Il metodo per capire subito se l’orchidea è stata innaffiata troppo o troppo poco

Le orchidee phalaenopsis sono comuni quanto è comune sbagliare le innaffiature anche se non richiede cure particolari.

L’innaffiatura scorretta è la prima causa di morte delle orchidee coltivate in casa e imparare a riconoscere i segni dei nostri errori diventa dunque fondamentale.

Anche se è molto più facile far rivivere un’orchidea poco innaffiata, rispetto a un’orchidea troppo innaffiata, c’è sempre un modo per risolvere se si agisce tempestivamente.

Scopriamo insieme come capire subito se l’orchidea è stata innaffiata troppo o troppo poco!

Come capire se hai innaffiato troppo l’orchidea

I sintomi di un’orchidea troppo annaffiata sono: radici marroni e mollicce con un cattivo odore, le foglie diventano gialle e marroni con un aspetto avvizzito.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Con un’irrigazione eccessiva, le radici passano dal marrone al bianco raggrinzito e secco, il che indica che le radici sono morte. Anche i boccioli e i fiori possono cadere.

C’è molta sovrapposizione tra i sintomi delle orchidee troppo innaffiate e poco annaffiate, quindi il modo per capire se la tua orchidea è troppo innaffiata piuttosto che poco innaffiata è guardare le radici e sentire il terriccio.

Le orchidee phalaenopsis sono piante epifite che crescono sugli alberi nel loro ambiente tropicale nativo e quindi richiedono condizioni umide e molto drenanti.

Le radici sane dell’orchidea appaiono verdi o grigio chiaro e sono sode. Le radici dell’orchidea dopo essere state appena annaffiate sono carnose con un colore verde, quindi diventano grigio chiaro tra un’annaffiatura e l’altra.

Quando le radici dell’orchidea si trovano in un terreno troppo bagnato o paludoso, sviluppano marciume radicale e malattie fungine, che rendono le radici marroni e morbide con un aspetto marcio e un cattivo odore.

Le foglie spesso ingialliscono con macchie marroni, che di solito indicano malattie fungine, a causa dell’eccesso di acqua.

È anche molto probabile che i fiori cadano se un numero significativo di radici sta morendo.

Come salvare un’orchidea troppo innaffiata

Per salvare le orchidee troppo annaffiate, riduci la frequenza dell’irrigazione, taglia le radici marroni morenti con un paio di potatori affilati, rinvasa l’orchidea in un nuovo vaso con una miscela per orchidee per migliorare il drenaggio.

Riduci la frequenza con cui innaffi le tue orchidee, il terriccio dovrebbe asciugarsi tra ogni annaffiatura ma basta vedere il colore delle radici per capire se ha bisogno d’acqua.

Togli l’orchidea dal suo vaso e ispeziona le radici. Le radici che sono state appena annaffiate sono verdi, se le radici sono marroni e chiaramente in decomposizione, taglia le radici con un paio di forbici disinfettate.

Pulisci le lame con un panno imbevuto di disinfettante tra ogni taglio, per prevenire la diffusione di agenti patogeni fungini da radici malate e in decomposizione a radici sane.

Rinvasa l’orchidea in una miscela di corteccia per le orchidee. I terricci a base di corteccia di pino sono i migliori per le orchidee phalaenopsis, poiché assorbono abbastanza umidità dalle radici delle orchidee, ma creano una struttura del terreno porosa e ben drenante per consentire all’acqua in eccesso di defluire facilmente.

Come capire se un’orchidea non viene innaffiata abbastanza

Le radici dell’orchidea si avvizziscono, diventando bianche e vuote a causa della mancanza d’acqua.

I segni di un’orchidea che manca d’acqua sono: crescita stentata; le foglie iniziano a raggrinzirsi con un aspetto avvizzito; fiori e i boccioli dei fiori cadono o non si sviluppano affatto.

La differenza tra un’orchidea non innaffiata abbastanza e una troppo innaffiata è che le radici dell’orchidea secca si avvizziscono e diventano come carta ma non diventano marroni o molli.

Un’orchidea non innaffiata abbastanza, attinge alle riserve di acqua nelle radici facendole avvizzire, motivo per cui le radici grigie e avvizzite sono solitamente il primo segno di un’orchidea che non riceve acqua da molto tempo.

Come salvare un’orchidea innaffiata poco

Per far rivivere un’orchidea che riceve poca acqua, lasciala in ammollo in modo che il terriccio sia uniformemente umido.

Nebulizza le foglie e le radici aeree per aumentare l’umidità e taglia le radici che sono diventate bianche e secche.

Metti l’orchidea in una bacinella d’acqua per 10 minuti, assicurandoti che le radici e il terriccio siano immersi.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.