Per curare le Calle colorate ci sono 4 Differenze importanti rispetto a quelle bianche

Spesso ci ritroviamo ad acquistare piccoli vasetti di calle incantati dai bellissimi fiori colorati che alcuni ibridi possono tirar fuori.

È lecita la domanda rispetto alle differenze da quella più comune, quella bianca, un tipo di calla molto più rustica e quindi spesso dalla crescita abbondante e dalle fioriture esplosive.

Quelle colorate invece presentano delle piccole differenze non solo in fatto di cure ma dal punto di vista delle prestazioni in fatto di crescita e fioriture, decisamente contenute.

Cogliamone insieme le differenze e capiamo di cosa hanno bisogno le calle colorate.

Si tratta di ibridi anomali

L’aggettivo “anomalo” per gli ibridi della calla dai fiori colorati è particolarmente calzante visto quanto, anche se si tratta di ibridi, nessuno di questi ha sviluppato caratteristiche che possano rendere la pianta forte e resistente, ma soprattutto prosperosa.

Di certo hanno una natura maggiormente ornamentale, spesso vengono tenute in appartamento, cosa alquanto controproducente per la calla bianca.

È più delicata

Le calle colorate rispetto a quelle bianche conservano una delicatezza che non ha niente a che fare con l’esemplare in natura bianco, dal portamento rustico, che in condizioni ideali rispetto ad umidità ed alte temperature è in grado di invadere un campo intero e produrre centinaia di fiori.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Gli esemplari colorati invece, vista la loro delicatezza, non saranno generosi allo stesso modo con le fioriture.

Potrai godere della presenza di fiori colorati per breve tempo e soprattutto con pochi fiori durante i mesi primaverili.

Anche la dimensione è quantomeno ridotta, gli steli sono circa la metà dell’esemplare bianco e le foglie presentano dimensioni altrettanto contenute e meno cespugliose.

Assicurati di riservare una zona del tuo giardino protetta dalla luce diretta.

Prediligi una coltivazione in vaso

A differenza della calla bianca, quelle colorate prediligono una coltivazione in vaso che possa consentire a chi ne ha cura di averle maggiormente sotto controllo visto la natura delicata.

Coltivandole in vaso ne rispetterai le dimensioni contenute, e riuscirai maggiormente a capire quando hanno bisogno di innaffiature, cogliendo di preciso l’esigenza del rizoma sottostante al terriccio di doversi nutrire.

A tal proposito, non lasciare il terriccio mai secco e prediligi una miscela argillosa. Potrai inoltre tenere il terriccio costantemente nutrito così da incentivarne la fioritura con concimi equilibrati.

A partire dalla primavera e per tutto il periodo di fioritura puoi somministrare un fertilizzante liquido fai da te anche ogni settimana, magari uno ottenuto con bucce di banana, ricco di potassio.

Puoi spostare il vaso a tuo piacimento in base alla violenza della luce e alle correnti da cui tenerla al riparo.

Tienila al riparo

È essenziale che tu possa provvedere a tenere al riparo sia da alte temperature che da correnti fredde le calle colorate, che a differenza delle parenti dal colore candido, vanno protette.

Potrebbe essere indicato in base al clima nella zona nella quale ti trovi tenerle in casa, assicurando loro comunque un’esposizione luminosa.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.