Come mai la Photinia ha le foglie piene di Macchie Rosse?

Le foglie belle della Photinia sono spesso soggette a macchiarsi a causa di una serie di infezioni che possono attaccare il cespuglio e quindi l’intera chioma.

Macchie rossicce sono solo un accenno visibile di quanto la pianta sta subendo ed è importante correre ai ripari prima che sia troppo tardi.

Vediamo di che tipo di infezione si tratta e in che modo intervenire.

È colpa di un fungo

Un’infezione fungina è facilmente riconoscibile attraverso le tipiche macchie alle foglie, che hanno una colorazione tipicamente gialla con un centro della macchia ormai necrotica, quindi sul marrone o nero.

Fungo delle siepi

Questo fungo, il cui nome scientifico è Entomosporium mespili provoca macchie fogliari iniziando come un punto rosso, poi si espande verso l’esterno man mano che il fungo cresce.

Alla fine, le macchie rosse si trasformano in macchie grigie con bordi rossi e man mano che si diffonde interrompe la funzione vascolare nelle foglie, che alla fine cadono.

Le foglie cadute raccolgono umidità alla base dell’arbusto, aumentando la crescita fungina.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Ticchiolatura

Se ti ritrovi con piccole macchie dal colore nero o arrugginito, quasi come fossero piccoli segni di bruciatura, allora potrebbe trattarsi di ticchiolatura.

Tra le più pericolose, questa malattia fungina è causata da spore che possono portare anche alla morte della pianta se non adeguatamente trattate.

Le foglie esauste e completamente ricoperte di macchie cominciano a cadere e la pianta resta spoglia. Col passare del tempo, anche i rami cominceranno ad avvizzire fino a seccare.

Ruggine malva

Il suo nome scientifico e puccinia malvacearum, una malattia fungina molto comune tra le piante a foglia larga.

Questo tipo di infezione si presenta con macchie giallognole e rossicce sulla superficie superiore delle foglie. Il tratto inconfondibile però è la presenza di piccole pustole di color ruggine sul lato inferiore che vanno a sfigurare letteralmente l’intero fogliame.

Una volta diffusosi sul fogliame anche i rami cominceranno ad essere macchiati e di seguito deturpati.

È la diretta conseguenza di un fungo che attacco la pianta che si chiama puccinia eterospora. Si tratta un’infezione che attacca principalmente le piante che appartengono alla famiglia Malvacea, ma non si ferma di certo dinanzi a piante di altre famiglie.

Ama particolarmente condizioni di caldo e umidità, quindi è possibile che l’ambiente domestico per la nostra pianta sia stato una delle cause, insieme alle innaffiature abbondanti.

Come intervenire

Con delle cesoie ben disinfettate pota via tutte le parti della photinia maggiormente colpite.

Se vi sono tracce di fili d’erba, fai in modo di estirparla poiché questo genere di infezioni fungine utilizza le erbacce proprio come veicolo.

Da questo momento in poi devi evitare di bagnare le foglie sia durante le innaffiature che con un eventuale spruzzino che utilizzavi per nebulizzare il fogliame. L’umidità può solo favorire la proliferazione di malattie del genere.

Ricopri lo strato di terriccio con del pacciame così che le spore cadute nel terriccio non riemergano successivamente, come se creassi uno strato isolante.

Alleati fungicidi

Potresti cominciare ad utilizzare rimedi fai da te qualora l’infezione fosse poco diffusa. In questi casi l’equiseto è un buon alleato e decotti a base di questa pianta possono essere validi rimedi.

Nel caso di seria infestazione utilizza fungicidi specifici a base di zolfo o di ossicloruro di rame. Queste due componenti possono essere alleati validi per combattere infezioni del genere. Applica almeno una volta a settimana il fungicida fino a che non cominci a scorgere qualche miglioramento. A quel punto riduci la frequenza del trattamento.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.