Puoi capire il problema della tua Orchidea osservando il colore delle radici

Orchidea? Sì, grazie! Non esiste amante delle piante che prima o poi non scelga di coltivare (o almeno provare a farlo!) questa meravigliosa pianta.

Segno distintivo è sicuramente la bellezza dei suoi fiori, che di norma sbocciano in primavera, dalla forma simile a quella di delicate e sinuose farfalle. Non a caso, la sua varietà più diffusa e comune è la phalaenopsis, il cui nome deriva proprio dalla somiglianza dei fiori con le falene e le farfalle.

Tra le caratteristiche di questa pianta ci sono le sue radici: alcune sotterranee, altre aeree (ossia che crescono fuori dal terreno), sono uno degli elementi più importanti per la salute generale dell’orchidea.

Sapevi che può capire alcune cose molto importanti proprio dal colore delle radici che riesci a vedere? Ecco qui una breve, ma utilissima guida.

Radici verdi

Sia le radici sotterranee che quelle aeree dovrebbero avere un bel colore verde medio, non molto diverso, giusto un po’ più chiaro, da quello delle foglie di questa pianta.

Potete osservare le radici sotterranee attraverso le pareti di un vaso trasparente (che di norma va sempre usato per questa pianta, garantendo molti vantaggi).

Radici grigie

Non è raro che le radici, soprattutto quelle aeree, inizino gradualmente a perdere il loro colore, sbiadendo e assumendo sfumature grigie.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Questo capita soprattutto quando la pianta non riceve abbastanza luce solare: in questi casi, uno dei primi sintomi, è proprio questo cambio di colore delle radici.

La soluzione, però, è abbastanza semplice e consiste nello spostare l’orchidea in un luogo dove ci sia più luce, preferibilmente indiretta. Si parla di luce naturale indiretta quando si verificano alcune condizioni che non permettono l’esposizione diretta ai raggi solari.

Radici nere

Quando le radici, da verdi, iniziano a scurire dovresti iniziare a insospetterti.

Le radici sotterranee assumono naturalmente un colore leggermente più scuro, spesso tendente al marrone.

Le radici aeree, invece, quando iniziano a diventare nere stanno probabilmente marcendo. Le cause della marcescenza possono essere varie, la più comune è un’eccessiva innaffiatura della pianta.

Se le radici sono ormai totalmente nere, allora dovresti tagliarle utilizzando delle cesoie.

Radici bianche

Quando la tua orchidea ha delle radici bianche, le possibilità sono due.

Forse sono semplicemente sbiadite a causa del basso apporto di luce. Altra possibilità è quella relativa a un’infestazione parassitaria.

Molti parassiti, tra cui la cocciniglia, lasciano alcune tracce di melata, una sostanza zuccherina, su varie parti della pianta e sulle radici aeree.

Se, quindi, noti che il bianco sulle radici dipende, in realtà, da una sostanza che le copre, allora potrebbe trattarsi proprio di questo. Per risolvere puoi utilizzare un rimedio specifico o naturale in modo da sconfiggere l’infestazione.

Radici marroni

Le radici aeree diventano, invece, marroni quando la pianta sta appassendo. Può accadere a causa di poche innaffiature, problemi di esposizione o gravi errori nella cura di questa pianta.

Di solito, questo fenomeno è accompagnato anche dall’appassimento di fiori e foglie.

Per risolvere, prova a seguire i principali consigli di cura di questa pianta. Se l’appassimento persiste, puoi chiedere consiglio a un professionista.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".