Guarda spesso le Radici Foglie e Stelo dell’Orchidea per capire se è in sofferenza

Non esiste amante delle piante e non che non conosca l’Orchidea: questa pianta di origini esotiche è famosa per i suoi fiori dalla forma unica.

Sono tante le sue specie e varietà, ma la più comune è sicuramente l’orchidea phalaenopsis che troviamo normalmente al vivaio, ma spesso anche al supermercato.

Bellissima, ma anche delicata, questa pianta può regalarvi abbondanti e meravigliose fioriture se ben coltivata. Tuttavia, può ammalarsi facilmente se non seguite correttamente le regole di coltivazione.

Ma come fare ad accorgersi in tempo se la nostra orchidea è malata o se è in sofferenza? Ecco tutti gli indizi.

Radici scure

Com’è noto, è sempre meglio tenere la propria orchidea in un vaso trasparente in modo che la luce possa arrivare anche alle radici sotterranee.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Questo ci consente di tenere sotto controllo lo stato di salute delle radici. Quando ci appaiono più scure, di un colore tendente al nero, significa che probabilmente stanno marcendo.

Estraete immediatamente la pianta dal suo vaso e, aiutandovi con delle cesoie ben sterilizzate, recidete le parti marce delle radici, per poi rinvasare in del terriccio asciutto.

Il marciume delle radici dipende, quasi sempre, da troppe innaffiature. Ricordate, quindi, di innaffiare senza eccessi, limitandovi a mantenere il terreno sempre umido.

Foglie gialle

L’orchidea phalaenopsis ha grandi foglie basali, spesse e lunghe, di un colore verde scuro.

A volte, queste ingialliscono senza che riusciamo a capirne il perché. La causa principale è un eccesso di luce solare diretta: questa pianta, infatti, deve sempre stare alla luce solare indiretta o filtrata.

Potrebbe trattarsi, però, anche di uno stato di sofferenza causato da temperature troppo basse. Proteggete questa pianta dal freddo, evitando di esporla a temperature inferiori ai 15 °C.

Qui potete trovare altri consigli su come rimediare alle foglie gialle di questa pianta.

Assenza di stelo floreale

I fiori dell’orchidea sbocciano su uno stelo floreale che parte dalla base della pianta. Alla fine della fioritura, questo va reciso in modo che possa spuntarne uno nuovo per la successiva primavera.

Se lo stelo floreale non spunta, significa che la pianta è in uno stato di sofferenza e non ha sufficienti energie per produrne uno.

La causa può risiedere in una carenza di sostanze nutritive. La soluzione? Concimare con fertilizzanti specifici per orchidea che, in breve tempo, aiuteranno la nostra orchidea a produrre nuovi fiori.

Scoprite qui, invece, come stimolare la nascita di nuove foglie.

Boccioli non aperti

Quando sullo stelo sbocciano nuovi boccioli, ma questi non si aprono, significa che la vostra orchidea sta soffrendo.

Probabilmente si tratta di carenza di luce o di scarse innaffiature.

Risolvendo entrambi i problemi, i boccioli dovrebbero cominciare ad aprirsi.

Foglie bucate

Poiché di norma teniamo l’orchidea in casa, non è frequente che sia attaccata dai parassiti.

Se, però, le foglie presentano dei buchetti, può essere che l’orchidea sia stata attaccata da un parassita, come gli afidi o la cocciniglia.

In entrambi i casi, la cosa migliore è utilizzare un prodotto specifico il prima possibile per debellare l’infestazione.

Se, invece, volete provare a utilizzare un prodotto naturale, ecco tutti i consigli di cui avrete bisogno.

Macchie sulle foglie

Un altro sintomo di malessere è la comparsa di macchie sulle foglie.

Seppur a volte queste siano naturali, può essere che queste siano dovute a un nostro errore nella coltivazione o a una malattia.

In genere, soprattutto se le macchie sono di colore giallo, può trattarsi di scottature solari: significa, quindi, che abbiamo messo l’orchidea in un punto dove riceve troppa luce.

Altre volte, invece, può trattarsi di una malattia da funghi. In questo caso, bisogna utilizzare un prodotto specifico, anche se potete provare a debellare l’infezione utilizzando un composto a base di acqua (500ml) e 5-6 gocce di olio di neem.

Ecco quali sono le cose da non fare mai con la nostra orchidea!

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".