Come curare l’Aeonium la pianta grassa bella e super resistente

Foglie piccole che formano gruppi a forma di rosa o, meglio, di stella: l’Aeonium è una delle piante grasse più diffuse nelle nostre case.

Il suo colore è molto particolare: di solito, infatti, le sue foglie sono di un colore verde intenso, tuttavia alcune volte possono assumere sfumature scure, tendenti al nero, o anche più chiare, tendenti al bianco.

Proprio i riflessi spesso neri, le hanno dato il soprannome di “testanera“.

Inoltre, a differenza delle altre piante succulente, l’Aeonium richiede qualche attenzione in più.

Scopriamo insieme tutti i segreti di questa pianta.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Caratteristiche

Vediamo innanzitutto quali sono le caratteristiche principali dell’Aeonium, imparando le sue varietà e le sue necessità di esposizione.

Varietà

In realtà, quando parliamo di Aeonium ci riferiamo a un genere, appartenente alla famiglia delle Crassulacee.

In totale, questo genere comprende più di 30 specie. Tra le più conosciute di questa pianta ci sono l’Aenoium arboreum, con un fusto alto fino al metro e mezzo, e l’Aeonium decorum, a forma cespugliosa.

La specie più diffusa, tuttavia, è l’Aeonium haworthii, il cui stelo può svilupparsi verso l’alto o ricadere verso il basso come una pendente.

Esposizione

Questa pianta succulenta è adatta sia agli ambienti interni che esterni, pur prediligendo questi ultimi.

L’ideale è tenerla in pieno sole, senza temere in alcun modo l’esposizione alla luce solare diretta.

Per quanto riguarda la temperatura, invece, resiste a temperature anche altissime. L’importante, però, è limitare la sua esposizione a temperature molto fredde, sotto gli 0 °C.

In caso di gelate, proteggete la pianta con la pacciamatura.

N.B: se avete un ambiente buio, ecco quali piante grasse potete coltivare.

Coltivazione e cura

Scopriamo adesso come comportarci nel coltivare questa pianta in modo da averla sempre in salute e rigogliosa.

Terreno

Così come tutte le piante grasse, l’Aeonium ama i terreni ben drenati e ricchi di sostanze organiche.

Molti vivaisti consigliano, per favorire lo sviluppo della pianta, di utilizzare un terriccio grasso, sabbioso e argilloso.

Innaffiatura

L’errore più comune che si commette con questa pianta è quello di esagerare con le innaffiature.

In primavera e in estate, l’ideale è innaffiare ogni 10-15 giorni, soltanto quando il terreno risulta ormai completamente asciutto.

Nei mesi freddi, invece, riducete le innaffiature al minimo o sospendetele del tutto.

Concime

Non è essenziale concimare l’Aeonium per tenerlo in salute. La concimazione, però, può essere utile per favorire la crescita della pianta.

Sarà sufficiente concimare due volte nei mesi caldi, utilizzando un fertilizzante liquido per piante grasse da diluire nell’acqua di innaffiatura.

Potatura

Potatura? No, grazie.

Di norma, questa pianta cresce in modo abbastanza ordinato e non ha bisogno di potature.

Se volete limitarne le dimensioni, togliete i rami su cui ci sono foglie ormai secche, utilizzando delle cesoie ben sterilizzate.

Moltiplicazione

Il modo più semplice per moltiplicare questa pianta è per talea.

Staccate un rametto della pianta comprendente almeno una rosetta di foglie. Fate attenzione a staccare il ramo sotto un suo nodo.

Lì dove avete fatto il taglio, passate un po’ di cannella in polvere che vi aiuterà a disinfettare la parte recisa. Ecco tutti gli altri modi in cui potete usare questo prodotto in giardino.

Poi, lasciate asciugare per almeno un giorno. A questo punto potete mettere la talea a radicare in un vasetto di medie dimensioni pieno di un misto di terreno e torba.

Malattie e parassiti

Aeonium e parassiti sono due parole che raramente si trovano nella stessa frase! Questa pianta, infatti, quasi mai viene infestata.

Se la tenete all’esterno, qualche insettino potrebbe migrare dalle piante vicine ma, di solito, l’infestazione non si sviluppa. Nel caso troviate alcuni afidi o cocciniglia, potete seguire questi consigli.

Circa le malattie, anche queste sono molto rare. Nella maggior parte di casi possono svilupparsi infezioni quando abbiamo innaffiato troppo la pianta e le sue radici stanno marcendo.

Curiosità

I colori e le sfumature di questa pianta costituiscono un vero e proprio caleidoscopio. Non è raro, infatti, trovare foglie con sfumature non solo bianche o nere, ma anche marroni o addirittura porpora.

Alcuni amano collezionare Aemonium di diverso colore mettendoli vicini fino a creare una meravigliosa composizione.

Come riprodurre l’aeonium?

Il metodo più semplice è per talea, ricavandone alcune di 10-15 cm e mettendole a radicare in un misto di terreno e torba.

Come si cura la pianta di Aeonium?

I segreti per coltivare questa pianta sono il metterla in pieno sole, l’innaffiarla poco e il non farle soffrire il freddo.

Come salvare una pianta grassa che comincia a marcire?

Se a marcire è la parte inferiore, ricavate una talea è fatela radicare in modo da ottenere una pianta nuova.
Se il marciume non è in fase avanzata, provate a rinvasare la pianta.

Quando una pianta grassa diventa gialla?

Di solito, le foglie di una pianta grassa ingialliscono quando questa è stata innaffiata troppo.
A volte, il colore giallo è sintomo di marciume radicale.

Come salvare una pianta grassa dalla troppa acqua?

Togliete la pianta dal vaso, recidete le radici già marce e lasciate asciugare le altre, prima di rinvasarla.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".