Se passa troppo tempo tra una fioritura e l’altra dell’Orchidea valuta questi 5 fattori

Quando l’orchidea sfiorisce dopo che l’abbiamo tenuta in casa fiorita almeno per 3-4 settimane inizia la fase di recupero delle energie.

In questa fase l’orchidea fa crescere le foglie e le radici e si prepara per la fioritura successiva.

Ma cosa succede se questa fase dura troppo e l’orchidea pare non ne voglia più sapere di fiorire?

Scopriamo insieme 5 fattori da valutare se la tua orchidea non fiorisce da tanto tempo!

Non riceve la luce di cui ha bisogno

Nel complesso, il motivo più comune per cui le orchidee non fioriscono è la luce insufficiente.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Le orchidee Phalaenopsis sono generalmente felici della luce filtrata su un davanzale, ma molte altre varietà hanno bisogno di più luce.

Le varietà Dendrobium, Cattleya, Oncidium e altre orchidee vogliono luce medio-alta e potrebbero aver bisogno di luci led artificiali supplementari o di essere coltivate all’aperto in estate per ottenere i livelli di luce necessari per fiorire.

La stragrande maggioranza di orchidee non può sopportare il pieno sole, ma l’ombra screziata all’esterno è l’ideale.

Quando un’orchidea ottiene più luce, le sue foglie assumono una tonalità di verde più chiara. Le foglie giallo-verdi molto chiare di solito indicano troppa luce mentre le foglie verde molto scure possono indicare troppa poca luce.

Non ha radici sane

Le buone radici portano sempre buone fioriture. Un’orchidea può avere foglie ingannevolmente belle ma con un apparato radicale che è in grave difficoltà.

Spesso i problemi alle radici sono il risultato di un’irrigazione eccessiva o della mancanza di rinvaso.

Le radici delle orchidee hanno bisogno di ossigeno per sopravvivere e senza di esso soffocano. Anche il miglior substrato per orchidee si consuma nel tempo e richiede la sostituzione.

Spesso la paura del processo di rinvaso fa sì che le persone lascino un’orchidea nel mix per troppo tempo. Ciò potrebbe impedire all’orchidea di avere abbastanza forza per fiorire.

La scelta di un mix di orchidee di alta qualità è molto importante. Una volta che vedi di persona la differenza che fa un mix fresco di ingredienti di altissima qualità rispetto alle miscele generiche, capirai perché l’orchidea apparirà più sana con l’uno piuttosto che con l’altro.

Modello di crescita

Esistono due tipi di modelli di crescita per le orchidee, simpodiali e monopodiali.

Le orchidee monopodali, come la Phalaenopsis e la Vanda, crescono da un unico stelo centrale con foglie su entrambi i lati. Ci aspettiamo di vedere ogni foglia grande almeno quanto la foglia precedente e speriamo di vedere almeno una o due nuove foglie all’anno.

Lo stelo di fioritura su un’orchidea monopodiale proviene dalla base di una foglia, di solito 2 o 3 foglie più in basso dalla foglia più nuova. Per continuare a fiorire nel corso degli anni, le orchidee monopodali come la Phalaenopsis devono mettere nuove foglie ogni anno.

Nel tempo, man mano che l’orchidea cresce in termini di dimensioni e forza, farà partire uno stelo fiorifero su ciascun lato dello stelo.

Le orchidee simpodiali hanno più crescite e dunque più steli fioriferi. Durante il periodo di crescita delle foglie e delle radici (non il periodo di fioritura), di solito in estate, cresceranno nuovi pseudobulbi da ognuno dei quali ci sarà una fioritura.

Considera la stagione di fioritura

Ogni tipo di orchidea ha un periodo dell’anno in cui fiorirà naturalmente.

Questo potrebbe non coincidere con la stagione in cui l’hai trovata fiorita in vivaio o in supermercato, poiché in quel caso può essere forzata a fiorire fuori stagione per essere venduta in fioritura, appunto.

È molto probabile che l’orchidea Phalaenopsis faccia crescere nuove foglie in estate e all’inizio dell’autunno e faccia spuntare uno stelo di fioritura nel tardo autunno.

Lo stelo si allungherà durante l’inverno con fioriture che emergono a fine inverno o all’inizio della primavera. Ci sono molte Phalaenopsis che fioriscono fuori ciclo per una miriade di ragioni (dalla genetica alla coltura), ma la maggior parte seguirà questo schema.

Molte orchidee fioriscono una volta all’anno, alcune due o anche di più. Una volta sbocciati, alcuni fiori durano settimane o mesi mentre altri possono durare solo giorni.

Ad esempio, le orchidee Phalaenopsis di solito fioriscono una volta all’anno e le fioriture possono durare per mesi.

Una volta che i fiori cadono, potrebbero emergere un paio di fiori extra dall’estremità dello stelo fiorifero e sbocciare di nuovo.

Fattori naturali che stimolano la fioritura

In natura le orchidee hanno stimoli naturali che indicano alla pianta che la stagione di crescita è finita ed è ora di fiorire.

Alcune orchidee sono sensibili alla temperatura e alcune sono sensibili alla luce. Quelle che sono sensibili alla temperatura sono spesso stimolate a fiorire dall’abbassamento di temperatura che si verifica in autunno.

Questo calo di temperatura segnala all’orchidea che il periodo di crescita sta volgendo al termine ed è ora di prepararsi per un nuovo stelo fiorifero.

A volte le orchidee coltivate nelle nostre case dove la temperatura è abbastanza costante sono private di questo stimolo naturale e saranno riluttanti a fiorire.

Allo stesso modo, le orchidee sensibili alla luce coltivate nelle nostre case dove le luci sono accese dopo il tramonto possono avere il loro ciclo naturale interrotto. Se questi tipi di piante possono trascorrere l’estate all’aperto, di solito percepiranno i giorni di accorciamento e inizieranno il ciclo di fioritura.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.