Perché la mia Orchidea ha foglie con bordi che stanno ingiallendo?

Tra le piante che ci stanno più a cuore l’orchidea occupa sicuramente il primo posto nelle nostre case.

È per questo che al minimo segno di sofferenza mostrata sulle foglie dobbiamo necessariamente intervenire e capirne le cause.

In questo caso, il bordo della foglia sta cominciando ad ingiallire e in alcune parti annerire. Dipende da qualcosa che abbiamo fatto o da fattori esterni?

Vediamo insieme come mai il bordo delle foglie carnose della nostra orchidea sta cominciando ad ingiallire e in che modo rimediare.

Troppa acqua

Un’irrigazione sbagliata potrebbe essere la prima causa di sofferenza per la nostra orchidea.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Potremmo aver innaffiato la nostra orchidea in modo sbagliato mettendola sotto la fontana o lasciando colare l’acqua dal vaso in plastica nel vaso ornamentale, e averla lasciata per giorni con le radici zuppe.

Il modo migliore per capire se la nostra orchidea ha bisogno di acqua è quello di osservare le radici: se hanno un colore grigiastro allora è il momento di innaffiarla.

Innaffiala al bisogno, per immersione e lascia il vaso in plastica fuori da quello ornamentale per qualche ora.

Se ti accorgi che il terriccio è zuppo, tira fuori l’apparato radicale, controlla che le radici non siano marce e lascialo asciugare per qualche giorno scrollando via i pezzi di corteccia e lo sfagno.

Puoi riassemblare il tutto solo dopo aver fatto asciugare ogni componente.

Carenza nutrizionale

Anche se l’orchidea non affonda le sue radici in un terriccio vero e proprio, anche il mix nel vaso in plastica deve avere un valore nutrizionale.

È probabile che se da tempo non rinvasi la tua orchidea o non lo hai mai fatto, i materiali nel vaso in plastica, tra cui corteccia, sfagno e altre componenti grossolane, sono ormai poveri e deteriorati dal tempo.

È il momento di dare un nuovo terriccio, realizzando un mix apposito che possa soddisfare le esigenze essenziali per le radici dell’orchidea: devono essere ben arieggiate e ottimo il drenaggio.

Mescola a 2 parti di corteccia di pino 1 parte di sfagno, 1 parte di fibra di cocco e 1 parte di lapilli.

Serviti dell’argilla espansa per riempire solo il fondo del vaso al quale avrai precedentemente fatto dei fori su ogni parte per incrementare la circolazione dell’aria.

È colpa di un fungo

Lo stato di sofferenza delle foglie potrebbe essere causato proprio da un fungo.

Errori nell’innaffiatura possono comportare la proliferazione di muffe e funghi.

Anche il materiale di invasatura vecchio è un ambiente ideale per la crescita di muffe. Prediligi materiali più grossolani così da incrementare il ricambio dell’aria all’interno del vaso.

Potresti utilizzare della cannella: questa gustosa spezia è anche un grande antibatterico e fungicida. Acquistala in polvere e cospargi tutte le aree infestate.

Se l’infestazione è avanzata non ti resta che potare le radici infette. Disinfetta tutto l’apparato o con cannella o con acqua ossigenata e lascia asciugare prima di invasarla nuovamente.

Puoi rinvasare l’orchidea con un vaso asciutto e sterilizzato e un mix per orchidee nuovo.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.