Avrai tante belle Calle colorate con questi 6 consigli dei giardinieri esperti

Anche se le calle più comuni sono di colore bianco, in natura esistono anche le calle colorate, dai colori più disparati e brillanti, rosa, arancione, rosso-porpora e perfino screziate.

Le calle colorate, sebbene sembrino abbastanza simili alle varietà pure, quelle classiche bianche, hanno dimensioni più contenute. In effetti sembrano delle miniature e non superano i 50 cm di altezza.

Inoltre, hanno foglie piccole e strette, lunghe circa 20 centimetri e alcune presentano delle maculature bianche su tutta la superficie della foglia.

Sono particolarmente decorative e nel periodo primaverile è un piacere vederle per casa.

Vediamo insieme in che modo averne cura al meglio.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Tanta luce

Senza alcun dubbio le calle colorate amano la luce; possiamo dire che più luce c’è e più intensi sono i colori.

Puoi tenerle all’esterno, in balcone magari, in composizioni con diversi colori, in una zona esposta ad est dalla quale possa prendere raggi che anche se diretti sono quelli del mattino, quindi non violenti.

Se tenute in casa scegli il punto da cui entra la luce dalla finestra poiché hanno bisogno davvero di tanta luce per prosperare.

Tanta acqua

Incrementa le innaffiature man mano che la calla cresce e fiorisce, mantenendo il terriccio sempre umido.

Se coltivate all’esterno, durante i periodi più caldi amano addirittura i ristagni.

Riduci le innaffiature gradualmente quando i fiori e le foglie cominciano ad ingiallire e ad appassire.

Concima senza indugi

Le calle colorate così come le parenti più prossime bianche, anche se piccole hanno bisogno di un terriccio che sia innanzitutto nutriente.

A partire dalla primavera e per tutto il periodo di fioritura puoi somministrare un fertilizzante liquido fai da te anche ogni settimana, magari uno ottenuto con bucce di banana, ricco di potassio.

La frequenza della somministrazione non comporterà alcun danno alla pianta poiché si tratta di un fertilizzante privo di elementi chimici.

Se utilizzi un fertilizzante da banco dirada l’utilizzo ad almeno una volta al mese e diluisci oltre le dosi indicate il fertilizzante, o finirai per bruciare le tue belle calle colorate.

Dai loro un terriccio adatto

Spesso le calle che acquistiamo, soprattutto quelle che compriamo nei supermercati, appartengono ad una grande distribuzione, per cui quasi sicuramente non hanno un terriccio adatto, ma scadente.

Oltre a prediligere un terriccio fertile è opportuno che la miscela abbia le componenti giuste come terriccio, torba che possa fornire materiale organico e ritenzione idrica quanto basta, e sabbia, una componente drenante fondamentale.

Dunque, se puoi, rinvasa dopo l’acquisto fornendo alle tue calle colorate un vaso dalle giuste dimensioni e una miscela ideale per la crescita, piuttosto che quella scadente.

Posso moltiplicarle?

 A fine inverno, puoi moltiplicare le tue callette colorate dividendo i rizomi.

Pianta ciascun rizoma in un vaso con una miscela di vermiculite o tanta fibra di cocco. Mantieni il terriccio umido e ricopri il vaso con una bustina in plastica per trattenere l’umidità.

Scegli un posto molto luminoso, lontano dai raggi diretti.

Attenzione ai parassiti

Le calle hanno due nemici specifici: le limacce e i ragnetti rossi.

Le prime sono particolarmente ghiotte delle foglie e prosperano in ambienti umidi e caldi, ecco perché la calla che ama l’umidità è un piatto prelibato e un bersaglio facile.

Liberati delle limacce con una trappola della birra oppure con repellenti specifici.

Se compaiono ragnatele tra le foglie e macchie scolorite allora senz’altro è in corso un attacco da parte dei ragnetti rossi, parassiti succhiatori.

Puoi ricorrere all’olio di Neem per combattere i ragnetti rossi, da nebulizzare sulle foglie, oppure un composto di acqua e sapone molle.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.