Se gli steli dell’Orchidea stanno crescendo storti stai ignorando questi 3 motivi

Spesso accade che gli steli fioriferi della nostra bella orchidea, se non adeguatamente assistiti da supporti, possono cominciare a crescere storti.

Se questo accade non bisogna necessariamente allarmarsi, ma è chiaro che anche se la principale motivazione è la mancanza dei sostegni agli steli, la nostra orchidea ci sta comunicando qualcosa.

La curvatura degli steli delle nostre piante ha sempre un significato ben preciso, anche per quanto riguarda le nostre orchidee. Conoscerlo ci consente di intervenire in modo tempestivo qualora la nostra orchidea abbia bisogno di qualcosa.

Vediamo insieme come mai la nostra orchidea ha steli storti e in che modo intervenire.

L’orchidea è alla ricerca di luce

La prima motivazione per la crescita di steli fioriferi storti o protesi verso un lato specifico riguarda senz’altro la ricerca di luce che la tua orchidea mette in atto.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarci il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Questo dipende chiaramente dalla sua esposizione, dunque dal posto che hai scelto in casa.

Uno stelo orientato verso un lato si protende verso un punto di luce e ti sta dicendo che l’orchidea probabilmente non riceve abbastanza luce. La luce potrebbe essere abbastanza per mantenere le orchidee in salute, ma non adeguata per vederla prosperare e fiorire come si deve.

Scegli un’esposizione che possa garantire alla tua orchidea una luce brillante ma indiretta. In questo modo impedirai che i raggi coenti del sole possano bruciare le foglie carnose.

Un’esposizione ad est potrebbe essere ideale, permettendole di godere delle prime ore di luce, anche diretta, del giorno ma delicata.

L’orchidea è alla ricerca di un sostegno

L’orchidea è una pianta che in natura ricerca sostegni, cioè fa di tutto per aggrapparsi ad alberi e cortecce, godendo dell’umidità e della luce filtrata dagli alberi più alti.

Questo avviene con le sue radici aeree, radici che nascono e si protendono verso l’alto, diversamente dalle radici in vaso, che hanno la funzione non solo di carpire l’umidità dall’ambiente circostante ma soprattutto di aggrapparsi alle superfici.

Gli steli fioriferi potrebbero ricercare lo stesso sostegno e tentare di allungarsi per essere in qualche modo sostenuti ma quando ciò non accade tendono a curvarsi, spesso verso il basso, come fossero pendenti.

Alcuni tendono ad arricciarsi su sé stessi provando ad autosostenersi, regalandoci delle fioriture pendenti oppure concentriche e particolari.

Lo stelo è troppo pesante

Alla nascita lo stelo ha una consistenza tenera e col tempo tende ad irrigidirsi e ad accogliere i boccioli e poi i fiori sulla sommità.

Rami fioriti sono chiaramente più pesanti e potrebbero in qualche modo pendere a tal punto da spezzarsi.

In alcuni casi l’orchidea potrebbe addirittura lasciar cadere i fiori per sopravvivere e quindi evitare di spezzare gli steli.

Dai un sostengo agli steli

L’unico modo per evitare che il tuo stelo possa crescere storto è quello di assicurargli un sostegno.

Procurati dei bastoncini della lunghezza di 50 cm almeno e piantali nel terriccio grossolano della tua orchidea, facendo attenzione a non danneggiare le radici.

Poiché inizialmente lo stelo sarà morbido sarai in grado di orientarne la crescita e legarlo man mano al supporto così che possa crescere dritto e sostenuto.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.