Quali piante sono velenose per cani e gatti?

Chi ha un animale lo sa: i nostri amici a quattro zampe sono veri e propri membri della famiglia.

Ma tenere un cane o un gatto in casa o in giardino significa anche fare di tutto perché possa vivere in assoluta sicurezza.

Purtroppo non sono poche le insidie che possono minacciare la salute dei nostri animali domestici.

Uno dei pericoli viene proprio dalle nostre piante.

Alcune piante e fiori, infatti, possono rivelarsi dannose per la salute perchè tossiche, soprattutto di quegli animali domestici più curiosi che vanno a mordicchiare piante o fiori.

Scopriamo insieme la lista delle piante velenose per cani e gatti per tutelare la loro salute e il loro benessere!

N.B: in caso di problemi di salute del tuo animale domestico o di dubbi rivolgiti immediatamente al tuo veterinario di fiducia.

Stella di Natale

Il suo colore rosso la rende la pianta perfetta per le festività natalizie: la stella di Natale è una delle piante più suggestive che ci siano!

Di solito viene usata come pianta da appartamento, anche se alcuni la coltivano anche nel proprio giardino.

Se ne avete una, state però attenti.

Le foglie e il fusto emanano infatti un lattice bianco dannoso per l’uomo e per i nostri amici a quattro zampe.

Questa sostanza, infatti, causa problemi digestivi, vomito e diarrea. E’ molto importante tenerle lontane dalla portata di cani e gatti!

Ortensia

Bellissima pianta che in estate colora le nostre terrazze e i nostri giardini: l’ortensia è spesso la scelta preferita per chi vuole una pianta elegante e colorata.

Pochi sanno, però, che i suoi boccioli sono velenosi.

Se ingeriti, infatti, possono provocare problemi respiratori e addirittura la morte: in particolare è dannosa per i cani e può essere mortale per i gatti.

Anche in questo caso bisogna fare attenzione ed evitare che i vostri animali vadano a curiosare tra i suoi fiori.

Agrifoglio

E’ il periodo natalizio e avete decorato casa vostra con l’agrifoglio?

Si tratta di una pianta bellissima, ma anche pericolosa per i vostri animali. Le sue bacche, infatti, possono portare vomito, diarrea e conseguenze più gravi.

Il rischio di morte c’è quando il vostro animale ne abbia ingerite tante: in tal caso, bisogna portarlo immediatamente dal veterinario.

Il rimedio migliore, se decidete di tenerle in casa o in giardino, è quello di assicurarvi di tenerle fuori dalla portata di animali domestici.

Azalea

Bianco, rosa, rosso: i fiori dell’azalea hanno colori sgargianti e meravigliosi.

Ma questa bellezza nasconde anche un grave pericolo.

Le foglie di questa pianta, infatti, sono velenose e possono provocare, se ingerite da cani e gatti, diarrea, vomito, salivazione alterata fino, nei casi più gravi, alla morte.

La sua tossicità dipende dalla presenza della graianotossina ed è testimoniata sin dai tempi antichi negli scritti degli antichi greci.

Oleandro

Probabilmente la pianta velenosa più conosciuta: l’oleandro.

Si tratta di una pianta che decora molti giardini della zona mediterranea, grazie anche alla sua capacità di crescere spontaneamente e alla sua resistenza.

A essere velenosa è l’intera pianta, dai fiori alle radici. Una tossicità che dipende dalla presenza di oleandrina.

Se ingerita, può provocare problemi cardiaci, problemi cardiovascolari, ipotermia e, nei casi più gravi, morte.

La sua pericolosità vale per tutte le specie animali, compreso l’uomo.

Tulipano

Il classico fiore olandese: il tulipano decora spesso i nostri giardini sbocciando nel periodo tra marzo e maggio.

A essere pericoloso è soprattutto il suo bulbo.

Questo, infatti, contiene alcaloidi, tupalanina e tupolisidi e, se ingerito, può provocare problemi gastrointestinali, problemi respiratori e, nei casi più gravi, morte.

Spesso questi problemi possono presentarsi anche se il vostro cane o gatto mangia altre parti del tulipano.

Perciò, state sempre attenti ed evitare che il vostro animale si avvicini ai tulipani o scavi delle buche per mangiarne il bulbo.

Narciso

Generalmente non è tossico come le altre piante, ma resta comunque pericoloso: parliamo del narciso.

Si tratta di una pianta dai fiori che spesso hanno meravigliose tonalità gialle.

Se il vostro cane o gatto ne ingerisce i petali o beve dall’acqua in cui il narciso è immerso, può sviluppare problemi gastrointestinali o cardiaci.

E’ difficile che porti alla morte ma, in ogni caso, è sempre meglio, in caso di ingestione da parte del vostro animale, portarlo dal veterinario per un controllo.

Cicas

Originaria del Giappone, la cycas è una pianta che ricorda, per la sua forma, una palma.

La sua bellezza, purtroppo, va di pari passo con la sua tossicità: la cycas può essere letale soprattutto per i cani che tendono a essere attratti dalle sue foglie particolari.

A essere pericolosa è l’intera pianta, ma in particolare lo sono i suoi semi (detti noci): l’ingestione anche di una sola noce può portare a conseguenze molto gravi.

I primi sintomi dell’avvelenamento sono vomito, diarrea e aumento della salivazione.

Gianluca Grimaldi
Gianluca Grimaldi
Nato a Napoli, sono laureato in giurisprudenza. Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".