Orchidea Vanda, la varietà che viene coltivata sospesa in aria

Tra le varietà di orchidee più belle e caratteristiche c’è sicuramente l’orchidea Vanda, che spesso viene coltivata sospesa in aria.

Le vanda sono orchidee monopodi, nel senso che crescono da un unico stelo con radici che emergono dal fondo.

Le foglie crescono in coppia alternandosi, crescono verso l’alto creando una progressione a scala. Le orchidee Vanda più vecchie spesso si ramificano e, se lasciate indivise, le piante possono crescere in esemplari molto grandi.

Perché sono coltivate in aria

Le orchidee Vanda sono note per le radici grandi e robuste che sono difficili da contenere in qualsiasi tipo di vaso.

In effetti, le orchidee Vanda sono principalmente epifite, nel senso che attaccano le loro radici alla superficie di una pianta per ottenere umidità e sostanze nutritive, piuttosto che crescere nel terreno.

In genere c’è una piccola base di blastica quadrata che mantiene la pianta in posizione e da qui puoi aggiungere fili per appenderla al soffitto.

Le radici dovranno penzolare libere verso il basso.

Cura generale

Bisogna dirlo, le orchidee Vanda non sono una buona scelta per chi si approccia per la prima volta alla cura di un’orchidea o di una pianta in generale.

Queste orchidee richiedono un’umidità alta, un ambiente caldo, molte ore di luce e un buon flusso d’aria.

Inoltre, questi esemplari possono facilmente crescere fino a 1,5-2 metri di lunghezza includendo le lunghe radici aeree.

Esposizione

Le orchidee Vanda richiedono una luce intensa e molte ore di sole, quindi se hai una casa esposta a nord non puoi coltivare queste orchidee perché soffriranno: meglio una casa esposta a sud o ad ovest.

Però fai attenzione a non farle bruciare al sole diretto, ma usa una tenda sottile e chiara per filtrare i raggi solari troppo forti.

Quanto innaffiare

Le orchidee Vanda richiedono molta acqua.

Infatti nei periodi con temperature alte potrebbe essere necessario annaffiarle due volte al giorno.

Ma attenzione a ridurre le annaffiature durante l’inverno. Se le coltivi sospese puoi immergere le radici in una bacinella d’acqua per circa 5 minuti.

Fertilizzante

Le orchidee Vanda hanno bisogno di molto nutrimento per avere l’energia per fiorire meglio e sostenere tutte le foglie.

Fertilizza 1 volta a settimana con un concime bilanciato (sull’etichetta troverai 3 cifre uguali 20-20-20) durante tutta la stagione di crescita.

Puoi passare a un fertilizzante ad alto contenuto di fosforo ogni tre applicazioni per promuovere fioriture più ricche.

Parassiti e malattie comuni

Le orchidee Vanda sono piante sensibili che possono essere afflitte da problemi se non ricevono la giusta quantità di luce e acqua.

La causa più comune di morte delle piante è troppa o troppo poca acqua.

L’eccessiva irrigazione farà sì che la pianta sviluppi il marciume radicale, indicato da foglie che iniziano ad avvizzire e radici che diventano morbide.

I fiori possono gonfiarsi e sviluppare vesciche. Anche le piante troppo annaffiate cresceranno molto lentamente. Le piante lasciate seccare mostreranno foglie avvizzite.

Un eccesso di luce è raro per queste orchidee perché amano il sole, ma se ricevono troppo sole diretto, le foglie diventeranno giallo-verdi o rosse. Poca luce provoca foglie verde intenso, crescita esile e fiori deboli.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.