Con 1 solo semplice passaggio puoi usare il Riso come concime naturale

Spesso prima di acquistare concimi già formulati presso i vivai o negozi riforniti, guardiamo nella dispensa se possiamo usare qualcosa che abbiamo già in casa.

Tra i concimi naturali più gettonati ci sono ovviamente quelli che derivano dagli scarti della cucina, è un modo per riciclare ciò che invece butteremo nell’umido.

In questo caso però il procedimento per ottenere un concime naturale è ancora più semplice: sto parlando del riso.

Con un solo passaggio avrai un concime utile per la fioritura delle tue piante, scopriamolo insieme!

Vantaggi del riso in giardino

Spesso non ci pensiamo ma tutto ciò che utilizziamo in cucina, o quasi è potenzialmente utile anche per il nostro giardino, ovviamente con le dovute accortezze.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

In questo caso si parla di un elemento comunissimo e sempre presente nella nostra cucina, il riso.

I vantaggi del riso in giardino sono due: apporta fosforo e potassio alle nostre piante nutrendole per garantire una fioritura ricca.

la cosa positiva è che è anche molto semplice da preparare, vediamo come si fa.

Come preparare il concime con il riso

In genere, un trucco che usano in molti per evitare di ottenere dei chicchi cotti troppo appiccicosi e quello di sciacquare il riso prima di cuocerlo.

E se ti dicessi che l’acqua con cui sciacqui il riso puoi riutilizzarla?

Ebbene sì, ti basta mettere 3 pugni di riso in 1 L d’acqua e aspettare.

Aiutati con le mani muovendo i chicchi nella pentola e aspetta che l’acqua diventi bianca.

Usalo per le acidofile

L’acqua con cui hai lavato il riso ha anche un altro vantaggio: abbassa il ph del terreno.

Questa funzione è utile per piante acidofile cioè quelle piante che prediligono un terreno con un ph acido.

Le piante acidofile sono più comunemente le azalee, le camelie, le ortensie.

Se hai una di queste piante o comunque una qualsiasi pianta acidofila e non sai se il terreno è acido o meno per la loro salute è il caso di misurare l’acidità attraverso uno strumento apposito che trovi nei vivai o nei negozi di fai-da-te per pochi euro.

Usalo per piante fiorite

Questo concime semplicissimo creato dal risciacquo del riso abbiamo visto che apporta due nutrienti al terreno: fosforo e potassio.

Questi due nutrienti sono essenziali per la crescita di fiori e frutti e dunque le piante che traggono maggior vantaggio da questo tipo di concime liquido sono arbusti da fiore o piante da orto.

Innaffia i gerani o le piante fiorite oppure le tue piante dell’orto con l’acqua di riso nei mesi precedenti alla fioritura e continua per tutta la durata della stagione.

Innaffia 1 volta ogni 15 giorni con il concime liquido, puoi anche alternare cicli di innaffiatura con sola acqua all’applicazione del concime.

La fioritura che otterrai sarà ricca e rigogliosa!

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.