5 Piante Grasse grandissime per arredare gli angoli del tuo balcone

Se hai un bellissimo balcone e desideri da tempo riempire quell’angolino vuoto e triste con una pianta ma non sai quale scegliere sei nel posto giusto.

Soprattutto se non vuoi dedicare molto tempo alla cura della pianta, potresti optare per una pianta grassa.

E se proprio hai bisogno di una pianta che sia abbastanza grande da dare un tocco in più al tuo spazio, dovresti tenere presente questi consigli che sto per darti.

Vediamo insieme 5 piante grasse grandissime per arredare gli angoli del tuo balcone!

Aeonium

L’Aeonium è un genere che comprende circa 30 specie di piante succulente con foglie cerose molto lucide disposte a rosette.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Le varietà più grandi che crescono di diversi metri sono l’Aeonium arboreum, l’Aeonium valverdense e l’Aeonium holochrysum.

Le foglie arrotondate delle strutture a rosetta sono così perfette che queste specie vengono talvolta scambiate per piante artificiali.

Queste rosette possono essere in tinta unita o variegate in bianco, giallo, rosso e verde. Piccoli fiori a forma di stella crescono a grappolo dal centro delle rosette, ma non sono particolarmente vistosi.

Gli aeonium possono essere piantati in giardino in qualsiasi momento. Si tratta di piante a crescita piuttosto lenta e possono volerci anche cinque anni prima che producano fiori dal centro delle rosette.

Albero di giada

La pianta di giada è una popolare pianta succulenta con foglie carnose di forma ovale e steli spessi e legnosi che ricordano minuscoli tronchi d’albero.

Con solo un po’ di cura, può crescere fino a raggiungere un‘altezza compresa tra 1 e 2 metri, ma lo fa lentamente, crescendo di circa 5 cm all’anno.

Originaria del Sud Africa, una volta si pensava che le piante di giada portassero fortuna ai loro proprietari, quindi vengono spesso offerte in regalo per l’acquisto di una casa nuova.

Agave

Le piante di agave sono generalmente piante grasse con grandi foglie che terminano con punte spinose.

C’è molta varietà nel genere dell’agave. Ci sono esemplari grandi e resistenti che possono crescere fino a 3 metri o più in altezza e larghezza.

Puoi trovare anche le piccole agavi, così come alcune specie di agavi con foglie morbide e senza spine.

Il fogliame dell’agave tende al blu-verde nelle varietà più resistenti e al grigio-verde nelle varietà a clima caldo. Alcune sono variegate con segni dorati o bianchi.

Quando l’agave matura dopo diversi anni o addirittura diversi decenni, un alto gambo di fiori spesso cresce spuntando dal centro della pianta.

Fico d’india

Il fico d’India (Opuntia) è tra i generi di cactus più diffusi. Con oltre cento specie, questa pianta è caratterizzata dalle sue foglie tonde, spinose, e piatte.

Molte varietà hanno spine grandi e rotonde, mentre altre hanno piccole spine simili a peli che si staccano al contatto.

Mentre i cactus sono generalmente conosciuti come piante da clima caldo, ci sono alcune specie di fichi d’India che sono resistenti anche in zone meno miti.

Il fico d’India cresce meglio all’esterno in primavera dopo che la minaccia del gelo è passata.

Cactus San Pedro

Il cactus San Pedro è probabilmente il cactus più popolare e il suo nome scientifico è Echinopsis pachanoi.

È un cactus colonnare molto facile da coltivare, originario dei paesi sudamericani come Perù, Cile, Bolivia ed Ecuador, tuttavia viene coltivato anche in altre parti del mondo.

Questo impressionante cactus ha una crescita abbastanza rapida e può raggiungere fino a 3 m di altezza.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.