L’Acqua dei condizionatori fa bene o no alle piante? Tutti i miti da sfatare

Con la nuova attenzione alle tecniche anti-spreco in tutto il mondo, molte persone sono alla ricerca di modi per aiutare a preservare le risorse naturali.

Le piante sono fondamentali per sostenere la biodiversità sul nostro pianeta e hanno bisogno di acqua adeguata, proprio come per gli esseri umani.

L’equilibrio tra sostenibilità e necessità può essere complesso, ma una buona azione in questo senso è sicuramente il riciclo dell’acqua per l’irrigazione delle piante. A tale scopo, l’acqua del condizionatore d’aria è sicura per le piante?

L’acqua del condizionatore è formata dalla condensazione dell’aria esterna filtrata nel sistema di raffreddamento di un’unità.

Quest’acqua è generalmente sicura per le piante, ma poiché l’acqua è distillata, una mancanza di nutrienti potrebbe non fornire alle piante un nutrimento adeguato.

Dunque, l’uso dell’acqua del condizionatore per annaffiare le piante ha effetti sia positivi che negativi.

I nutrienti, la qualità dell’acqua e la pulizia dell’acqua sono tutti fattori importanti da considerare. Allora scopriamo insieme se l’acqua del condizionatore fa bene o no alle piante!

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Perché l’acqua del condizionatore è diversa dall’acqua normale?

Poiché dai nostri condizionatori, soprattutto in estate, fuoriesce un bel po’ di acqua che andrebbe buttata via, allora è del tutto normale chiedersi se l’acqua che esce da un condizionatore d’aria è tossica per le piante.

L’acqua del condizionatore d’aria è ciò che è noto anche come acqua distillata. Questo tipo di acqua può essere inteso come privo dei minerali essenziali che si trovano comunemente nell’acqua potabile.

Per le piante, questo può porre alcuni problemi poiché mancheranno minerali fondamentali, ma le piante riceveranno comunque un’idratazione adeguata.

Acqua normale può significare acqua del rubinetto, acqua di sorgente o qualsiasi tipo di acqua che abbia ancora una corretta mineralizzazione.

Senza dubbio, una crescita ottimale delle piante risponderà in modo più positivo all’acqua mineralizzata rispetto all’acqua distillata. Ma diamo un’occhiata ad alcuni dei modi in cui l’acqua del condizionatore non è l’ideale per le piante in modo più dettagliato.

In che modo l’acqua del condizionatore è dannosa per le piante?

L’acqua del condizionatore d’aria riutilizzata per diversi scopi in casa, è un’ottima tecnica di riciclo.

Poiché l’acqua del condizionatore d’aria è semplicemente il vapore in eccesso dell’aria esterna deumidificata, il liquido non è considerato tossico.

Non devi preoccuparti, non c’è alcuna sostanza chimica del condizionatore d’aria che si mescola con questa acqua di scarico.

D’altra parte, quest’acqua attraversa tubi di rame che formano i tubi di raffreddamento in un condizionatore d’aria.

Questo può sembrare allarmante, ma nessuna prova suggerisce che ciò causi contaminazione.

I due grandi svantaggi dell’utilizzo dell’acqua del condizionatore d’aria per le piante sono la mancanza di nutrienti essenziali e la possibile crescita di batteri.

Mancanza di nutrienti

Come accennato in precedenza, l’acqua proveniente da un’unità di raffreddamento viene distillata: l’umidità dell’ambiente si trasforma in vapore.

I componenti di raffreddamento del condizionatore ricondensano il vapore in liquido. Quest’acqua può sembrare solo benefica, ma i nutrienti di cui le piante hanno bisogno vengono persi perché l’acqua non si mescola con gli altri elementi naturali.

Le piante hanno bisogno di minerali affinché la fotosintesi avvenga correttamente. Con l’acqua del rubinetto, otterranno questi minerali, ma anche l’acqua del rubinetto non è l’ideale perché contiene una sovrabbondanza di minerali e cloro.

Ma l’acqua distillata di un condizionatore d’aria non ne ha abbastanza, quindi qual è la via di mezzo?

Un’ottima soluzione a questo sarebbe usare l’acqua del condizionatore d’aria con un fertilizzante solubile a tua scelta.

Con questa soluzione, le tue piante possono avere acqua pura senza additivi nocivi per l’acqua del rubinetto e avere i nutrienti adeguati dal fertilizzante.

Crescita batterica

Se hai un’unità esterna, probabilmente c’è un piccolo foro nella parte inferiore dell’unità che consente all’acqua di scarico di defluire continuamente.

Questo è ottimo perché impedisce la possibilità che l’acqua torni nel condizionatore e, peggio ancora, rimanga inattiva, causando la crescita batterica. L’acqua stagnante è un terreno fertile per batteri e alcuni tipi di insetti, come le zanzare.

Questo vale se si consente all’acqua di raccogliersi nella bacinella di drenaggio e quindi la si utilizza per l’irrigazione delle piante o se si lascia che l’acqua si raccolga in secchi nel tempo.

Le piante sono più resistenti ai batteri rispetto agli animali, tuttavia una sovrabbondanza di batteri può danneggiare le piante.

Pertanto, è importante non lasciare che l’acqua del condizionatore d’aria rimanga lì a stagnare per troppo tempo. Usala già dopo qualche giorno dal suo accumulo.

Come rispondono le piante all’acqua del condizionatore?

C’è una verità universale quando si tratta di acqua: tutti gli esseri viventi ne richiedono almeno una parte. A parte l’acqua salata o l’acqua fortemente diluita, la maggior parte delle piante assorbirà felicemente l’acqua per sopravvivere.

Ma ci sono anche alcune differenze tra il modo in cui le piante da esterno rispondono al tipo di acqua rispetto alle piante da interno in vaso.

Piante da esterno

L’acqua distillata usata per le piante da esterno viene usata in combinazione all’acqua piovana.

Anche se in teoria, l’acqua piovana dovrebbe contenere solo idrogeno e ossigeno così come l’acqua distillata, in pratica, comunque contiene una percentuale di minerali benefici per le piante.

Dunque se usi per una stagione l’acqua del condizionatore per le tue piante da esterno non è un dramma poiché alla prima pioggia riceverà i minerali necessari.

Piante in vaso

L’uso dell’acqua del condizionatore d’aria per piante in vaso o piante che vengono coltivate all’interno potrebbe non essere del tutto sicuro.

A differenza delle piante da esterno, le piante da interno non hanno il vantaggio di avere l’ambiente esterno circostante per compensare la perdita di minerali.

Le piante in vaso hanno già una distribuzione del terreno inferiore rispetto alle piante da esterno. Per questo motivo, l’acqua del condizionatore soddisferà solo l’idratazione di base per le piante d’appartamento.

Potresti prendere in considerazione l’utilizzo di un concime solubile come componente aggiuntivo con l’acqua del condizionatore d’aria per sostituire i nutrienti essenziali.

Di conseguenza, l’acqua del condizionatore d’aria o qualsiasi tipo di acqua distillata idraterà efficacemente le piante. La perdita di minerali non è grave per le piante da esterno, ma potrebbero esserci dei problemi con le piante da interno.

Per concludere, l’acqua del condizionatore d’aria va bene per le piante. Tuttavia, non è il tipo di acqua ottimale per sostenere una sana crescita delle piante.

È un ottimo modo per fare la tua parte e non sprecare risorse e alle tue piante non dispiacerà l’acqua del condizionatore d’aria a breve termine.

Non è consigliabile fornire alle piante l’acqua del condizionatore d’aria che è rimasta stagnante nella bacinella di scarico di un’unità; questo favorisce la proliferazione di batteri.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.