Come piantare i bulbi di Caladium

I Caladium danno un tocco in più al tuo giardino con le loro foglie grandi e dall’aspetto esotico.

Puoi anche coltivare i Caladium come piante da appartamento in vaso.

Inoltre, invece che procurarti una pianta già matura, puoi decidere di piantarne i bulbi e aspettare che spuntino le foglie.

Ma come vanno piantati correttamente i bulbi di caladium?

Scopriamolo insieme!

Dove piantare i bulbi

La chiave del successo con i Caladium sta nel replicare il più fedelmente possibile le condizioni tropicali da cui provengono.

Innanzitutto, nonostante l’aspetto brillante e vivace di queste piante, non richiedono molta luce per crescere.

In effetti, i Caladium preferiscono il sole screziato o l’esposizione ai raggi del sole mattutino o pomeridiano.

Alcune varietà sono più tolleranti alla luce di altre, ma nel complesso, il sole forte rischia di bruciare le foglie dei tuoi Caladium o di sbiadire i loro colori vivaci caratteristici.

Pertanto, è più sicuro scegliere un punto giusto per piantare i bulbi: un luogo parzialmente o completamente ombreggiato che imiti le loro condizioni di crescita naturale alla base della foresta pluviale.

Se hai un’area del tuo giardino esposta a nord o a est che non è toccata dal sole per la maggior parte della giornata, allora può essere il posto giusto per piantare i bulbi.

Queste piante possono essere piantate anche in vaso. Formano un rigoglioso cumulo di foglie, mantengono bene la loro forma e non si allungano o si afflosciano.

Quando piantare

Quando scegli il momento migliore per piantare i tuoi tuberi di Caladium, tieni presente che queste bellezze tropicali richiedono calore costante.

Quando si pianta all’aperto, l’opzione più sicura è aspettare fino alla tarda primavera, quando è passato qualsiasi rischio di gelo nella tua zona, quando il terreno dovrebbe essersi riscaldato e ci si può aspettare un livello costante di calore.

Puoi anche piantarli qualche mese prima, a condizione che si trovino in ​​un luogo caldo come in casa tua.

Piantare i bulbi

Quando arrivano i tuoi bulbi Caladium, saranno marroni con un lato ruvido e nodoso, ovvero lì è il loro punto di crescita, e un lato più liscio.

Dovrebbero essere piantati con i punti di crescita rivolti verso l’alto. Pianta i tuberi a una profondità di circa 5 cm, è meglio piantare un bulbo per vaso.

Per il terreno di coltura, qualsiasi terriccio ricco andrà bene: puoi aumentare ulteriormente i livelli di materia organica mescolando alcuni frammenti di corteccia (come il bark che usi per le orchidee) o un po’ di muschio.

Quanto tempo impiegano per spuntare

I caladium sono piante tropicali e devono essere avviati in condizioni interne calde e richiedono temperature costanti di circa 20 ° C o più per uscire dalla dormienza.

È ragionevole aspettarsi che impieghino circa 6-8 settimane dalla semina per far emergere le prime foglie, quindi sii paziente e resisti alla tentazione di bagnare troppo mentre sono nel loro stato dormiente.

Quando il fogliame inizia a emergere, appena il terreno inizia a seccarsi, puoi innaffiare regolarmente.

Una volta che i tuoi bulbi di Caladium hanno germogliato alcune foglie e quando le temperature esterne sono intorno ai 20 ° C, possono essere trasferiti all’aperto in una parte riparata e ombreggiata del giardino.

Conservazione dei bulbi

I caladium sono piante perenni, quindi puoi sollevare i tuberi e conservarli durante l’inverno per piantarli di nuovo la primavera successiva.

Basta tagliare le foglie, quindi sollevare delicatamente i tuberi e lasciarli asciugare per una settimana circa.

Quindi, scrollando ogni traccia di terreno, puoi conservarli avvolti in uno strato di giornale, in qualsiasi luogo asciutto, buio e al riparo dal gelo.

Una casetta da giardino o un garage sarebbe il luogo ideale per tenerli al caldo durante l’inverno.

Quelli coltivati ​​in vaso possono essere semplicemente spostati in casa per goderteli al chiuso con l’arrivo della stagione fredda.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.