Dragoncello: come coltivare l’erba aromatica della cucina francese

Il dragoncello (Artemisia dracunculus), noto anche come Estragone, è un’erba perenne che fa parte della famiglia del girasole (strano, vero?).

Ha un aroma noto, soprattutto nella cucina francese. Con sentori di anice e vaniglia, si abbina particolarmente bene con uova, pollo e pesce.

Ci sono in realtà due tipi di dragoncello. Quello francese ha un sapore più forte rispetto alla varietà russa. La varietà francese (sottospecie Sativa) è quella che approfondirà questo articolo.

La pianta ha foglie lunghe e verde chiaro e può raggiungere un’altezza di poche decine di centimetri. Una sola pianta genererà una generosa quantità di foglie da raccogliere.

Scopriamo insieme come coltivare l’erba aromatica del dragoncello!

Esposizione

Il dragoncello francese, a differenza di molte altre erbe, non ama il sole diretto nei climi caldi.

Il pieno sole va bene se vivi in ​​un posto non troppo caldo, ma in caso contrario, seleziona un luogo che fornisca solo il sole screziato o mattutino.

Terreno

Alla pianta aromatica di Dragoncello non piace avere un terreno zuppo.

È un’erba resistente alla siccità e ha bisogno di un terreno drenante, sabbioso e leggero per una crescita ottimale.

Un terreno ricco, acido e umido è quello che devi evitare, poiché causerà una crescita scarsa, radici marce e un sapore ridotto.

Quando innaffiare

Quanto innaffierai il tuo Dragoncello dipenderà dalle temperature della tua zona e dalla maturità della pianta.

Una pianta giovane di dragoncello trarrà beneficio dall’annaffiatura a giorni alterni se si verificano periodi prolungati di caldo e clima secco.

Il dragoncello maturo, tuttavia, dovrebbe andare bene con un’annaffiatura leggera ogni 2-3 giorni.

Queste piante possono tollerare terreni asciutti e bisogna fare attenzione a non esagerare con l’acqua poiché ciò diminuirà la crescita e l’intensità del sapore.

Ma non passare da un eccesso all’altro, sebbene il dragoncello sopravviva con poca acqua, se lasciato troppo secco, ciò può avere un impatto sulla crescita delle foglie.

Concime

Il dragoncello non ha bisogno di fertilizzanti per crescere bene.

Il miglior sapore si ottiene quando è piantato in un terreno povero di nutrienti. Se utilizzerai poco concime, dovresti applicarlo solo nella fase iniziale della semina.

Moltiplicazione del dragoncello

Il dragoncello francese può essere coltivato solo per moltiplicazione per talea o acquistando una pianta già matura.

Questa erba non fiorisce molto e, quando lo fa, i fiori sono sterili. Se riesci a ottenere una talea da una pianta madre in tarda primavera o all’inizio dell’estate, dovresti avere un buon successo.

Per ottenere migliori risultati, seleziona uno stelo giovane e taglia una lunghezza di circa 10-15 cm. Rimuovi le foglie nella parte inferiore della talea.

Lo stelo può quindi essere posto in un terriccio umido dopo essere stato immerso nell’ormone radicante (se non hai a disposizione una polvere radicante puoi saltare questo passaggio).

È anche possibile utilizzare tecniche di divisione delle radici. È meglio farlo a fine inverno. Potresti tagliare la zolla a metà e piantare la divisione in terreno fresco in vasi o direttamente in giardino.

Quando raccoglierlo

Essendo un’erba perenne, il dragoncello francese può essere raccolto fino alla fine dell’estate (di solito da maggio fino alla fine di agosto).

Devi solo assicurarti di smettere di raccogliere foglie almeno un mese prima dell’arrivo delle prime gelate.

Puoi iniziare a raccogliere una volta che gli steli raggiungono circa 15 cm di altezza.

Se continuerai a raccogliere le foglie tagliando la parte superiore della pianta, ciò contribuirà a garantire che le foglie raccolte manterranno il loro miglior sapore e promuoveranno la crescita più generosa e cespugliosa.

Le foglie si usano meglio fresche, ma vanno bene anche essiccate, purché le lasci inutilizzate troppo a lungo.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.