Quanto a lungo dura il Pothos e come farlo vivere molti anni

La sua presenza in casa le dà un tocco esotico e selvaggio, quasi da giungla domestica: parliamo del Pothos, una delle piante da interni più diffuse.

Di origini tropicali, questa pianta è facilmente riconoscibile per le sue lunghe fronde e per le foglie dalla forma a cuore: inoltre, tende a crescere come rampicante o a cascata, scendendo con eleganza dai tuoi mobili più alti.

Insomma, il Pothos è proprio una pianta per tutti i gusti e, a suo favore, depone una certa facilità di cura che la rende adatta anche a chi è privo di pollice verde.

In molti si chiedono quanto a lungo possa vivere questa pianta e quali siano i segreti per farla durare tanto. Vediamolo insieme.

Il suo ciclo vitale

Anche se nel suo habitat naturale, il Pothos può vivere più a lungo, in un ambiente domestico possiamo farlo vivere fino a 10 anni.

Si tratta, tuttavia, di un tempo abbastanza lungo per una pianta da interni. Nei primi anni, inoltre, la crescita della pianta tende a essere più veloce e abbondante.

Negli ultimi anni, invece, la pianta si assesta e tende a crescere con maggior lentezza, quindi non devi spaventarti se la vedi quasi sempre della stessa lunghezza.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Negli ultimi anni del suo ciclo vitale, le foglie tendono a ingiallire con più facilità, finché le fronde non seccano completamente.

Se il tuo pothos non è molto folto, qui trovi tutte le soluzioni!

Segreti di longevità

Scopriamo adesso quali sono i trucchetti per far vivere il pothos fino all’età massima.

Tienilo alla luce indiretta

Il principale elemento di benessere del tuo pothos è una corretta esposizione alla luce.

Pur essendo una pianta dalle poche pretese, tende a crescere meglio in quei luoghi dove ci sia una buona dose quotidiana di luce naturale indiretta (scopri qui il significato preciso di questa espressione).

Un luogo ideale è, ad esempio, non troppo distante da una finestra con una tendina basso-filtrante o sul davanzale di una finestra con una tendina medio-filtrante. Anche dietro un vetro opacizzato (come quelli delle finestre che di norma sono in bagno) può crescere abbastanza protetta dagli aggressivi raggi solari.

Mantieni alta l’umidità

Un aspetto importante per la salute e il benessere di questa pianta è il tasso di umidità che deve essere mantenuto abbastanza alto: l’ambiente naturale del pothos è, infatti, la zona pluviale dove c’è molta umidità.

Se tieni questa pianta in un posto naturalmente più umido, come ad esempio il bagno, non dovrebbero esserci problemi.

Se, però, hai collocato il pothos in una stanza poco umida, puoi mantenere più alto il tasso di umidità vaporizzando un po’ d’acqua sulle sue fronde ogni 3-4 giorni.

In alternativa, puoi tenere un filo d’acqua nel sottovaso, senza esagerare.

N.B: per prevenire il formarsi di un’aria troppo secca, evita l’utilizzo di fonti di riscaldamento artificiale o deumidificatori nelle stanze dove tieni il tuo pothos.

Concimalo

Fornire al tuo pothos tutta l’energia di cui ha bisogno è utilissimo a farlo vivere più a lungo: un fertilizzante adatto può aiutarti!

Scegli un concime per piante verdi. Se è granulare, solitamente, va somministrato all’inizio di ogni nuova stagione. Se è liquido, invece, va diluito nell’acqua di innaffiatura. In ogni caso, segui sempre le indicazioni precise indicate sulla confezione del prodotto.

Se vuoi, puoi provare anche uno di questi concimi naturali fai da te.

E se volessi farlo vivere ancora più a lungo?

In realtà, un piccolo segreto per far vivere il tuo pothos oltre i 10 anni esiste!

Dovrai semplicemente realizzare una talea partendo da una foglia sana, ossia tagliare una fronda giusto sotto a un nodo, metterla a radicare in acqua o in un composto di terriccio morbido e sabbia, fino a ottenere una vera e propria nuova piantina.

In qualche modo, attraverso la riproduzione per talea, avrai quindi prolungato la vita del tuo pothos!

In questo articolo, puoi scoprire altri modi per moltiplicare questa pianta.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".