Perlite: che cos’è e come si usa per le piante

Quando apri un sacchetto di terriccio di qualità, ti capita di vedere piccoli granelli bianchi senza chiederti davvero perché siano lì.

Ma cos’è davvero la perlite? Di cosa è fatta e che vantaggio apporta alle tue piante?

La perlite è un materiale poroso di origine vulcanica, sebbene sia spesso confusa dai nuovi giardinieri come materiale leggero come il polistirolo.

Ma scopriamo insieme cos’è nel dettaglio la perlite e come si usa per le piante!

Che cos’è la perlite

Se guardassi un pezzo di perlite al microscopio, vedresti che è un materiale molto poroso.

Le cavità nei granelli di perlite aiutano a immagazzinare i nutrienti e un po’ di umidità di cui la pianta potrebbe aver bisogno, ma in più drenano via l’acqua in eccesso.

È un materiale atossico, pulito, privo di malattie ed estremamente leggero.

La perlite è spesso utilizzata in ambienti industriali così come in giardino. È comunemente miscelato in prodotti come intonaci leggeri, pannelli per controsoffitti o muratura per dare stabilità o come isolante.

Ci sono molti altri usi di questo materiale, ma in particolare per chi coltiva piante sia in casa che in giardino, è un materiale essenziale.

Come è fatta la perlite?

La perlite è un materiale vulcanico che si forma naturalmente.

Questo tipo di pietra vulcanica ha un contenuto di acqua molto più elevato rispetto ad altri materiali vulcanici e dunque è più densa e pesante. Allora perché la perlite che usiamo in giardino sembra molto leggera?

La perlite espansa si forma quando la normale pirite viene riscaldata. Il riscaldamento della perlite fa sì che l’acqua intrappolata diventi vapore e fuoriesca dalle pietre.

Questo fa sì che la perlite si espanda fino a 15 volte il suo volume originario.

Per questo motivo la perlite espansa è molto più leggera rispetto alla sua forma precedente e presenta numerose fessure e cavità.

Come usare la perlite per le piante

Come accennato in precedenza, la perlite offre molti vantaggi al tuo giardino.

Il più importante vantaggio è il drenaggio.

La perlite è un sistema di filtrazione naturale, che consente all’acqua in eccesso di defluire facilmente mantenendo al tempo stesso un po’ di umidità e catturando i nutrienti di cui le piante hanno bisogno per crescere.

Il flusso d’aria nel terreno migliora in un terreno modificato con perlite e questo è necessario per far respirare le radici della tua pianta.

Poiché è un minerale e quindi più duro del terreno circostante, aiuta anche a rallentare la compattazione del terreno e lo mantiene soffice e leggero.

Usa 2 parti di terreno e 1 parte di perlite per le tue piante in vaso, vedrai che ti aiuterà anche a gestire le annaffiature.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.