Lascia in infusione le bustine di tè nell’acqua in un contenitore coperto per 3 o 4 giorni.

Trascorso questo tempo, rimuovi il coperchio ed elimina le bustine di tè e utilizza il fertilizzante a base di tè verde.

Fertilizzante a base di gusci d’uovo

Ecco come preparare il fertilizzante a base di guscio d’uovo per l’albero di giada:

Raccogli i gusci d’uovo in un barattolo aperto, in modo che non si rovinino o producano un odore di uova marce, cerca di eliminare quella pellicola biancastra tra l’uovo e il guscio per evitare il cattivo odore.

Quando hai raccolto abbastanza gusci d’uovo, puoi seccarli al sole o metterli in forno.

Una volta che i gusci d’uovo sono asciutti, puoi macinarli in una polvere fine e conservare la polvere per un uso successivo.

Cospargi la polverina ottenuta sulla superficie del terreno e copri delicatamente la superficie del terreno.

Se non vuoi usarli in polvere, puoi anche schiacciarli un po’ e usarli direttamente nel terreno. L’unico aspetto negativo di questo metodo è che ci vuole molto tempo per decomporre i gusci nel terreno.

Quindi, vedrai i suoi effetti molto più tardi, cioè dopo sei mesi circa.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.