Stai attento a questi errori se non vuoi che i fiori del CICLAMINO siano cadenti verso il basso

Non è veramente arrivato l’autunno senza un Ciclamino in casa! Ti sarà sicuramente capitato di vedere, infatti, questa pianta dal vivaio o anche al supermercato già dagli inizi dell’autunno.

Il ciclamino, anche nominato la regina del freddo, è una pianta che dà il meglio di sé proprio in autunno e in inverno, iniziando a fiorire quando le temperature si aggirano tra i 13 e i 16 °C, ed esplodendo in petali dal colore rosso acceso, bianco splendente o in varie tonalità del viola.

In molti, però, poco dopo averla acquistata e portata a casa lamentano che i fiori tendono ad afflosciarsi e appaiono cadenti verso il basso.

Colpa di una nostra distrazione? Scopriamolo insieme.

Troppa acqua

In autunno e in inverno il ciclamino è in pina attività vegetativa, quindi ha bisogno di essere dissetata. Tuttavia, l’assorbimento non è velocissimo in quanto le temperature sono più basse, di conseguenza la pianta impiega più tempo ad assorbire l’acqua con cui la innaffiamo.

Se, quindi, innaffiamo troppo, il ciclamino si ritroverà inondato. Una delle prime conseguenze è che la pianta appare più floscia e i suoi fiori saranno cadenti verso il basso.

Alcune volte, anche le sue foglie sono flosce e questo può dipendere da altre cause.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

N.B: importante è non lasciare acqua nei sottovasi. Questa potrebbe, infatti, contribuire a inzuppare il terreno.

Acqua calcarea

Un altro problema legato alle innaffiature è quello relativo alla tipologia di acqua utilizzata. Se, per innaffiare il tuo ciclamino, stai usando l’acqua del rubinetto, devi sapere che generalmente questa è molto calcarea.

Il calcare è un elemento che appesantisce l’acqua rendendone più difficile l’assorbimento e, spesso, alterando la composizione del terreno a danno delle nostre piante.

Se puoi, quindi, evita di utilizzarla preferendo, magari, dell’acqua piovana o depurata.

A volte, errori di irrigazione possono causare problemi anche agli steli.

Calore eccessivo

Non è raro che l’autunno si comporti in modo un po’ particolare e risulti più caldo del previsto!

In questi casi, temperature troppo alte (sopra i 18 °C) possono alterare lo stato di salute del ciclamino, soprattutto se accompagnate da frequenti sbalzi di temperatura. Il risultato è un afflosciamento generale della chioma, fiori compresi.

In questi casi, provate a bilanciare le temperature più alte con posti un po’ più in ombra e provate a mettere la pianta in un luogo tendenzialmente sempre fresco.

Troppa luce

Altra problematica alla base dei fiori cadenti e che, a volte, può determinarne anche la caduta è un eccesso di esposizione solare.

Il ciclamino, infatti, preferisce un’esposizione solare indiretta, soprattutto se le giornate sono molto soleggiate e i raggi del sole possono scottare la chioma.

Uno dei primi sintomi è un lieve cambio di colore di foglie e fiori che possono presentare bordi scuriti o un po’ ingialliti. Inoltre, ricorda sempre di tenere la pianta in un posto adatto, rispettando tutte le sue esigenze di esposizione.

Terriccio compatto

Il freddo, soprattutto quando intenso, può col tempo compattare il terreno, rendendolo duro e poco drenante. Questo si verifica sia quando innaffiamo troppo poco, sia quando il terriccio di base non è adatto.

Ricorda sempre che il ciclamino ama un substrato morbido, leggero e ben drenante. L’ideale è un terreno con pH leggermente acido, arricchito con un po’ di sabbia e abbondante di sostanze nutritive, la cui carenza può danneggiare la pianta.

Periodicamente controlla il terreno, tastandolo con le dita. Se ti appare troppo compatto, ammorbidisci con un po’ d’acqua. Se non funziona, rinvasa la pianta.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".