Se hai una Peonia devi fare attenzione quando arrivano i primi freddi

I suoi fiori sono considerati, da molti vivaisti, dalla forma perfetta.

Grandi e dai colori spesso tenui, i fiori della Peonia hanno vita breve ma regalano un tocco in più a una pianta che, già normalmente, porta con sé un’enorme bellezza.

Originaria della Cina, questa pianta è dotata di grande resistenza. Tuttavia, l’arrivo dei primi freddi può portare con sé alcune spiacevoli conseguenze.

Vediamo quali sono i pericoli effettivi e cosa, invece, non va temuto affatto!

Quali sono i pericoli

Iniziamo a vedere quali sono i pericolo concreti cui è esposta la peonia quando arrivano i primi freddi.

Colpo di freddo

Il pericolo più concreto per questa pianta, quando le temperature si abbassano, è rappresentato dal colpo di freddo.

In caso di arrivo improvviso e netto delle basse temperature, infatti, la pianta può subire un vero e proprio shock. La conseguenza? La sua chioma può spogliarsi delle sue bellissime foglie. Se i colpi di freddo sono ricorrenti, possono essere compromesse le fioriture della stagione primaverile.

Purtroppo, trattandosi di una pianta da esterni, non puoi fare molto per proteggere la tua pianta dai colpi di freddo se non limitarti a prendertene cura in modo corretto per evitare gli altri disagi e favorire il suo recupero delle forze dopo questo breve shock.

Vento

Sembra innocuo, eppure il vento può rappresentare un grosso rischio per la peonia.

Soprattutto gli esemplari arbustivi, infatti, hanno dei rami abbastanza legnosi che, in caso di vento forte, rischiano di spezzarsi.

Se tieni la peonia in vaso e puoi spostarla, non esitare a farlo collocandola in un posto più riparato.

Se, invece, la tieni a terra, in giardino, puoi proteggerla con dei teli.

Piogge scroscianti

La peonia è una classica pianta da giardino e, in quanto tale, può essere esposta alle piogge scroscianti.

Come il vento, anche la pioggia può danneggiare strutturalmente la pianta, spezzando i rami o danneggiando le foglie.

Un altro rischio è connesso, però, alla troppa acqua che può rendere il terreno fangoso ed esporre le radici al rischio di marciumi.

Se le piogge sono molto frequenti e intense, puoi pensare di riparare la pianta (tanto la sua chioma quanto la sua base) con dei teli protettivi da rimuovere con facilità quando smette di piovere.

I falsi rischi

Contrariamente a quanto si possa pensare, la peonia non teme il freddo che rappresenta, quindi, un falso rischio per questa pianta.

Come abbiamo detto in apertura, la peonia ha origini cinesi e cresce nelle zone a temperatura rigida del Paese. Per questo, sopporta temperature che scendono addirittura a 30 °C sotto lo zero!

Insomma, il freddo per la peonia non sarà mai un problema! Ovviamente, tieni a mente sempre che ne esistono specie diverse con differenti esigenze.

In questo periodo, un altro falso rischio è quello dei parassiti che, con le temperature più basse, diventano più rari e quasi innocui per questa pianta. Anche le malattie sono più comuni con il caldo, ragion per cui non devi temerle troppo in questo periodo.

Un buon modo per evitare pericoli è quello di ispezionare settimanalmente la pianta verificando eventuali indizi di malessere e agire per tempo così da eliminarli!


Photo Credits:

Le immagini presenti in questo articolo sono di proprietà di Meraki s.r.l.s.

Gianluca Grimaldi
Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".