Se vuoi che la fioritura dell’Oleandro duri più a lungo segui questi consigli

Vista la sua resistenza e la sua capacità di produrre fiori anche durante le giornate più calde ed il sole più cocente o nelle condizioni più estreme, perché non far in modo di prolungare le fioriture del nostro oleandro?

Essendo senza pretese le sue fioriture esplosive sono quanto di più incantevole possa offrici.

Fiorisce anche se trascurato, figuriamoci se provvedessimo alla sua cura in modo costante.

Vediamo insieme in che modo riuscire a prolungare il periodo di fioritura del nostro oleandro.

Assicuragli tanta luce

Non c‘è nulla di più benefico per l’oleandro che ricevere una grande quantità di luce proprio quando sta ancora fiorendo. La fioritura richiede una grande quantità di energia, che l’oleandro può ricavare dalla luce.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Provvedi a spostarlo qualora non riceva tutte le ore di luce di cui ha bisogno. Negli ultimi mesi del suo periodo di fioritura la luce potrebbe cambiare così come l’angolazione che il sole offre durante il giorno. Se in vaso assicurati di spostarla lì dove la luce è intensa.

Se ci sono piante nei dintorni che essendo troppo cresciute le fanno ombra, provvedi a potarle.

Dalle spazio

L’oleandro ha bisogno di un luogo arieggiato per prosperare al meglio.

Questo vale sia per la chioma che per il suo apparato radicale. Visto che non ha bisogno di nulla spesso lo trascuriamo e lasciamo che l’apparato radicale cresca in un vaso ormai troppo stretto per contenerlo.

Questo potrebbe compromettere la durata delle sue belle fioriture.

Provvedi a mantenere il terriccio ben irrigato

Vista la sua tenacia e la sua resistenza alla siccità spesso ci dimentichiamo di dare all’oleandro l’acqua di cui ha bisogno.

Certo, fiorisce ugualmente e questo ci basta ma se vogliamo prolungarne la fioritura dobbiamo fare in modo che le sue condizioni di coltivazione siano ideali.

Per questo motivo, soprattutto con le alte temperature, l’oleandro ha bisogno di tanta acqua. Devi innaffiare almeno una volta a settimana se vuoi che il tuo oleandro non sia sottoposto a condizioni di stress.

Nutri il terriccio

Puoi offrire condizioni ideali al tuo oleandro nutrendo il terriccio e quindi le radici in modo adeguato.

Hai dato del fertilizzante al terriccio? In questo modo nutri in modo adeguato l’oleandro in un momento in cui ha bisogno di tutto il nutrimento possibile per esibirsi in lunghe fioriture.

Puoi utilizzare fertilizzanti NPK con una formula 10-30-20 a basso contenuto di azoto e maggiore presenza di fosforo e potassio per lo sviluppo della fioritura. Valutare quanto tipo di azoto contiene il fertilizzante che stai usando è un accorgimento prezioso.

Un’alta percentuale di azoto rende la pianta maggiormente frondosa, lasciando poco spazio alla produzione dei fiori.

Puoi realizzare inoltre fertilizzanti liquidi fai da te a base di potassio utilizzando bucce di banana, da somministrare tutte le volte che vuoi poiché privo di elementi chimici e quindi non si rischia un sovradosaggio.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.